lunedì, Aprile 15, 2024
HomeComunicati StampaDiritti UmaniAppello internazionale all'azione per garantire la libertà dei prigionieri politici in Iran

Appello internazionale all’azione per garantire la libertà dei prigionieri politici in Iran

NCRI

Shahab Nadali, un sostenitore del Mojahedin del Popolo Iraniano ( PMOI ), e Mamoosta Mohammad Khezrnejad, un ecclesiastico sunnita, sono stati condannati a morte
Mehdi e Mohammad Khodakarami sono stati condannati a 8 e 4 anni di carcere.
Appello internazionale ad agire per garantire la libertà dei prigionieri politici e salvare i condannati a morte, sollecitando missioni internazionali di accertamento dei fatti per ispezionare le prigioni

La sezione 26 del tribunale rivoluzionario di Teheran del regime di Ali Khamenei ha condannato a morte Shahab Nadaali Jozani con l’accusa di “appartenenza a gruppi di opposizione” e “collaborazione e cooperazione armata con il PMOI (Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano)”.
Shahab Nadaali, operaio 42enne di Hamedan e padre di una figlia di 12 anni, è stato arrestato nel giugno 2023 nella stessa città e successivamente trasferito nel carcere di Evin.
Inoltre, la vita di Mohammad Javad Vafaei Sani, 28enne sostenitore del PMOI e prigioniero della rivolta del 2019, è in pericolo perché è stato condannato a morte dal tribunale rivoluzionario del regime a Mashhad.
In un altro verdetto penale, la magistratura del regime di Urmia ha condannato Mamoosta Mohammad Khezrnejad, un chierico sunnita arrestato durante la rivolta del 2022, all’esecuzione con l’accusa di “corruzione sulla terra” e “propaganda contro il sistema”, oltre a 16 anni di carcere. È stato arrestato nel novembre 2022 dopo aver pronunciato un discorso al funerale del martire della rivolta As’ad Rahimi insieme al figlio a Bukan. In precedenza Mamoosta Khezrnejad era stato ripetutamente interrogato e molestato dagli organi repressivi.
Inoltre, il tribunale del regime di Khorramabad ha condannato due fratelli, Mohammad Khodakarami, 32 anni, e Mehdi Khodakarami, 42 anni, a 8 e 4 anni di carcere con l’accusa di “appartenenza al PMOI” e “cospirazione e collusione per commettere crimini contro la sicurezza nazionale”. Sono stati arrestati a Teheran nel marzo 2023 e sottoposti a gravi torture a Evin, che hanno causato fratture e lesioni a Mohammad, poi trasferito in ospedale in stato comatoso. Successivamente sono stati trasferiti nella prigione di Khorramabad, dove sono stati torturati. Le guardie carcerarie hanno spostato Mohammad e Mehdi nella sezione dei detenuti comuni e hanno assegnato a un detenuto assunto il compito di picchiarli e maltrattarli. A causa delle brutali torture, soffrono di varie malattie e sono privati dei servizi medici e farmaceutici essenziali. Anche i farmaci acquistati dalle loro famiglie sono stati rubati e non vengono loro forniti.
Ancora una volta, la Resistenza iraniana chiede all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, al Consiglio per i Diritti Umani e agli altri organi competenti delle Nazioni Unite, nonché all’Unione Europea e ai suoi Stati membri, di intervenire immediatamente per liberare i prigionieri politici e salvare le vite dei condannati all’esecuzione. Si sottolinea la necessità di missioni internazionali di accertamento dei fatti per visitare le carceri iraniane e incontrare i prigionieri.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
11 febbraio 2024

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow