lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaOltre 230 parlamentari britannici chiedono al governo del Regno Unito di sostenere...

Oltre 230 parlamentari britannici chiedono al governo del Regno Unito di sostenere la rivolta iraniana e il cambiamento democratico in Iran

Il 14 dicembre, parlamentari e pari interpartitici hanno tenuto una conferenza per annunciare un’iniziativa congiunta che consolida le loro raccomandazioni al governo del Regno Unito per sostenere il popolo iraniano e la sua rivolta popolare per i diritti umani, la libertà e il cambiamento democratico in Iran.

La conferenza ha evidenziato la necessità da parte della comunità internazionale di porre fine all’impunità per i leader del regime e discutere i prossimi passi affinché il Regno Unito mantenga la sua promessa di chiedere conto al regime della sua micidiale repressione contro i manifestanti e delle gravi violazioni dei diritti umani in seguito della recente decisione del Consiglio dell’ONU per i diritti umani di istituire una nuova missione conoscitiva per indagare sulla violenta repressione delle proteste in Iran.

Dr. Matthew Offord MP: L’Iran si trova in un momento storico. Vogliamo inviare un forte messaggio di sostegno al popolo iraniano. Le proteste dell’Iran sono state accolte con violenza e torture da parte del regime. Voglio condannare l’esecuzione di Mohsen Shekari e Majid Reza Rahnavard.

“Non c’è dubbio che il popolo iraniano cerchi di rovesciare il regime. Cercano un vero stato democratico, dal popolo e per il popolo. Il Regno Unito dovrebbe schierarsi con il popolo iraniano per una nazione libera e laica. Il regime ha annunciato una serie di sanzioni, che include me stesso.
Continueremo ad alzare la nostra voce in segno di solidarietà con il popolo iraniano. La nostra ultima dichiarazione ha il sostegno di oltre 200 membri del parlamento. Riconosciamo il diritto del popolo a difendersi. La comunità internazionale deve adottare misure per fermare la brutalità del regime. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite deve chiedere conto al regime dei suoi crimini. Dobbiamo riconoscere il CNRI e la signora Maryam Rajavi per la loro lotta contro il regime.

Siamo molto chiari sulla direzione che vogliamo vedere nella politica sull’Iran. Con la nostra risoluzione, il governo del Regno Unito sarà in una posizione più forte per attuare questi obiettivi.

Baronessa Sandip Verma, membro della Camera dei Lord: La repressione statale non si ferma davanti a nulla. Il regime ignora l’età e il luogo mentre le sue forze di sicurezza attaccano persino le scuole. In molti casi, questi attacchi hanno portato alla morte di giovani. Ce ne sono troppi da nominare in questa sessione.

Conosciamo i due giovani che sono stati impiccati la scorsa settimana. Dimostra la crudeltà del regime. La prospettiva di cambiamento in Iran non è mai stata così accessibile prima d’ora. È tempo di riconoscere il diritto del popolo a prendere in mano la situazione e rovesciare il regime.

Siamo qui come parlamentari e il nostro numero aumenterà. Ci auguriamo che tutti i parlamentari di tutto il mondo si uniscano a noi. Questo è il momento di prendere il controllo di un messaggio: non accetteremo questo regime omicida.
La dichiarazione interpartitica riconosce che il ruolo del PMOI sta assumendo rischi assoluti ogni giorno per organizzare le proteste. Dobbiamo sostenerlo. Hanno una missione: assicurarsi che ogni singola persona in Iran abbia i propri diritti rispettati e abbia voce.

Sono gesti forti che uniscono altri governi per assumere posizioni forti. C’è un piano in dieci punti. Rende l’Iran un paese laico, un paese democratico, in cui i diritti delle persone di ogni estrazione sono rispettati. Dobbiamo stare fianco a fianco con il popolo iraniano.

David Jones MP: Dobbiamo fare qualcosa che ci è stato sanzionato dal regime. Sono orgoglioso della nostra dichiarazione a sostegno del popolo iraniano. Sono orgoglioso del nostro sostegno alla rivolta e al movimento di resistenza organizzato guidato dalla signora Maryam Rajavi.

Siamo sconvolti dall’esecuzione di due giovani coraggiosi, entrambi di 23 anni, Mohsen Shekari e Majid Reza Rahnavard, brutalmente impiccati alle gru nel modo più spaventoso. Voglio riconoscere i passi positivi che il nostro governo ha compiuto dall’inizio della rivolta. La dichiarazione che abbiamo presentato oggi indica i prossimi passi avanti per il nostro governo e altri governi, che dovrebbero essere riconoscere il CNRI, tagliare i legami con il regime iraniano, avviare colloqui con il regime iraniano e chiedere il perseguimento dei leader del regime .
Il regime ha perso tutta la sua credibilità. Le persone sono pronte a fare sacrifici per realizzare le loro aspirazioni. C’è una valida alternativa democratica rappresentata da Madam Rajavi e dal CNRI per aiutare a porre fine alla dittatura iraniana e garantire elezioni libere ed eque in Iran, in altre parole, per portare le libertà che diamo per scontate in questo paese. Questa è la libertà che il popolo iraniano desidera e per cui la signora Rajavi lotta.

Il CNRI non è in competizione con altre organizzazioni iraniane per raggiungere il potere. L’obiettivo del CNRI è stabilire libertà ed elezioni eque, non prendere il potere come ha osservato la signora Rajavi.

Non appena il nostro governo e i nostri alleati internazionali riconosceranno il CNRI, prima vedremo la vittoria del popolo iraniano. E inaugurerà un’era di libertà e pace in Medio Oriente.

Steve McCabe, deputato: I diritti umani inaugurati nel 1948 sono importanti oggi come lo erano allora, e certamente per il popolo iraniano. L’Iran è uno stato in cui non c’è libertà, giustizia e rispetto dei diritti umani. Nessuno è ritenuto responsabile della strage del 1988. Uno dei protagonisti di quella strage viene elevato alla presidenza. È uno stato in cui è accettabile terrorizzare i giovani e le giovani donne, dove il nome di Dio è usato per giustificare la barbarie.
Sono sbalordito dal coraggio del popolo iraniano di fronte a ciò che deve sopportare giorno dopo giorno e dalla dedizione del CNRI nell’opporsi a questo regime. Lodo le misure che il nostro governo ha adottato. Le sanzioni che il Regno Unito ha messo in atto contro il regime sono importanti. Ma dobbiamo andare oltre. Il ministro degli Esteri dovrebbe convocare l’incaricato d’affari del regime e chiarire che se il regime continua a massacrare e perseguitare il suo popolo, qui non è il benvenuto.

Nutro ancora la speranza che tutti noi qui vedremo il tipo di Iran che vogliamo vedere, in cui il popolo iraniano è libero e può essere se stesso e può usare il proprio potere a fin di bene in tutta la regione. Tutto ciò che facciamo dovrebbe essere guidato verso questo fine, un Iran libero con i diritti umani al centro della sua costituzione.

Lord Navnit Dholakia, membro della Camera dei Lord: La moderazione all’interno del regime si è rivelata sbagliata. Chi tiene il registro delle persone impiccate in Iran? Il regime dovrebbe essere portato davanti al tribunale penale e ritenuto responsabile. Dobbiamo chiarire che non tollereremo questo comportamento. Il governo dovrebbe attuare le raccomandazioni di questo comitato.

Questa dichiarazione è sostenuta da oltre 200 membri del parlamento. Ciò è particolarmente importante per quanto riguarda la questione della responsabilità del regime per l’uccisione di manifestanti e il massacro di prigionieri.
Il leader supremo ha scelto un assassino di massa come presidente. Non possiamo parlare con gente del genere di democrazia. Non capisce la democrazia e i diritti umani. Dobbiamo ritenere responsabili i leader del regime. Madam Rajavi è l’alternativa democratica a questo regime. L’Iran sarà libero.

