lunedì, Febbraio 6, 2023
HomeNotizieTerrorismoIran: Svelati i legami tra Al-Qaeda e le Guardie Rivoluzionarie del regime...

Iran: Svelati i legami tra Al-Qaeda e le Guardie Rivoluzionarie del regime iraniano

Due reporters investigativi, Adrian Levy e Cathy Scott-Clark, hanno scritto un libro dal titolo “L’Esilio”, che parla di come i membri dell’organizzazione terroristica al-Qaeda si siano nascosti in Iran per un decennio, tra il 2001 e il 2011. Inoltre hanno descritto dettagliatamente i legami esistenti tra al-Qaeda e il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche iraniane (IRGC).

Hanno rivelato i dettagli sul religioso Mahfouz Ibn al-Waleed, fuggito in Iran dall’Afghanistan dopo gli attentati dell’11 Settembre, nel tentativo di “nascondersi”. Al-Waleed era stato il capo del comitato della Sharia di al-Qaeda  per diversi anni, prima degli attacchi del 2001.

Il libro parla di come al-Waleed sapesse molte cose sulle questioni politiche di Teheran, perciò si rivolse all’IRGC invece che al governo.

The Guardian ha pubblicato una recensione del libro dicendo: “Con la promessa di immunità dagli attacchi di al-Qaeda, l’Iran indica di essere pronto e a partire da Marzo 2002 c’è stato un flusso costante di alti esponenti di al-Qaeda e di parenti di Bin Laden che si sono trasferiti in Iran”.

Ed aggiunge: “Quando il personale filo-governativo del ministero per l’intelligence e la sicurezza ha intercettato le telefonate provenienti dai leaders di al-Qaeda in Iran, ai loro affiliati rimasti in Pakistan e Afghanistan, sono iniziati gli arresti. Il governo iraniano è arrivato persino al punto di rimandare alcuni membri di al-Qaeda nei loro paesi di origine. Spiazzate da queste decisioni, le Guardie Rivoluzionarie sono state lasciate ad implorare i leaders di al-Qaeda di non usare i loro telefoni”.

La tensione tra le diverse fazioni del regime iraniano rivela che nessuno sa di chi può fidarsi.

Alcuni analisti ritengono che l’Iran abbia avuto un ruolo negli attacchi dell’11 Settembre e dicono che l’Iran abbia permesso ai terroristi di al-Qaeda di rifugiarsi nel paese, per sfuggire alle operazioni militari americane che si stavano svolgendo in Afghanistan in conseguenza degli attacchi. E’ stato anche affermato che l’Iran sia stato utilizzato da al-Qaeda come base alternativa dopo gli attacchi americani ai rifugi afghani alla fine del 2011.

L’IRGC controlla un grossa fetta dell’economia iraniana ed è quasi impossibile per qualunque nazione fare affari con l’Iran senza finanziare una delle aziende di copertura dell’IRGC. Ciò significa che fare affari con l’Iran equivale a fare affari con i terroristi.

L’IRGC non solo diffonde il terrorismo in tutto il Medio Oriente, finanzia e addestra le milizie ad agire per suo conto negli altri paesi, ma è incaricato anche della repressione della popolazione. Ha compiuto numerosi atti di repressione e spesso arresta la gente o la tortura per la più piccola “infrazione”.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,935FollowersFollow