domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaLa Resistenza Iraniana condanna decisamente la collaborazione tra il governo australiano e...

La Resistenza Iraniana condanna decisamente la collaborazione tra il governo australiano e Tehran per l’estradizione dei richiedenti-asilo iraniani

Appello al parlamento australiano, ai partiti politici e ai difensori dei diritti umani perché impediscano questo provvedimento vergognoso

La Resistenza Iraniana condanna fermamente la collaborazione tra il governo australiano e il fascismo religioso al potere in Iran ai danni dei richiedenti-asilo iraniani ed esorta il governo australiano a porre fine ai maltrattamenti e all’espulsione dei richiedenti-asilo garantendo loro asilo e non consegnando questi rifugiati alle autorità del regime iraniano perché subirebbero ingiustizie, discriminazioni, povertà, fame e rischierebbero la morte.

La Resistenza Iraniana sottolinea che il governo australiano è responsabile della sicurezza dei rifugiati e dei richiedenti-asilo iraniani e sollecita il parlamento australiano, i partiti politici e le organizzazioni in difesa dei diritti dei rifugiati ad intraprendere un’azione urgente per impedire il ritorno di questi richiedenti-asilo in Iran. Chiede inoltre a tutti gli iraniani residenti in Australia di correre in aiuto dei loro compatrioti fuggiti dall’inferno della repressione, dalla povertà e dalla corruzione dei mullah.

Queste pressioni e il rimpatrio dei richiedenti-asilo, stanno avvenendo nonostante la crescente ondata di repressione e l’applicazione della crudele pena dell’esecuzione che ogni giorno sacrifica il popolo iraniano ed in particolare i giovani. Solo durante la presidenza di Rouhani, sono stati giustiziati 1800 prigionieri. In una simile situazione, riportare i richiedenti-asilo nell’inferno dei mullah, qualunque ne sia il pretesto, non può essere interpretato se non come una collaborazione con i mullah nella repressione del popolo iraniano.

Secondo i media del regime iraniano “l’Iran e l’Australia stanno per firmare un accordo in base al quale gli immigrati che non possiedono lo status di rifugiati e si rifiutano di ritornare volontariamente in Iran, verranno riportati (a forza) in Iran”. Secondo questo articolo “in cambio degli immigrati senza status di rifugiati che verranno riportati in Iran, il governo australiano garantirà diverse borse di studio per gli studenti iraniani” (agenzia di stampa di stato IRNA – 19 Giugno). Queste borse di studio serviranno fondamentalmente per le guardie rivoluzionarie e i mercenari del regime.

Il ministro degli esteri del regime iraniano ha sfacciatamente definito la fuga della gente stufa dei mullah come “provocata dalla propaganda iranofobica dell’Occidente che dipinge l’Iran nero e l’estero come il paradiso”.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

21 Giugno 2015

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,370FollowersFollow