sabato, Dicembre 3, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIl Ministero degli esteri iraniano svela un complotto per far estradare i...

Il Ministero degli esteri iraniano svela un complotto per far estradare i residenti di Ashraf

ImageCNRI – Il portavoce del Ministero degli Affari Esteri del regime iraniano, Ramin Mehmanparast, ha oggi annunciato ufficialmente che il regime ha cercato di espellere i membri dell'OMPI in Iran e ha espresso la speranza che "i membri criminali dell'Ompi dovrebbero essere consegnati all'Iran. " Lo ha rivelato durante una conferenza stampa organizzata contemporaneamente con gli agenti del regime in Iraq che nelle ultime settimane hanno parlato di arresti ed estradizioni dei residenti di Ashraf e dei responsabili dell'OMPI.

Durante la conferenza, un giornalista dell'agenzia di stampa Mehr affiliato al Ministero dell'Intelligence (MOIS) ha domandato: "Ci sono oltre 100 membri del PMOI sulla lista di ricerche dell'Interpol che sono proprio in Iraq ora. L'Iran ne ha domandato l'estradizione? "Mehmanparast ha risposto:" I documenti relativi ai loro crimini sono stati forniti alle organizzazioni internazionali, tra cui l'Interpol (…) Stiamo tentando l'espulsione dell' PMOI dall'Iraq (…) Ci auguriamo che i membri dell'OMPI vengano consegnati all'Iran (…) I Paesi confinanti devono sfruttare la loro capacità di sviluppare le proprie relazioni e la presenza dell 'PMOI in questi paesi è dannosa per i loro rapporti. (Agenzia Mehr, 10 agosto 2010).

In risposta ad un'altra domanda della stessa agenzia sulla possibilità di un trasferimento dei membri dell'OMPI sulla frontiera saudita, ha risposto: "Dobbiamo essere a conoscenza delle modalità del loro trasferimento e fino a che punto la comunità internazionale potrebbe cooperare. "
La resistenza iraniana è stata ripetutamente messa in guardia circa il trasferimento forzato dei residenti di Ashraf, i mandati di arresto illegale e i mandati di comparizione davanti al giudice, sulla base delle richieste di estradizione dal regime dei mullah ', riportano la volontà del regime iraniano a commettere un altro bagno di sangue ad Ashraf.  Il piano è quello di  distruggere Ashraf nei relativio clima di incertezza politica che regna in Iraq con l'attuale governo iracheno che è al potere. Si vuole inoltre sfruttare appieno l'assenza di forze americane e la squadra di osservatori di UNAMI ad Ashraf.

Mentre il regime iraniano parla pubblicamente e ufficialmente del suo piano per l'espulsione, l'estradizione e lo spostamento dei residenti di Ashraf nelle terre desertiche del sud dell'Iraq, la resistenza iraniana chiede al governo degli Stati Uniti di ridistribuire le sue forze militari per proteggere Ashraf e i suoi cittadini, chiedendo a UNAMI di restituire la sua squadra di osservatori al campo per evitare un'altra catastrofe umana. Tali richieste si basano sugli obblighi internazionali degli Stati Uniti e dei loro accordi bilaterali con ciascuno dei residenti di Ashraf.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
10 agosto 2010

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,407FollowersFollow