giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIran: Rapporto UNSG manifesta preoccupazione per la situazione di Camp Ashraf

Iran: Rapporto UNSG manifesta preoccupazione per la situazione di Camp Ashraf

CNRI – Il Segretario Generale delle NU ha manifestato preoccupazione per la situazione di Camp Ashraf, in Iraq, in un rapporto inviato al Consiglio di Sicurezza nel contesto della risoluzione 1936.

Nel suo rapporto, il Segretario Generale Ban Ki-moon dice: ” Il Governo iracheno ha impedito l’entrata al campo di alcuni materiali, come materiali da costruzione, tubi di metallo, materiali idraulici, erbicidi, insetticidi e veleni per insetti. Inoltre, sono stati istituiti una serie di posti di controllo all’interno del campo e posti vari autoparlanti che diffondono messaggi ai residenti”.

Il rapporto riporta vari casi di violenza perpetrata dalle forze di sicurezza irachene contro i residenti del campo,gesti che hanno portato ad alcuni ferimenti.
Si aggiunge:” UNAMI ha chiesto che il controllo venga attuato su entrambi i fronti, nel rispetto dei diritti umani e degli standard umanitari”.

Secondo l’Articolo 1 del rapporto, nel paragrafo 6 della risoluzione 1936 del Consiglio di Sicurezza del 2010 , il Consiglio di Sicurezza ha chiesto al Segretario Generale di rendere noto al Consiglio ogni quattro mesi i progressi fatti attraverso i successi della Missione di Assistenza delle NU per l’Iraq (UNAMI) . L’attuale rapporto è il primo firmato concorde con quella risoluzione.”

L’intero Articolo (41) su CA è riportato qui di seguito:

” La situazione di CA continua a destare preoccupazione sin da quando le Forze USA hanno lasciato l’Iraq il 2 luglio 2010. Citando la preoccupazione sulla sicurezza, il Governo ha vietato l’ingresso al campo ad un certo numero di cose, quali materiali da costruzione, tubi, materiale idraulico, erbicidi, insetticidi e veleni contro gli insetti.
Inoltre sono stati istituiti una serie di posti di controllo e alcuni autoparlanti che inviano messaggi ai residenti. I capi del campo sostengono che talٍi misure sono state adottate per inasprire il controllo in vista di un loro ritorno. le autorità irachene hanno dichiarato che la situazione a CA non continuerà in modo indefinito e che non informeranno l’UNAMI e la Commissione della Croce Rossa su quando verrà il momento di ricollocare gli abitanti.
Varie piccole dispute sono sorte tra i residenti e gli ufficiali locali iracheni ad ottobre, dove si sono contati anche dei feriti. UNAMI ha chiesto che si intervenga su entrambi i fronti, nel rispetto dei diritti umani e degli standard umanitari, mentre vengono rispettate le leggi irachene e si riconosce la sovranità irachena , pur tenendo in conto il diritto internazioanale.”

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,485FollowersFollow