sabato, Luglio 20, 2024
HomeNotizieIran NewsIran News: proteste scoppiano in tutto l'Iran tra disordini economici e sociali

Iran News: proteste scoppiano in tutto l’Iran tra disordini economici e sociali

Il 5 giugno, un folto gruppo di agricoltori si è riunito di fronte al governatorato provinciale di Ahvaz, nel sud-ovest dell’Iran, per protestare contro la mancanza di pagamenti per le loro consegne di grano. Cantando “Non saremo mai ingannati da false promesse”, gli agricoltori hanno chiesto pagamenti immediati e responsabilità alle autorità locali. I lavoratori locali disoccupati di Shush, nel Khuzestan, hanno continuato il loro sit-in di protesta il 4 giugno per il 34 ° giorno consecutivo, chiedendo lavoro presso la Haft Tappeh Sugarcane Agro-Industry Company.

I manifestanti, tenendo cartelli, hanno sostenuto che i giovani locali dovrebbero avere la priorità sulle assunzioni non locali. Alcuni partecipanti erano stati precedentemente convocati dalla magistratura. Il 4 giugno, i prigionieri politici in diverse prigioni, tra cui Evin e Ghezel Hesar, hanno iniziato uno sciopero della fame nell’ambito della campagna “No alle esecuzioni”, giunta alla sua 19a settimana. La campagna, che evidenzia l’aumento delle esecuzioni di prigionieri ordinari, richiede il sostegno nazionale di tutti i detenuti. Il 3 giugno, i pensionati dell’Organizzazione di sicurezza sociale hanno tenuto manifestazioni contro le politiche economiche del governo, accusando il regime di corruzione e cattiva gestione. Le proteste sono state contrassegnate da richieste di pensioni migliori e giustizia economica. I lavoratori a contratto della compagnia di telecomunicazioni statale iraniana (TCI) hanno scioperato in diverse città il 3 giugno.

I lavoratori hanno protestato contro contratti iniqui, salari non pagati e altre lamentele, evidenziando una diffusa insoddisfazione per le condizioni di lavoro in Iran. Mentre il regime continua a ignorare le richieste del popolo iraniano, le sue forze di sicurezza prendono di mira i cittadini svantaggiati nelle aree di confine, come i facchini di carburante e i kulbar (vettori di merci), che lottano per sbarcare il lunario.

Il 4 giugno, le guardie rivoluzionarie di Khamenei hanno sparato e ucciso un giovane kulbar e ferito altri tre ai confini di Baneh, Marivan e Nosud. Inoltre, due facchini di carburante Baluchi sono stati bruciati a morte dopo che le guardie hanno aperto il fuoco sul loro veicolo vicino a Bandar Abbas. In un altro incidente il 4 giugno, le forze militari hanno sparato e ferito Parviz Qaderi, un kulbar di 29 anni, al confine con Nirvan a Baneh.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow