venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeNotizieIran NewsSostegno della maggioranza dei deputati italiani alla lotta del popolo iraniano,...

Sostegno della maggioranza dei deputati italiani alla lotta del popolo iraniano, alla sua Resistenza e alla protezione del campo di Ashraf

CNRI – La maggioranza dei deputati italiani ha chiesto la protezione del campo di Ashraf e il Sostegno alla lotta del popolo iraniano e alla sua Resistenza

Massacro al Campo Ashraf
Sostegno alla lotta del popolo iraniano e alla sua resistenza

  Visti gli sviluppi della rivolta in Iran contro il regime liberticida e teocratico e la resistenza popolare alla violenza e alla repressione del governo;
visto l’alto numero degli arresti arbitrari, delle impiccagioni per motivi politici, tra cui le impiccagioni dei familiari dei residenti di Ashraf – luogo che è il punto d’ispirazione dell’opposizione al regime –  con l’obiettivo di ostacolare la rivolta; visto il disumano assedio dei residenti del Campo Ashraf, riconosciuti come “persone protette” dalla IV Convenzione di Ginevra, e la tortura psicologica che dura da un anno tramite 210 potentissimi altoparlanti e, da ultimo, la violentissima aggressione, vero e proprio crimine contro l’umanità, delle forze irachene e iraniane avvenuta l’8 aprile che aveva lo scopo di eliminare i residenti e che ha causato 35 morti e 350 feriti;
visto che il regime teocratico al potere in Iran è un serio ostacolo alla democratizzazione della regione in quanto tenta di deviare i movimenti di liberazione verso l’integralismo islamico;
visto che i Mojahedin del popolo credono in un Islam democratico e tollerante, e sono l’antitesi dell’integralismo e dell’estremismo;
vista la proposta politica della signora Maryam Rajavi, presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana –  coalizione democratica dell’opposizione – che indica  la Terza via del cambiamento democratico per mano del popolo iraniano e la sua resistenza organizzata;
lanciamo l’appello al Governo italiano affinché prenda iniziativa per: 
• Spedire il dossier della repressione e della violazione dei diritti umani in Iran al Consiglio di Sicurezza  dell’ONU  e  avviare  efficaci sanzioni contro il regime dittatoriale;
• Sollecitare gli Stati Uniti d’America e le Nazioni Unite per far uscire le forze irachene dal Campo Ashraf, ricoverare urgentemente i feriti, mettere fine all’assedio,  garantire un’indagine indipendente sul genocidio dell’8 aprile,  consegnare i responsabili alla giustizia,  garantire la sicurezza dei residenti del Campo e  affermare il loro statuto come “persone protette” secondo la IV Convenzione di Ginevra;
• Riconoscere la resistenza iraniana contro la dittatura religiosa al potere in Iran e intraprendere un dialogo con il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow