mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeSenza categoriaGhobadi: Al piu grande raduno degli iraniani a Parigi, personalità politiche di...

Ghobadi: Al piu grande raduno degli iraniani a Parigi, personalità politiche di alto profilo hanno chiesto il riconoscimento del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana da parte della comunità internazionale

Radio 1 Zapping, 1 luglio 2011 –  In un grande raduno tenutosi presso l’Auditorium Villepinte, vicino a Parigi nel pomeriggio di sabato 18 Giugno 2011, gli iraniani hanno chiesto l’immediata protezione di Ashraf da parte dell’ONU con l’assistenza fornita dagli Stati Uniti e Unione europea. Essi hanno inoltre condannato qualsiasi tipo di spostamento dei residenti di Ashraf in Iraq, e dichiarato il loro sostegno alla pacifica soluzione europea a lungo termine per Ashraf. I partecipanti hanno definito il mantenimento dell’etichetta di terrorismo contro l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI / MEK) da parte del Dipartimento di Stato americano una misura illegale ed equivale a partecipare alla repressione del popolo iraniano e della Resistenza. I partecipanti hanno invitato il governo degli Stati Uniti a rispettare il verdetto del luglio scorso della Corte d’Appello a DC ed a revocare immediatamente l’etichetta di terrorismo della PMOI. Anche centinaia di importanti politici e parlamentari che rappresentano una vasta gamma di opinioni politiche di Paesi in cinque continenti del globo hanno partecipato al più grande raduno di questo tipo di esuli iraniani. Oltre ad esprimere il loro sostegno alla Resistenza Iraniana e alla difesa dei diritti di Ashraf, personalità politiche di alto profilo hanno anche chiesto il riconoscimento del Consiglio Nazionale della Resistenza da parte della comunità internazionale.

Oratore principale dell’evento era la signora Maryam Rajavi, Presidente eletta della Resistenza Iraniana. Il suo discorso è stato seguito da alcuni importanti relatori, fra i quali Rudolph Giuliani, ex sindaco di New York e Candidato presidenziale (2008); Andrew Card, Capo di Stato Maggiore della Casa Bianca del presidente George Bush (2001 -2006); Alejo Vidal Quadras, Vicepresidente del Parlamento europeo, Geir Haarde, ex Primo Ministro dell’Islanda (2006-2009), Lord Corbett di Castle Vale, responsabile del gruppo di lavoro dei Pari nella Camera dei Lord; Nariman al-Rousan, membro del Parlamento giordano, Aude de Thuin, scrittrice e fondatrice del Forum delle Donne; Sid Ahmed Ghozali, ex Primo Ministro algerino, oltre all’appoggio di 5.000 sindaci francesi per la Resistenza Iraniana.

L’incontro si è tenuto alla vigilia del 20 giugno, la Giornata dei Martiri e dei Prigionieri Politici in Iran. Accompagnata dalla signora Rezaii (la madre di 7 martiri), Mahin Saremi e un certo numero di parlamentari francesi, la signora Maryam Rajavi ha onorato la memoria di 120.000 martiri del popolo iraniano, caduti durante la lotta contro la dittatura clericale luna tre decenni, tra cui i martiri degli ultimi due anni e coloro che hanno perso la vita a causa del recente attacco criminale contro Ashraf. Anche la signora Mahin Saremi, moglie di Ali Saremi sostenitore della PMOI, ha partecipato al raduno. Ali Saremi è stato il prigioniero politico iraniano più importante ed è stato impiccato lo scorso anno dal regime iraniano, dopo aver sopportato 24 anni di prigionia e tortura.

La signora Saremi, che è stato arrestata e imprigionata più volte dal 1980, è stata recentemente condannato a 10 anni di reclusione ma è riuscita a fuggire dal regime iraniano e raggiungere Parigi. Akbar, figlio di Ali e Mahin Saremi, è tra i residenti di Ashraf. Inoltre, una sfilata di oltre 4.000 parlamentari provenienti da 40 paesi in tutto il mondo a sostegno della Resistenza Iraniana e dei residenti di Ashraf in particolare è stato presentata al raduno. I deputati, tra cui la maggioranza del Parlamento europeo, la maggioranza dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa e maggioranze di 28 parlamenti nazionali, chiamati per la protezione urgente di Ashraf da parte di ONU, USA e UE, la revoca immediata dell’assedio su Ashraf – soprattutto garantendo il libero accesso ai servizi medici – e un’indagine imparziale, completa e indipendente sui crimini commessi l’8 aprile ad Ashraf. Essi hanno dichiarato il loro sostegno al piano europeo per Ashraf, e decisamente respinto lo spostamento dei residenti in Iraq, considerandolo come precursore di un nuovo massacro. Il legislatore inoltre ha invitato la comunità internazionale a riconoscere il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana.

Shahin Ghobadi, portavoce del Ministro degli Esteri della Resistenza Iraniana

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,474FollowersFollow