lunedì, Aprile 15, 2024
HomeNotizieIran NewsLa rivoluzione iraniana del 1979: allora e oggi

La rivoluzione iraniana del 1979: allora e oggi

mojahedin-1979revolution

Durante la rivolta contro il regime dittatoriale dello Shah, i manifestanti portavano uno striscione a sostegno dei fondatori del PMOI.

L ‘ 11 febbraio 2024 segna il 45 ° anniversario della rivoluzione iraniana, un momento cruciale nella storia della nazione che ha radicalmente modificato il suo panorama politico. Il rovesciamento della monarchia dello Shah nel 1979 da parte di una rivolta popolare rappresentò il culmine di decenni di malcontento e resistenza contro il regime oppressivo.

La dittatura dello Shah, caratterizzata da repressione, censura e tattiche brutali contro il dissenso, era stata a lungo una fonte di rabbia tra il popolo iraniano. Il colpo di stato del 1953 contro il primo ministro Mohammad Mossadegh, orchestrato da potenze straniere e giustiziato dagli aguzzini dello Scià, alimentò ulteriormente le fiamme dell’opposizione. Il regno della polizia segreta dello Shah, SAVAK, segnato da imprigionamenti, torture e soppressioni del dissenso politico, servì solo ad approfondire il risentimento nutrito dalla popolazione iraniana.

La rivoluzione del 1979 non fu un evento spontaneo ma il risultato di anni di lotta guidati da vari gruppi politici, tra cui l’Organizzazione Fadayan e l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (PMOI/MEK). Tuttavia, nonostante i loro sforzi, il MEK subì arresti, torture e imprigionamenti. Questo vuoto di leadership ha permesso all’ayatollah Khomeini di dirottare la rivoluzione e stabilire il dominio assoluto del Faqih, inaugurando una nuova era di autoritarismo religioso.

La successiva istituzione del regime teocratico sotto la guida di Khomeini ha segnato un cambiamento nel panorama politico del paese. Tuttavia, non ha portato le riforme democratiche che molti avevano sperato. Invece, il nuovo regime ha perpetuato la repressione, la censura e le violazioni dei diritti umani, sia a livello nazionale che all’estero. L’esportazione del terrorismo e di atti guerrafondai sono diventati pilastri strategici della politica estera del regime, servendo da distrazione dai suoi fallimenti in patria.

Nonostante la brutale repressione, il MEK è emerso come la principale forza di opposizione contro il regime, raccogliendo il sostegno di diversi segmenti della società iraniana. Attraverso l’organizzazione e l’attivismo di base, il MEK ha messo in luce la vera natura del regime dei mullah e ha mobilitato una diffusa resistenza contro il suo dominio oppressivo.

L’istituzione del Consiglio Nazionale della Resistenza iraniana (NCRI), una coalizione di gruppi di opposizione tra cui il MEK, ha fornito una piattaforma unificata per il popolo iraniano per sfidare il regime e sostenere il cambiamento democratico. Il rifiuto del CNRI sia della monarchia dello Shah che della teocrazia dei mullah ha sempre simboleggiato un impegno per la libertà, la democrazia e i diritti umani.

Nel corso degli anni, il regime ha impiegato varie tattiche per mantenere la sua presa sul potere, tra cui la propaganda, la repressione e la manipolazione dei conflitti interni ed esterni. Tuttavia, il popolo iraniano ha continuato a resistere, rifiutando false promesse di riforme e chiedendo un autentico cambiamento democratico.

Nella rivolta del 2017, il popolo ha respinto la nozione ingannevole di riformisti all’interno del regime con il loro slogan “La fine del gioco riformista e fondamentalista”, e nel 2022, il popolo iraniano ha respinto la propaganda dei nostalgici dello Scià con lo slogan “Morte all’oppressore; sia lo Scià o il leader (Khamenei)”.

Le recenti rivolte, comprese quelle dal 2017 al 2022, hanno sottolineato la profondità del malcontento popolare e la resilienza del movimento di opposizione. Le Unità di resistenza del MEK hanno svolto un ruolo fondamentale nell’organizzazione e nel sostegno di queste proteste. Di fronte alla repressione e alla tirannia, il popolo iraniano ha dimostrato incrollabile coraggio e resilienza, opponendosi a un regime che nega loro i diritti più fondamentali.

Le rivolte hanno fatto precipitare una profonda crisi all’interno del regime, portando alla sua destabilizzazione. Di fronte a una crisi di rovesciamento, il regime ha fatto ricorso alla sua strategia tipica: generare una crisi significativa nella regione per deviare l’attenzione dalle turbolenze interne. Perseguendo questo obiettivo, il regime ha fomentato il conflitto in Medio Oriente e generato la destabilizzazione regionale attraverso i suoi gruppi proxy.

Questa situazione ha sottolineato inequivocabilmente che la prospettiva di rovesciare il regime clericale e avviare un’altra rivoluzione da parte del popolo iraniano non solo libererebbe l’Iran e stabilirebbe la democrazia, ma attenuerebbe anche la propensione del regime all’esportazione di atti bellici e terrorismo, promuovendo così la pace e la stabilità nella regione. In sostanza, la pace e la stabilità regionale dipendono dal rovesciamento del regime clericale.

” I nostri migliori alleati e i nostri partner per una strategia efficace per contrastare il ruolo distruttivo del regime in Medio Oriente sono il popolo iraniano e il suo movimento di resistenza organizzato, guidato da Madam Rajavi”, ha detto Lord Alton durante una conferenza alla Camera dei Comuni il 31 gennaio 2024. Ha aggiunto: “Il suo piano in dieci punti, la sua sorta di decalogo per la regione, queste sono cose cruciali sul futuro dell’Iran. Essi forniscono una tabella di marcia per un regime democratico. Offre una soluzione iraniana chiara e di lunga data alle minacce del regime, non una soluzione progettata dagli Stati Uniti o dal Regno Unito o dall’Unione Europea,ma progettata dal popolo iraniano per il futuro dell’Iran.”

Lord Alton ha anche sottolineato il consenso internazionale sulla minaccia del regime e l’importanza di sostenere l’alternativa democratica del popolo iraniano. Ha sottolineato il diritto del popolo iraniano a ribellarsi contro la repressione e la tirannia, un diritto sancito dalla Dichiarazione Universale dei Diritti umani.

In un recente dibattito alla Camera dei Comuni, il deputato britannico Bob Blackman ha sottolineato l’imperativo umanitario di opporsi al regime iraniano, affermando che sostenere il popolo iraniano e riconoscere la legittimità della sua opposizione è essenziale per raggiungere un Iran libero e democratico.

 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow