domenica, Febbraio 5, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaIran - Iraq: Si intensifica l'assedio contro l'opposizione iraniana a Camp Liberty

Iran – Iraq: Si intensifica l’assedio contro l’opposizione iraniana a Camp Liberty

Per la terza settimana, oltre ad ostacolare l’arrivo dei ricambi necessari alla manutenzione e alla riparazione delle infrastrutture, le forze irachene stanno vietando l’ingresso di beni fondamentali come le attrezzature per la cucina e per gli impianti igienici.

CNRI – Il 3 Giugno, nella terza settimana di inasprimento dell’assedio a Camp Liberty ordinato dal Comitato Governativo incaricato della repressione di Ashraf, le forze irachene stanno vietando l’arrivo al campo persino dei beni necessari per vivere, oltre ai pezzi necessari alla manutenzione e alla riparazione del sistema elettrico, idrico e delle infrastrutture.

Alcuni beni di cui è stata bloccata la consegna al campo mercoledì 3 Giugno sono: attrezzature da cucina, condizionatori d’aria a evaporazione e suoi componenti, ventilatori, cisterne di plastica per l’acqua, lampadine, spine e prese elettriche, tubi per l’acqua, rubinetti per doccia, dentifrici e spazzolini, creme, insetticidi, shampoo, stoffe, attrezzi per la semina, batterie piccole, spugne, torce elettriche, chiodi, colla, ricambi per biciclette, batterie per auto, adattatori per generatori, elettrodi a bastoncino, cemento e ricambi per generatori elettrici. L’UNAMI era stato già informato dell’arrivo di queste cose. Ostacolare l’arrivo di queste merci, specialmente con la stagione estiva, ha provocato molti problemi ai residenti.

Oggi è il diciottesimo giorno che gli agenti del comitato governativo, tra cui il Colonnello Sadeq Mohammed Kadhim e il Maggiore Ahmed Khozair, stanno impedendo la consegna di merci essenziali per il campo bloccandoli all’ingresso n°4 della zona aeroportuale per contro dell’ambasciata del regime iraniano a Baghdad. I rappresentanti dei residenti hanno informato quotidianamente i rappresentanti dell’UNAMI sui dettagli di questo assedio disumano.

Impedire la consegna di beni essenziali per vivere è una completa violazione del Memorandum d’Intesa siglato tra le Nazioni Unite e il Governo dell’Iraq il 25 Dicembre 2011, nonché una violazione di molti patti internazionali e un crimine perseguito a livello giudiziario.

La Resistenza Iraniana chiede alle Nazioni Unite e al Governo degli Stati Uniti, che si sono ripetutamente impegnati per iscritto a garantire il benessere e la sicurezza dei residenti di Liberty, di adottare misure urgenti per porre fine a questo assedio disumano.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

4 Giugno 2015

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,935FollowersFollow