giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeNotizieIran NewsUn colonnello Iracheno collabora col Ministero dell'Intelligence Iraniano contro i residenti ad...

Un colonnello Iracheno collabora col Ministero dell’Intelligence Iraniano contro i residenti ad Ashraf

Giovedi 20 Settembre, mentre gli ultimi residenti del Campo Ashraf stavano caricando i loro restanti effetti personali sui camion per il trasferimento a Campo Liberty, un colonnello Iracheno in un tentativo spregevole e senza precedenti, si è avvicinato ad uno dei residenti del Campo in cinque diverse occasioni per trasmettere un messaggio proveniente dall’intelligence dei mullah. Il messaggio era, d’altronde, lo stesso tutte le volte; se i residenti si fossero messi d’accordo nel lasciare l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo (PMOI) e di arrendersi alle forze Irachene, sarebbe stato accolto dall’ambasciata Iraniana a Baghdad e avrebbe cosi potuto incontrare la madre e il fratello che sono stati portati a Baghdad per lo stesso motivo, per tornare in Iran senza alcuna minaccia di rappresaglia. A questo proposito, il colonnello Iracheno ha sottolineato il fatto che se il residente è d’accordo ad arrendersi ai mullah, lo avrebbe trasferito personalmente da Ashraf all’Ambasciata Iraniana a Baghdad.
Questo residente ha riportato i dettagli dell’accaduto includendo i nomi e la data e il momento all’UNAMI per indagare allo scopo di rivelare la vera missione degli ufficiali Iracheni ad Ashraf. Il residente ha riferito ai monitor dell’ONU che se non fosse stato per l’insistenza del PMOI nel mantenere la calma ad Ashraf, egli avrebbe risposto in modo appropriato all’ufficiale Iracheno.
In ancora un altro incidente il 16 Settembre, durante il trasferimento del settimo convoglio da Ashraf a Liberty, due ufficiali Iracheni in stretta collaborazione con la terroristica Forza Qods hanno tentato di rapire 10 residenti di Ashraf menandoli e ferendoli. Su questo incidente l’UNAMI deve ancora indagare.
Le NU non dovrebbero consentire agli ufficiali ed alle forza Irachene ad Ashraf e a Liberty di agire come agenti del fascismo religioso che governa in Iran contro i rifugiati Iraniani e contro il movimento di resistenza.
La resistenza Iraniana condanna nella maniera più forte possibile tale comportamento che stabilisce un pericolo precedente ed esorta gli USA e le NU per impedire al governo Iracheno di usare i suoi ufficiali per rilasciare messaggi del Ministero dell’Informazione Iraniano e di prendere tali misure.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
21 Settembre 2012

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow