lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaLa lettera alla AP del Senatore Torricelli sulle notizie distorte sui Mojahedin...

La lettera alla AP del Senatore Torricelli sulle notizie distorte sui Mojahedin del Popolo Iraniano ( MEK )

In risposta ad una storia faziosa e distorta fatta circolare dall’Associated Press sull’opposizione iraniana, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI/MEK) il 5 Febbraio 2017, il Senatore Robert Torricelli ha scritto la seguente breve risposta all’AP.

A: Editori dell’Associated Press

La presentazione del 5 Febbraio 2017 su AP di Jon Gambrell è talmente oltraggiosa e così palesemente falsa, che è difficile capire da dove iniziare.

Mr. Gambrell definisce questa organizzazione iraniana in esilio, il MEK, in vario modo: “una setta” e “un gruppo terroristico” con un “passato controverso” che è andato “contro gli interessi americani”. Tra le accuse specifiche c’è “l’uccisione di americani” e i cui membri “hanno risposto dandosi fuoco”.

Io sono stato il rappresentante legale del MEK alle udienze del Dipartimento di Stato per consigliare il Segretario di Stato Clinton, sulla questione della designazione del MEK a organizzazione terroristica. Sono certo che il vostro giornalista sia a conoscenza del fatto che il Dipartimento di Stato non ha mai presentato prove che il MEK fosse mai stato coinvolto in attività terroristiche, che avesse mai ucciso americani o agito contro gli interessi americani. Così come nessuna prova è stata presentata alla Corte Distrettuale americana del Distretto di Columbia, alle Corti di Gran Bretagna, Francia o dell’Unione Europea che hanno tutte ordinato la revoca della designazione terroristica o ordinato ai loro governi di presentare delle prove.

L’integrità di diversi illustri americani è stata messa in dubbio dal vostro giornalista. Se appoggiare il MEK nella sua opposizione al regime religioso e fascista dei mullah di Teheran è realmente una violazione etica, sarebbe molto più onesto presentare l’intera lista dei sostenitori. Questa includerebbe la maggioranza della Camera dei Rappresentanti, due ex-Capi di Stato Maggiore Congiunto, un ex-Direttore dell’FBI, un ex-Procuratore Generale degli Stati Uniti, un ex-Assistente del Presidente per la Sicurezza Nazionale, due ex-direttori della CIA e i presidenti del Comitato per le Relazioni Estere della Camera e del Comitato per i Servizi Armati del Senato.

Il regime iraniano ha una attiva presenza di relazioni pubbliche nel nostro paese. È loro diritto presentare informazioni al dialogo nazionale. Ma il vostro giornalista è caduto vittima di tutto questo ed ha reso un enorme disservizio ad alcuni illustri americani uniti per l’unico scopo di un cambio di regime a Teheran.

Sarebbe corretto presentare delle scuse a loro e ai vostri lettori. Ulteriori scuse alle migliaia di membri del MEK che hanno rischiato la loro vita per rivelare il programma nucleare segreto iraniano all’intelligence americano e che hanno lavorato incessantemente per riferire ai soldati americani l’ubicazione degli IED iracheni, durante l’occupazione dell’Iraq, sono oltremodo necessarie.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,448FollowersFollow