lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeNotizieIran NewsL’ambasciatore del regime iraniano ordina al Governo dell’Iraq di impedire la vendita...

L’ambasciatore del regime iraniano ordina al Governo dell’Iraq di impedire la vendita delle proprietà dei residenti di Ashraf e l’ingresso al campo dei commercianti

Secondo alcuni rapporti ricevuti dalla Resistenza Iraniana provenienti dall’interno del regime iraniano, il regime dei mullah ha dato nuovi ordini al Governo dell’Iraq per impedire la vendita delle proprietà dei residenti di Ashraf e intensificare la pressione  e l’assedio sui membri dell’OMPI a Camp Liberty. Secondo questi rapporti, Danaifar e il suo vice Naobakht, entrambi leaders della forza terroristica Qods, si sono incontrati con Faleh al-Fayaz al-Ameri, Consigliere per la Sicurezza Nazionale di Maliki, nella “zona verde” e hanno sottolineato che il governo iracheno deve impedire la vendita delle proprietà dei residenti, l’ingresso dei commercianti ad Ashraf e buttare fuori dal campo il più presto possibile, il piccolo numero di residenti che sono rimasti là per curare la manutenzione delle proprietà e venderle. Secondo le istruzioni di Danaifar, l’assedio di Liberty deve essere intensificato, il trasferimento a Liberty delle proprietà dei residenti  e l’ingresso dei beni di prima necessità al campo devono essere negati.
La Resistenza Iraniana nei suoi comunicati del 4 e 7 Novembre 2012, aveva rivelato che la Guardia Rivoluzionaria Ghassem Soleimani, comandante della forza terroristica Qods, aveva chiesto al Consigliere per la Sicurezza Nazionale iracheno che i ministeri e i dipartimenti governativi reclamassero la proprietà di varie proprietà dei residenti di Ashraf attraverso documenti falsi. A questo scopo, il comitato guidato da Faleh Fayaz ha scritto un rapporto completamente falso e infondato secondo il quale il 75% delle proprietà dei residenti appartengono a vari dipartimenti del governo iracheno. Questa è una chiara preparazione al saccheggio e all’usurpazione di queste proprietà.
La Resistenza Iraniana, protestando duramente contro il saccheggio delle proprietà dei residenti da parte del governo iracheno, esorta il Segretario Generale delle Nazioni Unite a riconoscere i diritti di proprietà dei residenti sui loro beni mobili ed immobili, rilasciando una dichiarazione e facendo sì che l’Iraq rispetti questo diritto e smetta di ostacolare la vendita delle proprietà dei residenti.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
20 Novembre 2012

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,448FollowersFollow