venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeNotizieIran NewsKazem Nematollahi un residente di Ashraf muore a causa delle sanzioni sanitarie...

Kazem Nematollahi un residente di Ashraf muore a causa delle sanzioni sanitarie imposte dal comitato di repressione di al-Maliki

Appello internazionale per l’abolizione di  sanzioni sanitarie

Kazem Nematollahi, cinquant’anni, residente al Campo Ashraf da 22 anni, è morto il 29 maggio dopo 9 mesi di agonia a causa della disumana sanzione sanitaria imposta dal comitato di repressione di Ashraf e dell’accanimento di Omar Khaled, direttore della “Casa di tortura” dell’Iraq nuovo.
Kazem doveva sottoporsi ad un’urgente dialisi il 27 settembre 2010  ma, a causa di ostacoli insormontabili, questa è stata rimandata per mesi sino alla data del 7 febbraio 2011. La dialisi  doveva essere ripetuta due volte alla settimana all’ospedale di Baghubah, ma ogni volta l’Ambulatorio dell’Iraq nuovo, che in pratica è un luogo di tortura per i residenti di Ashraf, avanzava  una scusa e impediva la cura. I gravissimi ritardi hanno fatto sì che i reni di Kazem sono stati danneggiati definitivamente. Tant’è che i medici dell’ospedale di Baghubeh più volte hanno avvertito della grave situazione e si sono irritati per gli ostacoli, avanzando proteste. In fine il 9 maggio le condizioni di salute di Kazem sono precipitate ma Omar Khaled ha impedito il suo trasferimento all’ospedale di Baghubah. Due giorni dopo, quando la salute di Kazem si è nuovamente aggravata,  l’hanno mandato all’ospedale di Baghubeh per  essere sottoposto  alla cura speciale, CCU. Quando il 19 Maggio  Kazem si è recato all’Ospedale dell’Iraq nuovo  è stato maltrattato da Omar Khaled è rimandato indietro e solo 3 giorni dopo inviato all’ospedale di Baghubeh. Ma la situazione ormai era precipitata e occorreva un trapianto e molti dei Mojahedin del popolo di Ashraf hanno comunicato la loro disponibilità ad offrire un rene. Tra il 26 e il 27 Maggio  quindici persone si sono recate all’Ospedale del nuovo Iraq ad offrire un rene al proprio compagno ma sono stati costretti a tornare indietro da Omar Khaled.
La signora Maryam Rajavi aveva già avvertito, l’8 marzo, della grave situazione di Kazem Nematollahi che “per l’assenza di cure aveva perso il funzionamento di tutti e due i reni e aveva bisogno di cure urgenti e visite socialistiche,  ma il comitato di repressione lo impediva”.
Kazem in una lettera del 1° Febbraio ai rappresentanti dell’ONU aveva  ammonito: “Sono preoccupato per  questi ritardi e limitazioni che mi compromettano il funzionamento dei miei reni … La vita di residenti  di Ashraf non ha alcun valore per Omar Khaled direttore dell’Ospedale dell’Iraq nuovo che lavora sotto la sovrintendenza illegale del comitato del governo di al-Maliki. Omar Khaled, non soltanto non agevola la cura dei malati, anzi li maltratta ed esercita ogni pressione su di loro”.

Qualche tempo prima i Mojahedin del popolo Mehdì Fathì e Mohammad Rezort Heidarion hanno perso la vita nel Campo Ashraf a causa degli impedimenti esercitati dal comitato di repressione di Ashraf.
La Resistenza Iraniana imputa la responsabilità della morte di Kazem Nematollahi, Mehdì Fathì e Mohammad Rezort Heidarion al comitato di repressione e alla persona di al-Maliki che ordina direttamente di opprimere i residenti di Ashraf e chiede un’iniziativa internazionale urgente per abrogare le sanzioni sanitarie e affinché  i residenti di Ashraf possano liberamente accedere alle cure necessarie per salvare la vita dei loro malati che versano in gravi condizioni.

Segretariato del Consiglio nazionale della resistenza iraniana
29 Maggio 211
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,932FollowersFollow