giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeNotizieIran NewsL’ ambasciatore del regime iraniano ringrazia il Ministro iracheno dei Diritti Umani...

L’ ambasciatore del regime iraniano ringrazia il Ministro iracheno dei Diritti Umani per la strage di Ashraf

La forza terroristica Qods assume la guida del Ministero dei Diritti Umani sulla questione dei membri dei Mojahedin del Popolo ad Ashraf

Occupazione militare di Ashraf,  N. 102 
 
Il cosiddetto Ministero iracheno dei diritti umani ha riferito che l’ambasciatore del regime dei mullah in Iraq Danaifar, un membro conosciuto della forza terroristica Qods, ha incontrato al-Soudani, il Ministro iracheno dei Diritti Umani, il 9 maggio 2011 e all’inizio di tale riunione ” ha espresso gratitudine per l’atteggiamento positivo che rafforza i rapporti reciproci dei due Paesi confinanti “. Come padrino del Ministro del crimine contro l’umanità, Danaifar ha aggiunto: “La continuità della presenza della PMOI ( Mojahedin del Popolo ) in Iraq non è nell’interesse dell’Iraq o dell’Iran, e se questa organizzazione non fosse stata nella provincia di Diyala, la situazione sarebbe stata più tranquilla e le operazioni terroristiche si sarebbero placate. ” La ragione è “che gli Stati Uniti e alcuni paesi europei vogliono trattare questo dossier come politico [e che essi insieme a] Ad Melkert, rappresentante delle Nazioni Unite in Iraq, hanno espresso il loro sostegno a questa organizzazione”.
 
Danaifar ha continuato a spiegare che in precedenza aveva incontrato il vice capo del Ministero degli Esteri iracheno e aveva raggiunto un accordo con lui per un comitato trilaterale composto dal Ministero degli Esteri iracheno, dall’Ambasciata iraniana a Baghdad, e dal CICR ( Comitato Internazionale della Croce Rossa ) per esaminare la questione del base di Ashraf. Egli ha suggerito che il Ministero per i Diritti umani dovrebbe avere un rappresentante in questa commissione.
 
Secondo il rapporto del cosiddetto Ministero per i Diritti Umani: “L’ambasciatore iraniano ha aggiunto che le famiglie dei membri della PMOI uccise nei recenti eventi alla base di Ashraf hanno chiesto che i loro corpi siano trasferiti in Iran e l’ambasciatore ha chiesto assistenza in Iraq a questo proposito …” ( Ministero dei diritti umani sito web – 9 maggio 2011)
 
Questo rapporto ufficiale del cosiddetto Ministero iracheno dei diritti umani è una chiara indicazione che sulla questione della PMOI ad Ashraf, il velayat-e faqih ( supremo religioso ) e la forza terroristica Qods hanno preso il timone del governo Maliki, insieme con i suoi Ministeri per gli stranieri e dei diritti umani. Questo aberrante rapporto è così rivoltante che è intollerabile per qualsiasi iracheno nobile o di giusta coscienza nel mondo.
 
E ‘ormai chiaro che la prevenzione della sepoltura dei martiri di Ashraf su cui Maliki insiste da più di un mese contrario a tutte le tradizioni islamiche e umanistiche, è per gli ordini del fascismo religioso e del regime anti-umano in Iran.
 
Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
10 Maggio 2011

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow