martedì, Aprile 23, 2024
HomeNotizieResistenza IranianaAudizione del Congresso sull'Iran a sostegno della rivolta nazionale e della resistenza...

Audizione del Congresso sull’Iran a sostegno della rivolta nazionale e della resistenza organizzata

iran maryam rajavi congress may 18 (1)

Il 18 maggio 2023, l’Iran Human Rights and Democracy and Iranian Women Caucus del Congresso degli Stati Uniti ha tenuto un’audizione sulla situazione in Iran e sulla necessità di sostenere la rivolta nazionale che è continuata nonostante gli sforzi del regime clericale per reprimerla o farla deragliare.

A questa audizione bi-partisan ha partecipato Maryam Rajavi, presidente eletto del Consiglio nazionale della resistenza iraniana (NCRI).

L’Iranian Women Caucus della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti è co-presieduto da Sheila Jackson-Lee (D-TX) e Nancy Mace (R-SC). Nel suo discorso di apertura, la deputata Jackson-Lee ha dichiarato: “Siamo tutti testimoni del coraggio delle donne e dei giovani che hanno guidato le proteste del 2022 in Iran, chiedendo libertà sociale e cambiamenti politici. Come si legge nella risoluzione, queste proteste sono continuate per oltre quattro decenni di resistenza organizzata contro la dittatura iraniana guidata dalle donne”.

La deputata Jackson-Lee ha anche elogiato gli sforzi incessanti della diaspora iraniana nel farsi portavoce dei propri connazionali. Ha inoltre espresso il suo sostegno alla signora Rajavi e al suo ruolo di guida nella lotta per la libertà in Iran.

La deputata Mace, che ha preso la parola successivamente, ha presentato la signora Rajavi, sottolineando come “con un coraggio commovente e un’instancabile difesa del popolo iraniano, in particolare delle donne, non sia passata inosservata”.

“Signora Rajavi, la sua presenza virtuale qui oggi serve come faro di speranza e di luce per coloro che lottano per la libertà e l’uguaglianza in Iran. Riconosciamo anche il coraggio del popolo iraniano che ha coraggiosamente protestato per i suoi diritti e le sue libertà fondamentali, mettendo letteralmente a rischio la propria vita per la libertà. Esorto i miei colleghi di entrambi gli schieramenti a unire le mani oggi, a superare la politica di parte a Washington e a difendere i diritti delle donne iraniane e delle donne di tutto il mondo”, ha aggiunto la deputata Mace.

Nel suo intervento, la signora Rajavi ha sottolineato che “la rivolta iniziata nel settembre dello scorso anno ha cambiato la scena politica dell’Iran. Non è successo da un giorno all’altro, e il ruolo di primo piano delle donne non è avvenuto per caso. La rivolta è stata il culmine di oltre 40 anni di lotta del popolo iraniano e della Resistenza, e il risultato del ruolo delle donne nella leadership della Resistenza”.

“Il popolo si rifiuta di tollerare l’attuale status quo, e la situazione non tornerà mai a quella precedente al settembre 2022. Il popolo iraniano desidera una repubblica democratica, laica e non nucleare”, ha aggiunto Rajavi.

Infine, la signora Rajavi ha esortato tutti i governi “a riconoscere la lotta del popolo iraniano per rovesciare il regime e a confermare la legittimazione dell’autodifesa dei giovani iraniani contro l’IRGC”.

Tra i relatori dell’udienza di giovedì c’era il deputato Tom McClintock (R-CA), che ha recentemente assunto la guida e co-sponsorizzato la Risoluzione 100 della Camera, sostenendo la rivolta del popolo iraniano e il piano in dieci punti della signora Maryam Rajavi per il futuro dell’Iran, rifiutando il falso concetto di ritorno alla monarchia in Iran. La risoluzione 100 è sostenuta da una maggioranza di 234 membri della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti.

“La domanda che ci poniamo in questa audizione è cosa possiamo fare qui negli Stati Uniti per stare al loro fianco e aiutarli materialmente. Oggi iniziamo ascoltando direttamente loro. La Camera dei Rappresentanti ha presentato la Risoluzione 100, sponsorizzata da 230 membri della Camera dei Rappresentanti. Con questa risoluzione, la maggioranza dei membri della Camera, in rappresentanza di entrambi i partiti politici e della maggioranza del popolo americano, esprime il proprio sostegno al popolo iraniano e alla sua lotta per un Iran democratico, laico e non nucleare, e condanna le violazioni dei diritti umani e il terrorismo sponsorizzato dallo Stato da parte del regime iraniano”, ha dichiarato McClintock.

