mercoledì, Aprile 17, 2024
HomeNotizieTerrorismoIl modo di trattare gli scagnozzi e i terroristi del regime iraniano

Il modo di trattare gli scagnozzi e i terroristi del regime iraniano

Il primo ministro albanese Edi Rama ha mostrato al mondo che il suo paese non sarà vittima di bullismo da parte dei tiranni di Teheran

Il seguente articolo di Struan Stevenson, coordinatore della campagna per l’Iran Change (CiC), membro del Parlamento europeo, rappresentante della Scozia (1999-2014) è stato pubblicato da UPI il 21 dicembre 2018.

21 dicembre (UPI) – La decisione dell’Albania di espellere l’ambasciatore iraniano e un altro diplomatico per aver architettato atti di terrorismo all’interno del paese è stata ampiamente elogiata. Il presidente Trump ha scritto personalmente al primo ministro Edi Rama congratulandosi con lui per aver contrastato le “attività destabilizzanti e gli sforzi dell’Iran per mettere a tacere i dissidenti in tutto il mondo”. La sua lettera è stata rafforzata dai messaggi di supporto del consulente per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti John Bolton e dal Segretario di Stato Mike Pompeo. L’espulsione ha focalizzato l’attenzione del mondo ancora una volta su come il regime dei mullah usa le sue ambasciate come cellule terroristiche.

Il regime iraniano s’indignò quando l’Albania coraggiosamente accettò di salvare oltre 2.500 rifugiati iraniani dai campi dove erano stati incarcerati e vittime di abusi in Iraq. Erano stati sotto costanti assalti militari e attacchi missilistici. I rifugiati indifesi sono membri del principale movimento di opposizione democratica iraniana, i Mojahedin del popolo iraniano (PMOI / MEK). La Repubblica islamica dell’Iran aveva ordinato al governo fantoccio in Iraq di annientare questi dissidenti iraniani e 168 erano stati assassinati e oltre 1.700 feriti, alcuni gravemente, nel momento in cui gli albanesi accettarono di offrire ai sopravvissuti un rifugio sicuro a Tirana. I primi ponti aerei sono iniziati nel 2013 e nel 2016 tutti i 2.500 rifugiati sono arrivati in Albania.

I mullah erano sconvolti dal ponte aereo e il fatto che i dissidenti iraniani erano stati tratti in salvo. I loro tentativi di liquidare il MEK sono stati vanificati. Non potevano permettere a questi oppositori politici, che offrono un futuro democratico di libertà e giustizia ai milioni di oppressi in Iran, di creare una nuova casa in Albania. Il regime ha rivolto tutta la sua attenzione all’Albania. L’ex ambasciata iraniana in Albania fu trasformata in una delle più grandi ambasciate del regime nei Balcani. All’inizio del 2016, mentre i membri del MEK venivano trasportati in Albania a gruppi, Tehran ha inviato un nuovo ambasciatore, Gholam Hossein Mohammadinia, in Albania. Mohammadinia è un ex alto funzionario dell’intelligence iraniana ed è stato anche membro della squadra di negoziatori nucleari iraniani prima di accettare la nomina in Albania. Il suo principale mandato a Tirana era di attuare le trame terroristiche del regime contro il MEK. È lui la persona che è stata smascherata ed espulsa come terrorista dal primo ministro albanese Edi Rama.

Sotto la guida di Mohammadinia, nel marzo 2018, il Ministero dell’Intelligence iraniano (MOIS) ha ordito il piano di far esplodere una bomba in occasione di un raduno per il Nowruz (Capodanno iraniano) dei membri del MEK a Tirana. Fortunatamente questo atroce attentato è stato scoperto e sventato all’ultimo minuto ed è stato successivamente rivelato dal Primo Ministro Edi Rama il 19 aprile 2018. Due agenti del MOIS sono stati espulsi a causa di questa fallita offesa terroristica.

Tuttavia, l’ambasciata iraniana a Tirana è diventata il fulcro di un nido in espansione di 25 agenti segreti e spie, tra cui Mostafa Roodaki, un altro ufficiale dell’intelligence senior che è stato introdotto come primo segretario. È la persona che in precedenza era a capo della stazione dell’ intelligence del regime iraniano in Austria e che aveva coordinato attività contro l’PMOI in Europa. Sebbene il nome del secondo diplomatico espulso dall’Albania non sia stato ancora reso noto, è molto probabile che sia questo veterano terrorista molto esperto e sinistro.

Roodaki è stato sostituito in Austria da Assadullah Assadi, un altro “cosiddetto” diplomatico, arrestato in Germania nel luglio 2018 dopo aver consegnato una bomba da 500 g a due agenti iraniani e incaricato di farla detonare in un grande raduno di iraniani in Parigi. Assadi è stato estradato in Belgio e ora è in attesa di processo per accuse di terrorismo. Nell’ottobre 2018, il regime inviò un altro agente dei servizi segreti – Mohammad Davoudzadeh Lului – con stretti legami con l’ambasciata iraniana e il suo ambasciatore in Norvegia, per assassinare una figura dell’opposizione in Danimarca. Anche lui ora è in attesa di processo per accuse di terrorismo. Inoltre, nel 2018 due cosiddetti “diplomatici iraniani furono espulsi dai Paesi Bassi per atti di terrorismo.

Il primo ministro albanese Edi Rama ha dimostrato al mondo che il suo paese non sarà vittima di bullismo da parte dei tiranni di Teheran. Ha coraggiosamente raggiunto l’obiettivo salvando i rifugiati iraniani da una morte quasi certa in Iraq, quando nessun altro paese dell’UE era stato pronto ad aiutare, spaventato dal fatto che così facendo avrebbero potuto perdere contratti lucrosi con i mullah iraniani. Ancora una volta Edi Rama ha mostrato all’Europa il modo di trattare con questi teppisti e terroristi iraniani. L’UE dovrebbe seguire l’esempio e chiudere le ambasciate, cellule terroristiche dell’Iran.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow