sabato, Novembre 26, 2022
HomeNotizieIran NewsLa resistenza iraniana accoglie nuove sanzioni UE contro l’Iran

La resistenza iraniana accoglie nuove sanzioni UE contro l’Iran

Chiede sanzioni globali, compreso il boicottaggio del petrolio del regime iraniano

CNRI –  Il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana accoglie con favore le sanzioni dell’UE all’incontro del 29, per le violazioni sistematiche dei diritti umani in Iran ed invita l’UE, gli Stati Uniti e il Consiglio di Sicurezza Nazioni Unite ad adottare sanzioni globali, tra cui il boicottaggio del petrolio del fascismo religioso in Iran. Il silenzio e l’inazione della comunità internazionale nei confronti dei crimini del regime iraniano negli ultimi tre decenni, ha solo favorito l’ondata  di esecuzioni, torture e uccisioni. Le esecuzioni di 120.000 prigionieri politici, compreso il massacro di 30.000 di loro nel 1988, sono solo la punta di un iceberg.

Nel solo mese di settembre di quest’anno, 100 prigionieri sono stati impiccati nella prigione dei mullah. Di cui tre di loro erano minorenni al momento della contestazione del reato. Molti prigionieri politici nelle carceri di Gohardasht Ghezel-Hessar sono nel braccio della morte.

 L’eliminazione delle pupille dagli occhi, gli amputazioni, arresti di massa, la repressione crudele contro le donne e gli studenti non accennano  a diminuire in tutto il paese.
In tali circostanze, l’invio del numero di violazioni dei diritti umani da parte del regime iraniano al Consiglio di Sicurezza, è diventata una necessità.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

Il 10 Ottobre 2011

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,364FollowersFollow