Questa risoluzione serve a dichiarare con forza che il popolo degli Stati Uniti vuole che il regime corrotto dell’Iran sia chiamato a rispondere dei suoi crimini contro il popolo iraniano e della sua sponsorizzazione del terrorismo in tutto il mondo”. Anche di recente, le legislature degli Stati della Carolina del Sud e dell’Arizona hanno approvato una risoluzione che esprime sostegno alla H. Res. 100″, ha aggiunto.

Il deputato Ruben Gallego (D-AZ) ha attribuito il sostegno di una maggioranza bipartisan della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti alla “tenacia e alla determinazione della signora Rajavi nel corso di 25 anni”, che hanno “generato questo tipo di sostegno e rispetto bipartisan”.

“I volti di coloro che sono qui in questa stanza li ho visti nel corso degli anni, e ho visto anche delle lacrime, ma le loro lacrime non li hanno trattenuti dall’essere presenti e attivi e dal garantire che non ci sia un silenzio, un silenzio che spegne, ma, come hanno detto i miei colleghi, che ci siano voci per la libertà”, ha aggiunto il deputato Gallego.

Intervenendo all’udienza, il deputato Steve Cohen (D-TN) ha applaudito la diaspora iraniana per i suoi sforzi di farsi portavoce dei propri connazionali. “È stimolante vedere la vostra continua e forte rappresentanza e difesa a nome di coloro che non sono riusciti a lasciare l’Iran, che sono lì sotto questo regime repressivo. Siete stati coraggiosi, tenaci e vi ammiro”, ha detto.

Il deputato Cohen ha sottolineato la necessità di “far sapere al popolo iraniano che lo sosteniamo. È un sostegno bipartisan, forte e per un Iran democratico, laico, democratico e senza nucleare”.

Ricordando il suo viaggio a Parigi e la partecipazione al “Vertice sull’Iran libero” dell’NCRI, il deputato Danny Davis (D-IL), che ha preso la parola successivamente, ha definito quell’incontro come “il più stimolante, nonché il più partecipato, a cui abbia mai partecipato in vita mia”. Non potevo credere che ci fossero così tante persone. E da quel momento ho capito che era in corso un enorme sforzo per liberare il popolo iraniano. Per fornire e portare un tipo di leadership che creda nella democrazia, nella libertà, nella parità di diritti e nella partecipazione di tutti”, ha aggiunto il deputato Davis.

Altri partecipanti all’udienza si sono uniti ai loro colleghi nel sostenere gli sforzi della Resistenza iraniana, in particolare quelli della signora Rajavi, per essere la voce del popolo in Iran.

“Voglio fare eco ai commenti dei miei colleghi. Madam Rajavi, siamo così orgogliosi di conoscerla, di vederla e di poterla sostenere. Quello che sta facendo è vitale. Noi in Texas capiamo la lotta per la libertà come pochi altri sanno fare. Madam Rajavi si è assunta il compito di rappresentare la lotta per la libertà, non solo per le ragazze e le donne, che è estremamente importante per tutti gli iraniani”, ha dichiarato il deputato Randy Weber (R-TX).

Il deputato Lance Gooden (R-TX) ha ricordato la sua visita ad Ashraf 3, la sede dell’opposizione iraniana Mujahedin-e Khalq (MEK), affermando di essere stato “così ispirato dalle persone che ho visitato lì e dalle loro storie, alcune molto tristi e simili a molte delle vostre storie qui in questa sala”.

“Noi vi sosteniamo. Crediamo fermamente nella vostra missione e in ciò che state cercando di realizzare. Il vostro piano in dieci punti è molto ragionevole e credo che tutti gli americani lo sosterrebbero se lo capissero veramente. E si prendessero il tempo di leggerlo. Ma le dirò che le persone qui al Congresso stanno prestando attenzione. Appoggiamo questo piano. Appoggiamo il lavoro che sta facendo, Madam Rajavi. E sono molto onorato di vederla questa mattina”, ha aggiunto.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow