sabato, Dicembre 3, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIran - Iraq: Le forze irachene ostacolano l'utilizzo dei muletti e l'arrivo...

Iran – Iraq: Le forze irachene ostacolano l’utilizzo dei muletti e l’arrivo del carburante a Campo Liberty

Sono  ormai più di 140 giorni che le forze irachene stanno impedendo ai residenti di Camp Liberty di usare i loro muletti, costringendoli a trasportare carichi pesanti a mano o sulle spalle. Tutto questo ha provocato gravi problemi ortopedici e forti dolori alla schiena e agli arti superiori dei residenti. Nonostante i numerosi reclami e la corrispondenza quotidiana dei residenti, l’UNAMI non ha preso nessun provvedimento efficace a questo riguardo.

 

Durante il trasferimento dei residenti a Camp Liberty, il governo di Maliki ha impedito il trasferimento di decine di muletti di loro proprietà. A Novembre 2012, grazie ad un accordo trilaterale tra UNAMI, Governo dell’Iraq e residenti, sono stati trasferiti due muletti da Ashraf a Camp Liberty. Ma le forze irachene li hanno tenuti nei pressi del posto di polizia affermando che i residenti li possono prendere ogni giorno per riportarli dopo che hanno finito il lavoro. Sin dal principio, in violazione di questo accordo, gli agenti dell’intelligence iracheno hanno dato i muletti ai residenti solo per pochi giorni. Ma ora, per il quinto mese consecutivo, non glieli hanno concessi neanche una volta.

Inoltre, questa è la terza settimana consecutiva che le forze irachene vietano l’arrivo del carburante a Camp Liberty. Sin dal loro arrivo a Camp Liberty, i residenti hanno ordinato 400 litri di carburante ogni settimana per usarlo per i pochi veicoli che si trovano a Liberty e che vengono utilizzati soprattutto per i malati, i feriti e i disabili.

Privare i residenti dei loro muletti e dei veicoli non è altro che una tortura fisica e psicologica, una violazione dei patti internazionali, delle leggi umanitarie e sui diritti umani per i quali i responsabili devono essere processati e condannati.

In tutto questo l’intelligence dei mullah, terribilmente preoccupato della rabbia e dell’odio popolare e della condanna internazionale per crimini come le aggressioni con l’acido contro le donne e l’esecuzione di Reyhaneh Jabbari, nella sua catena di siti web ha minacciato che porterà a termine un altro attacco contro Camp Liberty. Un messaggio pubblicato da tutti questi siti web dice: “Invece di tentare di sfruttare le aggressioni con l’acido, il PMOI dovrebbe occuparsi di trovare un altro posto che non sia Liberty… Gli hezbollah iracheni e i figli della protesta di Shabania in quel paese, sarebbero felici di attaccare i Monafeqin (termine dispregiativo usato dal regime per definire il PMOI) a Camp Liberty, dopo aver messo fine ai tumulti del Takfiri ISIS”.

Visti gli impegni presi dal Governo U.S.A. e dalle Nazioni Unite riguardo alla sicurezza e al benessere dei residenti di Camp Liberty, la Resistenza Iraniana chiede un intervento immediato per porre fine a questo assedio criminale a Liberty e garantire ai residenti il libero accesso al carburante e ai muletti. Inoltre la Resistenza Iraniana chiede a tutti gli organismi internazionali in difesa dei diritti umani e dei diritti dei rifugiati, di partecipare ad una campagna mondiale per la revoca di questo assedio disumano.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

29 Ottobre 2014

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,405FollowersFollow