giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaLe donne in Iran sono sotto pressione – Intervista a Deutsche Welle

Le donne in Iran sono sotto pressione – Intervista a Deutsche Welle

CNRI – Radio Deutsche Welle ha trasmesso un’intervista ad Elham Zanjani, del Comitato delle Donne del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI), sulla repressione delle donne in Iran.

I funzionari iraniani hanno detto questa settimana, di avere una rete di 7000 agenti sotto copertura che informano la polizia sulle “trasgressioni morali”, come le donne che non si coprono adeguatamente i capelli, diceva  il servizio  di DW mercoledì, aggiungendo che le donne in Iran sono sempre più ostacolate nell’istruzione e nelle possibilità di impiego.

“Definiscono Rouhani un moderato o un riformista. Questa è una totale illusione”, ha detto Elham Zanjani, che ha anche precisato che il regime dei mullah “si fonda sulla misoginia. Non c’è alcuna possibilità che le donne sperimentino il progresso e pari diritti”.

“E’ certo, la situazione delle donne è peggiorata da quando è entrato in carica Rouhani”.

“Nel documento che abbiamo pubblicato, c’è un articolo dell’agenzia di stampa di stato iraniana IRNA, in cui si afferma che, rispetto agli anni precedenti, ad esempio dal 2005 fino al 2010, e poi fino a quando è entrato in carica Rouhani, la situazione delle ammissioni femminili all’università e la situazione dei diritti delle donne nell’istruzione, è peggiorata”.

“Rouhani ha sempre avuto incarichi importanti all’interno del regime, sin dalla sua fondazione”, ha detto la Zanjani. “Rouhani crede fermamente nel principio del ‘Velayat-e Faqih,’, il potere assoluto dei religiosi”, ha dichiarato.

“Oltre il 60% degli studenti universitari in Iran è composto da donne, ma a loro è vietato accedere ad almeno 77 facoltà a causa del loro sesso”, ha precisato.

Elham Zanjani ha ribadito che se la responsabile della politica estera dell’Unione Europea Federica Mogherini egli altri rappresentanti europei andranno in Iran e “la questione dei diritti umani, ed in particolare dei diritti delle donne, non sarà la prima questione in discussione, le cose non miglioreranno per le donne in Iran”.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,408FollowersFollow