mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeNotizieIran NewsIran: Resistenza popolare a Lamord, Fars, contro gli attacchi delle forze di...

Iran: Resistenza popolare a Lamord, Fars, contro gli attacchi delle forze di sicurezza repressive scatenati con il pretesto di combattere il contrabbando

I ladri e i contrabbandieri che rubano cifre astronomiche, protetti da Khamenei e dall’IRGC, godono della massima sicurezza mentre la povera gente viene attaccata, picchiata e arrestata con questa scusa.

Sabato gli agenti di delle forze di sicurezza repressive hanno fatto irruzione nel villaggio di Dehsheikh, nella zona di Lamord (nella provincia meridionale di Fars) con la scusa di dover sequestrare merce illegale. Tra le altre cose, hanno cercato di confiscare un camion carico di parabole satellitari. La gente della zona ha affrontato le forze repressive e gli scontri con la popolazione sono continuati fino a domenica. Molte persone e diversi agenti delle forze di sicurezza sono stati feriti negli scontri.

Gli abitanti della zona vicina alla strada Dehsheikh-Lamord si sono scontrati con le forze di sicurezza che volevano confiscare le loro proprietà ed avevano in programma di trasferirli. Molti veicoli della stazione di polizia sono stati dati alle fiamme.

Di conseguenza il regime iraniano ha inviato le sue unità speciali anti-sommossa, i commandos e molti mercenari. Durante questi scontri più di 100 abitanti di Lamord e 40 agenti delle forze speciali sono stati feriti.

Per impedire il dilagare degli scontri nei quartieri vicini, le forze di repressione stanno vietando gli spostamenti tra i villaggi vicini e controllano la zona con gli elicotteri.

I ladri e i contrabbandieri che rubano cifre astronomiche, protetti da Khamenei e dalle Guardie Rivoluzionarie (IRGC), godono della massima sicurezza e saccheggiano liberamente i beni della popolazione, mentre la povera gente della regione di Lamord viene attaccata, picchiata e arrestata con questa scusa.

In un momento in cui milioni di lavoratori hanno perso il loro lavoro a causa delle politiche distruttive del regime, delle industrie e delle aziende devastate e stanno vivendo al di sotto della soglia di povertà, impossibilitati a guadagnarsi anche il minimo necessario per vivere  loro e le loro famiglie, Khamenei e l’IRGC hanno monopolizzato l’economia e controllano i porti e i punti di ingresso delle merci, tra cui 80 porti utilizzati per l’import-export, che hanno fatto di loro i peggiori ladri e contrabbandieri dell’Iran e di tutta la regione.

Secondo Mohammadreza Pour-Ebrahimi, vice-capo del Comitato Speciale per la Produzione Nazionale del parlamento del regime, qualcosa come 20-25 miliardi di dollari di merci illegali entrano ogni anno nel paese. Rahmani Fazli, ministro dell’interno di Rouhani, ha dichiarato la stessa cosa a Febbraio 2015: “il traffico di narcotici è di 20.000 miliardi di toman all’anno, che equivale ai due terzi del budget di sviluppo del paese. Il denaro sporco proveniente dal traffico di droga si infiltra in ogni comparto… somme di denaro sporco della droga arriva nel paese nel campo della politica, delle elezioni e del passaggio del potere politico”.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

6 Luglio 2015

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,476FollowersFollow