mercoledì, Febbraio 1, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaIran: Maryam Rajavi accoglie con favore il “New Sanctions Act”, sottolineando la...

Iran: Maryam Rajavi accoglie con favore il “New Sanctions Act”, sottolineando la necessità di attuarlo immediatamente e totalmente

Cacciare l’IRGC e le sue milizie dal Medio Oriente è indispensabile per l’attuazione di questo Atto

Maryam Rajavi, la Presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI), ha salutato con favore l’approvazione di una legge da parte di entrambe le camere del Congresso americano, che impone nuove sanzioni al regime iraniano per la violazione dei diritti umani e il suo programma sui missili balistici. Il Congresso americano estende queste sanzioni anche al Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) per il suo coinvolgimento nel terrorismo.

Ed ha aggiunto: “Già molti anni fa la Resistenza Iraniana aveva sollecitato la designazione terroristica dell’IRGC, dato che esso preserva l’interezza del regime teocratico ed agisce come il suo principale apparato per la repressione interna e l’esportazione del terrorismo e del fondamentalismo. Ma la politica di accondiscendenza verso la dittatura religiosa dei mullah ha aperto la via alla furia dell’IRGC e dei suoi affiliati in tutta la regione.

Maryam Rajavi ha sottolineato la necessità di una immediata e totale applicazione di queste sanzioni e delle relative disposizioni. Ha ribadito che non ci dovranno essere scappatoie che permettano al regime e alle sue entità ufficiali e non, nonché ai suoi interlocutori interni e stranieri, di evitare le implicazioni di questa legge.

La Presidente eletta del CNRI ha esortato gli altri paesi, in particolare l’UE e i paesi del Medio Oriente, ad adottare queste sanzioni in modo da negare al regime la possibilità di approfittare dei suoi legami diplomatici e commerciali con essi e continuare ad opprimere il popolo iraniano, ad esportare il terrorismo e la guerra nel resto della regione.

Ed ha aggiunto: “L’immediata applicazione delle sanzioni contro l’IRGC e le organizzazioni ad esso affiliate, si deve aggiungere all’espulsione dell’IRGC e delle sue milizie affiliate dal Medio Oriente, in particolare da Siria e Iraq. Ciò è indispensabile per l’attuazione di questo atto ed è un prerequisito per porre fine ai conflitti e alle crisi che stanno attanagliando la regione”.

Maryam Rajavi ha asserito che la totale attuazione di queste sanzioni contro il regime iraniano deve essere completata da azioni urgenti contro i funzionari incaricati delle esecuzioni, delle torture ed in particolare del massacro dei prigionieri politici del 1988. In cima alla lista c’è Ali Khamenei, il leader supremo dei mullah. Tutti loro devono affrontare la giustizia per 38 anni di crimini contro l’umanità. La soluzione ultima alla crisi nella regione è il rovesciamento di questo regime teocratico illegittimo, per mano del popolo iraniano e della Resistenza Iraniana. Il riconoscimento del desiderio del popolo iraniano e del suo diritto a rovesciare i mullah per ristabilire la democrazia e la libertà in Iran, è il più grande contributo alla pace e alla tranquillità in Medio Oriente e nel mondo.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

27 Luglio 2017

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow