lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaLa città di Cuneo chiede l’intervento delle Nazioni Unite a difesa della...

La città di Cuneo chiede l’intervento delle Nazioni Unite a difesa della città sorella di Ashraf

Cuneo,  29 luglio 2009 – COMUNICATO STAMPA   

ImageNella serata di ieri le truppe irachene sono entrate ad Ashraf, città situata in territorio iracheno al confine con l’Iran. La città, dichiarata “sorella di resistenza” di Cuneo, ospita 3500 esuli democratici iraniani, la cui unica colpa è di volere  un Iran più libero e democratico. Il violento intervento delle forze irachene ha provocato 5 morti, più di 300 feriti e l’arresto di oltre 30 persone di cui non si ha più notizia.

Fino allo scorso novembre la città di Ashraf era sotto la protezione delle forze statunitensi. Da allora, il controllo del territorio è passato alle forze irachene, che non stanno invece dando garanzie di rispetto delle norme previste dalle convezioni internazionali sui diritti degli esuli e rifugiati e i fatti di questa notte lo confermano. La città di Cuneo, nella persona del Sindaco Alberto Valmaggia,  si rivolge al Presidente delle Nazioni Unite per chiedere un immediato intervento a salvaguardia della città di Ashraf e delle persone che ci vivono. Chiede inoltre a tutte le città italiane di manifestare la propria solidarietà nei confronti dei resistenti che si stanno battendo per un Iran libero e democratico.

Il Vice Sindaco di Cuneo Giancarlo Boselli (328.1506492), che lo scorso anno era stato ad Ashraf con una delegazione ufficiale di esponenti politici europei, è a disposizione per qualsiasi informazioni o chiarimento in merito a questa tragica vicenda.

Comune di Cuneo — Ufficio Stampa
Via Roma, 28
 [email protected]   0171—444279/225 0171—444213

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow