domenica, Gennaio 29, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaIran: Maryam Rajavi incontra Rudy Giuliani in Albania

Iran: Maryam Rajavi incontra Rudy Giuliani in Albania

Giovedì 11 luglio 2019 – Maryam Rajavi, presidente eletto del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, ha incontrato oggi Rudy Giuliani, avvocato personale del presidente Trump. L’incontro ha avuto luogo ad Ashraf-3, sede della Resistenza iraniana in Albania. Hanno discusso gli ultimi sviluppi in Iran e nella regione, tra cui le continue proteste anti-regime in tutto il Paese, lo stato vulnerabile del regime e le sue attività maligne nella regione del Medio Oriente.

La signora Rajavi ha ribadito che il regime iraniano si trova ad affrontare una società esplosiva, un movimento di resistenza organizzato e un diverso contesto internazionale. “Come risultato dell’espansione delle Unità di Resistenza e delle loro attività su scala nazionale, unitamente all’incapacità del regime di affrontare i problemi di fondo della popolazione iraniana, la prospettiva di un rovesciamento di questo regime non è mai stata più brillante”, ha detto, aggiungendo che “è tempo che la comunità mondiale riconosca la legittima richiesta del popolo iraniano di far cadere la dittatura religiosa dominante”.

Ricordando che il presidente e il segretario di Stato degli Stati Uniti hanno ripetutamente dichiarato che quello è un regime corrotto e che il popolo iraniano è stato la sua vittima che ha sofferto più a lungo, il sindaco Giuliani ha sottolineato che l’America sta dalla parte del popolo iraniano e sostiene la sua lotta per la libertà.
Il Sindaco Giuliani ha affermato che esiste un’alternativa praticabile al regime iraniano costituita dal Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI), indicando il piano in dieci punti del CNRI per il futuro dell’Iran come una garanzia di libertà, democrazia e diritti umani in un Iran post-teocrazia. Lodando la leadership della signora Rajavi, Giuliani ha detto: “La Resistenza iraniana non ha rivali nella sua potenzialità di rovesciare la tirannia religiosa che governa l’Iran e di portare quella grande nazione nell’ambito del mondo civilizzato”.

Giuliani ha aggiunto: “Lo sviluppo di Ashraf 3 in un così breve periodo di tempo è sorprendente e mostra l’impressionante capacità del MEK di ricostruire l’Iran che è stato distrutto da quel regime”.

La signora Rajavi ha aggiunto che le sanzioni contro Khamenei e il suo ufficio devono essere estese anche a Hassan Rouhani e Javad Zarif per porre fine alla falsa rappresentazione di moderazione e riforma all’interno del regime clericale. Il Ministero dell’Intelligence e della Sicurezza (MOIS), come avvenuto per le Guardie rivoluzionarie (IRGC), dovrebbe essere inserito negli elenchi di entità terroristiche degli Stati Uniti e dell’UE. Il regime iraniano e l’IRGC dovrebbero essere espulsi dall’Iraq, dalla Siria, dallo Yemen, dal Libano e dall’Afghanistan. Gli agenti di IRGC e MOIS dovrebbero essere processati ed espulsi dagli Stati Uniti e dall’UE.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran
11 luglio 2019

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,898FollowersFollow