giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeNotizieIran NewsIran: Le origini della crisi idrica di Hamedan

Iran: Le origini della crisi idrica di Hamedan

La scorsa settimana, la popolazione locale si è radunata ad Hamedan, nell’Iran occidentale, per protestare contro la carenza d’acqua. Le proteste sono scoppiate ad Hamedan pochi giorni dopo che le forze di sicurezza del regime avevano represso la popolazione di Shahr-e Kord, la capitale della provincia di Chaharmahal e Bakhtiari, in seguito alle loro giornate di protesta per la mancanza d’acqua.
Hamedan e Shahr-e Kord erano un tempo considerate province ricche d’acqua, ma negli ultimi anni gli abitanti di queste province hanno sofferto della più drammatica crisi idrica nazionale.
Incolpare elementi invisibili, le sanzioni o “nemici” per tutte le attuale crisi è diventate il marchio di fabbrica del regime ma non inganna gli iraniani. La situazione disastrosa ha costretto i media di Stato iraniani, strettamente controllati, a riconoscere l’incapacità del regime di incolpare gli altri.
“I funzionari trascurano i loro doveri nei confronti degli iraniani usando scuse come le sanzioni, i problemi bancari, le minori esportazioni di petrolio e la diminuzione delle entrate del governo. Ma cinque anni fa, quando non c’erano le sanzioni e i loro effetti paralizzanti, i funzionari dimenticavano di aiutare la gente”, ha scritto il 27 agosto il quotidiano statale Etemad.
“Ogni funzionario che ha preso il potere negli ultimi anni non ha fatto altro che fare promesse vuote. È diventato evidente quanto i diritti del popolo iraniano siano stati danneggiati”, riconosce il giornale.
Il quotidiano Etemad riconosce che l’attuale crisi idrica in Iran era evitabile quasi due decenni fa. “Secondo gli esperti dell’acqua, le azioni [del regime] miravano principalmente a distruggere e sprecare le risorse idriche sotterranee, il capitale più prezioso di questa terra”, ammette il giornale.
Secondo il quotidiano Etemad, gli esperti dell’acqua avevano avvertito il regime che “il prosciugamento di decine di preziose zone umide iraniane, l’essiccamento del 95% del lago di Urmia a causa dell’uso eccessivo delle falde acquifere, la cattiva gestione nel cambiare il modello di coltivazione e l’ignorare la graduale diminuzione delle precipitazioni” avrebbero certamente portato a un disastro. Eppure, le autorità iraniane sono rimaste sorde a tutti questi avvertimenti, poiché hanno tratto immensi profitti dalla costruzione di dighe non scientifiche, dalla deforestazione per la vendita di legname e dalla gestione di fabbriche e impianti senza alcuna utilità per gli iraniani.
La provincia di Hamadan, che conta decine di antiche città iraniane ed era considerata una provincia ricca d’acqua, ora soffre di mancanza d’acqua a causa delle azioni distruttive del regime.
Cosa ha causato la crisi di Hamedan?
Due fattori principali hanno portato alla situazione attuale di Hamedan. Il primo è rappresentato dalle azioni collettive del regime che hanno portato al prosciugamento della diga di Ekbatan, che rifornisce Hamedan di acqua, distruggendo anche il suolo.
“Il suolo non ha assorbito le recenti piogge torrenziali in molte zone di Hamedan, e questo problema è causato da pesanti interventi umani nelle montagne. La deforestazione per fornire carburante e la distruzione dei pascoli hanno creato la situazione attuale. Pertanto, l’acqua non è immagazzinata a sufficienza nella diga di Ekbatan”, ha scritto a questo proposito il quotidiano statale Resalat il 28 agosto.
“Inoltre, anche le attività minerarie sono molto distruttive, per lo più inutili, e fermarle non avrebbe alcun effetto sull’economia nazionale. Ma poiché pochi [funzionari] traggono vantaggio da questo problema, dovremmo perdere il suolo che potrebbe assorbire l’acqua”.
Un altro fattore che ha portato all’attuale crisi idrica di Hamedan è l’esistenza della centrale termoelettrica “Mofateh”. Costruita 27 anni fa, questa centrale danneggia gravemente l’ambiente.
Il 16 febbraio 2019, l’agenzia di stampa semi-ufficiale ISNA ha rivelato alcuni impatti negativi della centrale di Mofateh.
“La centrale termoelettrica di Mofateh, costruita 22 anni fa a nord-est della città di Hamadan, oltre a utilizzare l’acqua sotterranea della pianura di Famenin e la naturale diminuzione del livello dell’acqua sotterranea nella regione, ha creato 25 doline intorno ad essa. Inoltre, il rilascio delle sue acque reflue nelle fattorie circostanti ha causato la salinità del suolo e la riduzione delle colture nei dintorni”, ha dichiarato l’ISNA.
La centrale di Mofateh utilizza olio combustibile anche in inverno, inquinando l’aria e mettendo a rischio la vita delle persone.
Nel 2013, i media statali iraniani avevano avvertito degli effetti negativi di questa centrale sull’ambiente, ma i funzionari del regime hanno deciso di ignorare questi avvertimenti.
“Questo complesso ha bisogno di circa 10-11 milioni di metri cubi d’acqua all’anno per raffreddare le sue torri, rifornendosi così di acqua da 20 pozzi scavati appositamente. Ciò potrebbe causare una crisi idrica nella provincia di Hamedan in futuro”, ha dichiarato il 7 dicembre 2013 l’agenzia di stampa statale Mehr, collegata al Ministero dell’Intelligence del regime.
I pozzi utilizzati per rifornire questa centrale termica si trovano nella pianura di Kabudar Ahang, un tempo considerata la riserva naturale di falde acquifere della provincia.
Secondo uno studio del 2010 pubblicato su Springer Link, gli acquiferi della pianura di Kabudar Ahang hanno un sostrato di roccia calcarea alla base di una spessa pianura alluvionale coesiva. L’elevata purezza del calcare, la notevole porosità e i numerosi giunti e fratture favoriscono un elevato carsismo del calcare.
“Lo sfruttamento eccessivo delle acque sotterranee negli ultimi decenni ha creato un significativo abbassamento della falda acquifera”, aggiunge lo studio.
Moftaheh divora le riserve idriche di Hamedan, mentre a causa della mancanza di piogge negli ultimi anni, anche le falde acquifere della pianura di Kabudar Ahang sono state utilizzate per rifornire la provincia di acqua. Pertanto, non esiste una soluzione a lungo termine per l’attuale crisi idrica di Hamedan, poiché le risorse idriche si stanno rapidamente esaurendo.
L’attuale crisi di Hamedan e il modo in cui il regime l’ha aggravata sono solo la punta dell’iceberg. È solo un esempio delle politiche devastanti del regime iraniano.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,485FollowersFollow