Bob Blackman-MP: Siamo rimasti tutti stupiti dal coraggio delle donne in Iran di opporsi al regime dei mullah, di mettere a rischio la propria vita. La posizione del regime è che non si fermerà davanti a nulla. Non siamo ancora al punto in cui sta arrivando una rivoluzione. Abbiamo assistito a proteste meravigliose, ma non si è ancora arrivati al punto in cui sta per arrivare una rivoluzione.

Gli iraniani sono stufi della dittatura. Vogliono godere dei diritti fondamentali e della libertà. Nonostante la repressione, le uccisioni, gli omicidi e le torture, il regime non è riuscito a reprimere le proteste. La resistenza organizzata nel CNRI rappresenta gli interessi democratici del popolo iraniano. La presidente eletta del CNRI, Madam Rajavi, ha un piano democratico sostenuto a livello internazionale. Dimostra che c’è una grande volontà di raggiungere questo obiettivo. Questo è il motivo per cui Teheran è terrorizzata da Madam Rajavi e dal CNRI. Spendono soldi enormi per demonizzarli e terrorizzarli.
Non ci arrenderemo all’oppressione e al terrorismo dell’IRGC e del regime in Iran. Ricordiamo gli attacchi missilistici contro Ashraf in Iraq. Ricordiamo il massacro dei prigionieri politici del 1988. Il protagonista di quel massacro è ora il presidente del regime. Ricordiamo il complotto terroristico contro la manifestazione dell’Iran libero a Parigi. È stato un diplomatico terrorista a contrabbandare la bomba dall’Iran all’Europa.

Il regime ci sta indicando l’alternativa, il CNRI. Siamo stati coerenti nel nostro approccio e continueremo ad esserlo. È importante riconoscere il diritto del popolo iraniano a difendersi dall’IRGC e dalle forze terroristiche del regime. La violenta repressione del regime non è altro che una dichiarazione di guerra contro il popolo iraniano. Dobbiamo difendere il coraggioso popolo iraniano. Chiediamo al governo del Regno Unito e alla comunità internazionale di riconoscere il diritto del popolo iraniano a difendersi. Raccomanderò la messa al bando dell’IRGC da parte del governo del Regno Unito. Abbiamo proscritto Hamas e Hezbollah, due organizzazioni terroristiche sostenute dall’IRGC. Dovremmo congelare i beni dell’IRGC e usarli per sostenere il popolo iraniano.

Il regime sta pianificando un altro massacro con l’accusa di fare guerra a Dio. Porre fine all’impunità deve essere una priorità assoluta per il nostro governo per evitare un altro massacro nelle carceri iraniane.
Sir Roger Gale MP: Voglio esprimere la mia condanna per le azioni del regime, in particolare nelle ultime settimane. Il modo in cui il regime ha cercato di sopprimere il naturale desiderio di democrazia del popolo è inaccettabile. La recente ondata di oppressione di fronte alle manifestazioni di base per il desiderio di libertà in tutto il paese è un’indicazione di quanto il regime si spingerà per stroncare la speranza di libertà.

Il coraggioso popolo iraniano non è più disposto a tollerare tale repressione. Le opinioni di Madam Rajavi sono condivise dai membri del nostro parlamento. C’è un movimento in grado di sostituire l’attuale regime e di promuovere le riforme democratiche necessarie se l’Iran vuole prendere il posto che gli spetta nella comunità internazionale. Il CNRI e la signora Rajavi hanno il mio pieno sostegno e quello dei miei colleghi. Credo che sia giunto il momento che il nostro governo riconosca e si consulti con il CNRI e chiarisca che l’organizzazione si sta esprimendo a nome del popolo iraniano. Non vedo l’ora di vedere Madam Rajavi venire qui e presentare il suo caso.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow