giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaUna grande vittoria umanitaria e politica: completato il trasferimento dall’Iraq in Europa...

Una grande vittoria umanitaria e politica: completato il trasferimento dall’Iraq in Europa degli ultimi rifugiati iraniani di Camp Liberty

COMUNICATO STAMPA

Roma, 9 settembre 2016 – Il Comitato Italiano di Parlamentari e Cittadini per un Iran Libero ha appreso oggi del completamento con successo del trasferimento in Albania degli ultimi membri dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI) residenti a Camp Liberty, in Iraq. Si tratta di una vittoria umanitaria e di un grande risultato politico, per il quale il Comitato si congratula con l’OMPI, con le associazioni di esuli iraniani in Italia, con la Presidente-eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana Maryam Rajavi e con le competenti autorità albanesi.

Il Comitato ringrazia inoltre i numerosi parlamentari di Camera e Senato di diversi gruppi e tutti i cittadini che negli ultimi anni sono stati parte attiva nel sollecitare istituzioni internazionali e governi responsabili a garantire la sicurezza dei residenti dei campi Ashraf e Liberty e a facilitarne il  trasferimento definitivo verso Paesi terzi, nel rispetto delle Convenzioni internazionali in materia.

Questo è avvenuto nonostante i sistematici e più volte sanguinari tentativi del regime iraniano di ostacolare il trasferimento dei membri dell’OMPI dall’Iraq, spesso in complicità con alleati nel governo iracheno e nel silenzio della comunità internazionale, contro il quale si sono battuti tanto le organizzazioni della resistenza iraniana quanto coloro che, in molti Paesi, sostengono la causa dei diritti umani, della libertà e della democrazia in Iran come ovunque nel mondo. 

Il Comitato ricorda che negli ultimi cinque anni sono stati perpetrati 8 attacchi, anche con razzi, contro i campi, causando la morte di 141 residenti e il ferimento di molti altri, e conferma l’impegno perché un giorno sia i responsabili di quei massacri,  sia gli esponenti del regime iraniano che nell’estate del 1988 organizzarono l’esecuzione di oltre 30.000 prigionieri politici possano essere portati davanti alla giustizia.

Il Comitato auspica, infine, che al successo del trasferimento degli ultimi residenti di Camp Liberty possano seguire da parte dei governi europei il riconoscimento della Resistenza iraniana e la fine della politica di condiscendenza verso il regime degli ayatollah di Teheran.

Comitato Italiano di Parlamentari e Cittadini per un Iran Libero

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,407FollowersFollow