sabato, Novembre 26, 2022
HomeNotizieIran NewsProtesta olandese per l’esecuzione della donna iraniano-olandese in Iran

Protesta olandese per l’esecuzione della donna iraniano-olandese in Iran

Il suo corpo non è stato restituito alla sua famiglia. Invece è stato sepolto 400 chilometri da Teheran.
 
CNN – L’Olanda ha richiamato il suo ambasciatore dall’Iran, ha detto lunedi, dopo che questo ha giustiziato una donna iraniano-olandese, nonostante gli sforzi olandesi di intervenire nel suo caso.

Il ministero degli Esteri olandese ritiene che i resti di Zahra Bahrami sono stati trattati “irrispettosamente”, dopo che è stata impiccata poco più di una settimana fa, ha detto un portavoce.
“Il suo corpo non è stato restituito alla sua famiglia. Invece è stato sepolto 400 chilometri da Teheran. La famiglia Bahrami è stata informata all’ultimo momento”, ha detto il portavoce, rifiutandosi di essere nominato.

I Paesi Bassi sono convocando l’ambasciatore iraniano per il caso, e protestare ufficialmente con il ministero degli esteri iraniano, ha aggiunto il portavoce.

Iran, ha impiccato la Bahrami a fine gennaio, dicendo che era una trafficante di droga.

L’Olanda l’ha definito “un atto scioccante da parte di un regime barbaro”.
Ma la Campagna Internazionale per i Diritti Umani in Iran ha suggerito che le accuse di droga sono state solo un pretesto per la sua esecuzione.

La campagna ha detto che la Bahrami è stata inizialmente accusata di reati contro la sicurezza sulla scia di diffuse proteste contro il governo su una controversa elezione presidenziale nel giugno 2009.

La Bahrami è stata accusata di aver portato due volte cocaina nel paese e averla venduta. Cocaina e oppio sono stati trovati durante una perquisizione della sua casa, ha segnalato l’agenzia di stampa semi-ufficiale Fars il 29 gennaio.
La sua condanna, anche 70 frustate e una multa di 1.400 $ 1.400, ha riferito la Fars.

La Fars ha aggiunto che durante una perquisizione della sua casa, mentre lei è stata accusata di reati contro la sicurezza, 450 grammi di cocaina e 420 grammi di oppio sono stati scoperti e, a seguito di ulteriori indagini, è emerso che aveva distribuito anche 150 grammi di cocaina.

L’Iran ha negato l’accesso della Bahrami alla assistenza consolare olandese e non lasciava ai funzionari olandesi prendere parte al suo processo, perché Teheran non riconosce la doppia cittadinanza, ha dichiarato il Ministero degli Affari Esteri dei Paesi Bassi il 5 gennaio.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,364FollowersFollow