mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaMaryam Rajavi mette in guardia comunità internazionale contro l'esecuzione di altri prigionieri...

Maryam Rajavi mette in guardia comunità internazionale contro l’esecuzione di altri prigionieri politici

CNRI – Nella lettera al Segretario Generale dell’ONU, al Presidente degli Stati Uniti e leader dell’Unione europeo, Maryam Rajavi, presidente eletto della resistenza iraniana, ha messo in guardia contro ulteriori esecuzioni politiche in Iran. Il regime dei mullah ‘”, scrive, esasperato dalla grande sostegno nazionali ed internazionali per i diritti dei residenti di Ashraf, colpito da una profonda crisi economica e sociale, le crisi interne tra fazioni e spaventati dal luogo della protesta popolare, i piani per eseguire più prigionieri politici, in particolare tra i familiari dei residenti di Ashraf.

Nella sua lettera, la signora Rajavi ha scritto: La comunità internazionale deve affrontare una prova cruciale. Il silenzio  e la mancanza di una corretta posizione internazionale ha solo incoraggiato il regime per torture, l’esecuzione e l’omicidio. Ha aggiunto: La comunità internazionale, in particolare il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, gli Stati Uniti e l’Unione europea dovrebbe condannare con la fermezza le gravi violazioni dei diritti umani, le esecuzioni arbitrarie e le atrocità in Iran. Essi decono adottare le misure urgenti ed efficaci contro il regime dei mullah.

Un gran numero di familiari residenti di Ashraf sono già stati arrestati e alcuni condannati a morte come,  Signora Almira Vazehan, 48 anni, Sig. Jaafar Kazemi, 47 anni, Mohsen Daneshpour Moqadam, 67 anni, e suo figlio Ahmad, Javad Lari, 55 anni, e Mohammad Haj-Aghai, 62 anni.

Gli agenti del Ministero  di intelligence del regime hanno ripetutamente minacciato la  famiglia di Ali Saremi che non devono ricoprire alcuna cerimonia commemorativa dopo 4 giorni dopo la sua esecuzione. Le guardie hanno circondato la loro casa impedendo alla gente di andare lì.

Nel frattempo, alcuni gruppi di detenuti nelle carceri di Evin, Gohardasht, hanno tenuto una cerimonia di omaggio ad Ali Sarami. Nella sezione 3 della prigione di Gohardacht, i detenuti sono stati impediti di uscire all’aria aperta per l’aria fresca dopo aver tenuto una cerimonia. Le guardie hanno convocato Mansour Ossanlo, presidente del sindacato dei conducenti di autobus è stato convocato per i servizi di intelligence della prigione dove è stato minacciato lui ad aprire un nuovo caso contro di lui.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
1 Gennaio 2011

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,405FollowersFollow