lunedì, Aprile 15, 2024
HomeNotizieResistenza IranianaConferenza in Italia sostiene il sostegno globale alla resistenza iraniana

Conferenza in Italia sostiene il sostegno globale alla resistenza iraniana

italy piedmont iranian resistance feb 2024 (1)

Mercoledì 21 febbraio si è tenuta una sessione presso il Consiglio regionale del Piemonte, in collaborazione con il Consiglio regionale, il Comitato per i Diritti Umani della regione e l’Associazione dell’Iran Libero e Democratico. Iran: dalla repressione interna all’instabilità del Medio Oriente, qual è la soluzione?”si è svolto in camera di consiglio.

La sessione, alla presenza del capo del Consiglio regionale e di diversi membri del Consiglio, ha visto un videomessaggio della signora Maryam Rajavi, Presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza iraniana (NCRI), nonché un intervento del senatore Giulio Terzi, ex Ministro degli Esteri e Presidente della 4a Commissione permanente del Senato per gli affari dell’UE.

Stefano Allasia, presidente del Consiglio regionale e cpresidente del Comitato regionale per i diritti umani, ha aperto la sessione affermando: “La rivolta del popolo iraniano ha attirato l’attenzione del mondo, anche se ad un costo pesante, poiché il regime iraniano si è impegnato in una repressione diffusa.”

Ha sottolineato che nessuno può rimanere indifferente a queste condizioni, osservando che il regime iraniano viola le leggi e i trattati internazionali, compresi i trattati politici, civili e persino sui diritti dei bambini. Ha sottolineato la profonda crisi che sta inghiottendo il Medio Oriente e il ruolo attivo del regime iraniano nel destabilizzare l’ intera area.

Allasia ha invitato la comunità internazionale a neutralizzare il ruolo distruttivo del regime iraniano per prevenire la vittimizzazione di persone innocenti.

Sara Zambaia, consigliere della regione e vicepresidente del Comitato regionale per i diritti umani, ha dichiarato durante le sue osservazioni: “Il nostro obiettivo, in collaborazione con altri amici, è affrontare la questione del regime iraniano e trovare una soluzione radicale a questa crisi. Il nostro pubblico è composto da coloro che conoscono bene la situazione in Iran e hanno combattuto per anni.”

Il senatore Giulio Terzi, intervenuto all’incontro, ha ricordato le innumerevoli voci degli iraniani che incessantemente si levano contro la tirannia e le

esecuzione da parte del regime di 882 individui nel 2023 e l’impiccagione di 86 prigionieri nel solo mese di gennaio. Ha attribuito le turbolenze in Medio Oriente all’organizzazione di attacchi terroristici del regime e al suo sostegno alle forze per procura in tutta la regione.

Inoltre, il senatore Terzi ha condannato i tentativi di terrorismo del regime in Europa, tra cui il sventato attentato al raduno annuale della Resistenza iraniana a Villepinte, vicino a Parigi, nel 2018.

Ha avvertito dell’escalation dell’aggressione del regime, in particolare nel conflitto a Gaza, e del risorgere della crisi nucleare. Tra gli incessanti sforzi di Teheran per minare i gruppi di opposizione, tra cui l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (PMOI/MEK) e il CNRI, il senatore Terzi ha sottolineato la necessità di un solido sostegno internazionale alla Resistenza iraniana. Ha anche chiesto un sostegno inequivocabile al “Piano in dieci punti” della signora Rajavi per un Iran democratico e non nucleare, basato su governance laica, uguaglianza di genere e diritti umani, in ultima analisi, sostenendo un Iran libero e democratico.

Giampiero Leo, Vice Presidente del Comitato per i diritti umani della regione di piemontese, ha osservato che la crisi in Medio Oriente ha le sue radici in Iran, che ha indicato come la principale fonte di destabilizzazione a causa delle sue politiche guerrafondaie. Ha sottolineato che la soppressione sistematica del regime non conosce limiti, in particolare nel trattamento delle donne. Vice Chain Leo ha chiesto completa solidarietà nel sostenere il movimento di Resistenza in Iran, affermando che l’Iran possiede un’alternativa credibile che si è espansa in modo significativo negli ultimi anni e merita il sostegno di tutti.

