sabato, Dicembre 3, 2022
HomeNotizieIran NewsIran: Sommosse nelle prigioni di Gohardasht e di Evin dopo la morte...

Iran: Sommosse nelle prigioni di Gohardasht e di Evin dopo la morte del detenuto politico Shahrokh Zamani

Dopo la morte sospetta del detenuto politico Shahrokh Zamani, la sera del 13 Settembre gli agenti dell’intelligence del regime, gli aguzzini e gli agenti della magistratura presenti nella prigione hanno fatto irruzione nella sala 12 della sezione 4 della prigione di Gohardasht (Rajai Shahr) per terrorizzare i detenuti politici.

Ma i detenuti si sono ammassati all’entrata della sezione impedendo agli agenti di entrare e scambiandosi frasi caustiche.

Anche i detenuti politici nella prigione di Evin hanno inscenato una protesta per dimostrare la loro solidarietà ai detenuti di Gohardasht, intonando slogans contro la morte sospetta del detenuto politico Shahrokh Zamani.

Il tenace priogiero politico Shahrokh Zamani, ha perso la vita in maniera sospetta domenica 13 Settembre, mentre era detenuto dagli aguzzini del regime iraniano. I suoi compagni di cella della sala 12 della sezione 4, hanno scoperto il suo corpo nel letto con la bocca piena di sangue e la testa fracassata.

Shahrokh Zamani era stato arrestato nel Giugno 2011 per il suo ruolo attivo durante le proteste e gli scioperi dei lavoratori a Tabriz. Era stato trasferito a Ghezel-Hessar a Marzo 2013 ed un mese dopo spostato nella prigione di Gohardasht.

Una settimana fa aveva mandato un messaggio agli operai, chiedendo loro di inscenare una protesta per ottenere il rispetto dei loro diritti e di organizzarsi per agire in tandem con i movimenti degli insegnanti, delle infermiere e delle altre classi scontente della società iraniana.

Maryam Rajavi, Presidente eletta della Resistenza Iraniana, ha porto le sue condoglianze alla famiglia di Shahrokh Zamani, al popolo eroico dell’Azerbaijan e ai lavoratori iraniani. Ha anche esortato la comunità internazionale a condannare le condizioni disumane nelle prigioni iraniane e ad inviare una missione internazionale che indaghi sulle morti sospette dei detenuti politici in Iran.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

13 Settembre 2015

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,410FollowersFollow