domenica, Dicembre 4, 2022
HomeNotizieIran NewsUn detenuto politico curdo impiccato in Iran

Un detenuto politico curdo impiccato in Iran

CNRI – I boia del regime iraniano hanno impiccato domenica un detenuto politico curdo nella prigione centrale della città di Tabriz, Iran nord-occidentale, senza informare la sua famiglia.

Sirvan Nezhavi, era stato arrestato il 5 Luglio 2011 nella città di Karaj ed accusato di “Moharebeh” (dichiarare guerra a Dio) per la sua appartenenza ad un gruppo curdo che si oppone al regime iraniano.

Secondo il fratello di Sirvan, Hossein, i parenti della vittima sono stati informati dell’esecuzione di Sirvan solo quando le autorità della prigione di Tabriz li hanno contattati perché andassero a ritirare il suo corpo. Hossein ha detto che i familiari non erano stati informati dell’esecuzione di Sirvan e che quindi non sono riusciti a vederlo per l’ultima volta.

Sirvan, insieme a un altro detenuto politico, era stato trasferito in isolamento sabato.

Sirvan Nezhavi era stato condannato a morte l’11 Aprile 2012 da una sezione del tribunale rivoluzionario del regime senza aver avuto un avvocato della difesa di sua scelta. La sua condanna a morte era stata in seguito confermata dalla Corte Suprema del regime.

Sirvan era uno dei sei detenuti politici che erano stati trasferiti lo scorso Febbraio in una località sconosciuta. Altri due membri di questo gruppo, Ali e Habiballah Afshari, sono stati impiccati ma non c’erano state informazioni sugli altri quattro fino a poco tempo fa.

Ci sono voluti cinque mesi al regime iraniano per ammettere di aver giustiziato Ali e Habiballah Afshari nella città occidentale di Orumieh.

A Luglio 2015, le autorità della prigione centrale della città hanno detto ai parenti dei due dissidenti che erano stati impiccati il 19 Febbraio 2015 ed hanno ordinato loro di pagare i costi dell’esecuzione.

 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,418FollowersFollow