Silvana Accossato, membro del Consiglio regionale del gruppo liberta e verdi, ha sottolineato la leadership della signora Rajavi nella lotta per la democrazia, sottolineando la necessità di un sostegno internazionale in mezzo alle sistematiche violazioni dei diritti umani in Iran e alle crisi in corso in Medio Oriente. Ha sottolineato il dovere di sostenere la volontà nazionale del popolo iraniano e la Resistenza organizzata, esortando la comunità internazionale a impegnarsi attivamente e prendere le distanze dagli interessi commerciali e militari con il regime iraniano.

Sean Sacco, membro del consiglio regionale  del Movimento 5 stelle, ha espresso solidarietà ai giovani iraniani e alla loro ricerca di libertà, chiedendo sostegno al loro movimento. Ha denunciato la regola religiosa del regime e ha sottolineato l’importanza di esporre e neutralizzare le reti di propaganda del regime ovunque.

Carlo Riva Vercellotti, consigliere regionale del Partito Fratelli d’Italia, ha condannato ogni forma di terrorismo, violazione dei diritti umani e progetti nucleari da parte del regime iraniano. Ha ribadito il sostegno alla resistenza iraniana, incluso il Piano in dieci punti di Maryam Rajavi, sottolineando il ruolo cruciale del MEK e del CNRI nella lotta per la libertà.

Tullio Monti, presidente dell’Associazione dell’Iran Libero e democratico, ha presentato un rapporto completo sulle attività terroristiche del regime e sulla sua rete nella regione, evidenziando la resilienza della resistenza iraniana contro la repressione e il terrorismo. Ha sottolineato che l’unica soluzione fondamentale e democratica risiede nel rovesciamento del regime, invitando il mondo a sostenere i giovani iraniani e la resistenza per la libertà e la pace. Monti ha sottolineato che condannare da solo non basta; ci deve essere un allontanamento dalle politiche di appeasement e sostegno alla Resistenza iraniana per porre fine al dominio del regime.

Valter Coralluzzo, professore di Relazioni internazionali all’Università di Torino, ha fornito un’analisi della situazione in Iran, affermando che non c’è moderazione nel regime. Ha sottolineato che l’attuale presidente faceva parte del Comitato della morte responsabile dell’esecuzione di massa di migliaia di prigionieri politici nell’estate del 1988. Coralluzzo ha citato Maryam Rajavi e il suo Piano in dieci punti, sottolineando il suo ampio sostegno internazionale. Ha suggerito che una rivoluzione politica è in corso in Iran, portando verso la caduta del regime, con la resistenza iraniana sotto la guida di Maryam Rajavi che offre una rinascita nelle prospettive della regione.

Mahmoud Hakamian, membro della Commissione per gli affari esteri del CNRI, ha affrontato la demonizzazione del regime del CNRI e del MEK. Ha discusso il tentativo del regime di tenere un processo farsa contro i leader e i membri della Resistenza iraniana, illustrando la disperazione del regime di mantenere il potere. Hakamian ha sottolineato la necessità che l’Europa intraprenda le azioni necessarie per combattere il terrorismo del regime, tra cui l’espulsione di agenti iraniani dai paesi europei e la chiusura delle sue ambasciate, in particolare inserendo l’IRGC come organizzazione terroristica nell’Unione europea.

Yousef Lesani, Vice Presidente dell’Associazione dell’Iran libero e democratico, ha concluso la sessione discutendo la dipendenza del regime dalla repressione interna e dal terrorismo straniero per sostenersi. Ha criticato le politiche di pacificazione dei paesi occidentali nei confronti di Teheran, che ha sacrificato i diritti umani in Iran. Lesani ha evidenziato l’espansione delle unità di resistenza guidate dal MEK nonostante gli sforzi del regime per sopprimerle.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow