lunedì, Novembre 28, 2022
HomeNotizieArticlesIran, il vento del cambiamento

Iran, il vento del cambiamento

Il People´s Mojahedin Organization of Iran (PMOI) non è più un'organizzazione terrorista per la Ue. Lo stato dell'opposizione interna iraniana. Colloquio con Maryam Rajavi, presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana.

ImageIntervista a Maryam Rajavi
di Fausta Speranza

Limes, (28/01/09) “I venti del cambiamento soffieranno sull’Iran”: con questa espressione la presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, signora Maryam Rajavi, esprime a Limes tutta la sua soddisfazione per la decisione dell’Unione Europea di rimuovere dalla lista nera delle organizzazioni terroristiche il People´s Mojahedin Organization of Iran (PMOI), l’organizzazione militante di opposizione al regime dei Mullah in Iran.

A fine gennaio 2009 si ribalta, dunque, la misura voluta dalla Gran Bretagna nel 2002, dopo gli attentati in Usa dell’11 settembre. Sulla scia delle misure straordinarie contro il terrorismo era stato inserito nella lista nera anche il PMOI, fondato già nel 1965 con l’obiettivo di rovesciare l’allora regime dello Scià rifacendosi ad un Islam moderato. Oggi combatte quello che la Rajavi definisce “il regime fascista religioso dei Mullah” a Teheran ma, secondo vari pronunciamenti della Corte europea (l’ultimo il 4 dicembre 2008) “non ci sono serie e credibili giustificazioni” per parlare di atti terroristici. Chiuso il capitolo europeo, resta però la lista nera degli Usa. Maryam Rajavi, che rappresenta la rete di opposizione all’estero, parla di iscrizione “ingiustificata come non mai” e chiede al nuovo presidente USA Obama di “mettere da parte scelte di condiscendenza con i Mullah e di rimuovere il PMOI dalla lista nera”.

La Rajavi denuncia “l’uso di qualunque tipo di pressione politica e diplomatica” da parte di Teheran per mantenere il bando all’organizzazione che denuncia crimini e gravissime violazioni dei diritti umani da parte dell’attuale dirigenza iraniana. Quando parla di “politica di condiscendenza”, la Rajavi parla anche di “gretti interessi economici” da parte di tanti paesi europei, che hanno rallentato la decisione sul PMOI e soprattutto contraddicono le sanzioni imposte per le questioni del nucleare. A questo proposito, nello stesso giorno in cui l’Unione Europea accoglie i ricorsi sul PMOI, la Germania annuncia un’inversione di rotta: il governo tedesco, secondo fonti di stampa, ha ordinato uno stop alle garanzie pubbliche sui crediti concesse alle aziende che esportano in Iran. Lo ha fatto dopo l’evidenza dei fatti che segnala una crescita notevole dell’export tedesco verso l’Iran nel 2008, nonostante l’irrigidimento delle sanzioni. Tra i maggiori critici dell’aumento delle esportazioni tedesche verso l’Iran ci sono gli Stati Uniti e Israele, secondo il quale a fine novembre 2008 l’export all’Iran era cresciuto del 10,5% su base annua, fino a 3,58 miliardi di euro.

Ogni tanto torna ad alzarsi la temperatura del confronto tra Teheran e le grandi potenze mondiali del gruppo ‘5+1′ (Usa, Gran Bretagna, Cina, Russia, Francia e Germania) sul programma nucleare iraniano e ora c’è attesa per come evolveranno le cose con l’amministrazione Obama. A Bruxelles sottolineano che la porta del dialogo con Teheran ”resta sempre aperta” mentre si mette in conto l’applicazione letterale delle sanzioni previste dalla risoluzione 1803 dell’ONU. Finora Maryam Rajavi ha accusato la comunità internazionale di non saper uscire dall’alternanza tra le “carote” offerte dall’Unione Europea e il “bastone” paventato dagli Stati Uniti.

Il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana è nato nel 1981 e ha sede a Parigi. Il suo fondatore è Massud Rajavi ma per motivi di sicurezza non è dato sapere dove si trovi. Maryam Rajavi, invece, che è la presidente eletta, interviene pubblicamente seppure con alte misure di sicurezza. Annualmente riunisce a Parigi circa 7000 iraniani in esilio. Ripete che la soluzione alla crisi iraniana non è né “la politica delle concessioni al regime dei mullah, sostenuta negli ultimi due decenni dall’Occidente in generale e dall’Unione Europea in particolare, né la guerra e l’intervento militare straniero”. La terza via, secondo il CNRI, “è una svolta democratica nel paese grazie al sostegno al popolo iraniano e alla resistenza organizzata”. Si vedrà sarà la via che imboccherà Obama e se si tratterà di un’ulteriore terza via. A febbraio ci sarà la prossima riunione delle grandi potenze sul programma nucleare iraniano. Al momento il massimo esperto in tema di nucleare nell’ambito della resistenza iraniana, Alireza Jafarzadeh, che ha lasciato il suo Paese 20 anni fa ed è autore del libro “L’atomica Teheran”, ci dice che le informazioni a disposizione sugli studi sul nucleare in Iran sono quelle che provengono dall’interno del Paese proprio dall’Organizzazione dei Mujahidin del Popolo Iraniano (PMOI). A Limes ha rilasciato questa intervista:
R. – “Il regime iraniano non intende abbandonare l’arricchimento dell’uranio o nessun’altra parte del programma nucleare e, dunque, a meno che la comunità internazionale non fermi tutto ciò, il regime iraniano è sul punto di disporre della bomba atomica.
D. – La comunità internazionale secondo lei conosce realmente la situazione? Esperti certamente si sono recati in Iran per fare verifiche o hanno colloqui, come questi giorni Solana, con esponenti politici iraniani, o ci sono le posizioni degli Stati Uniti, ma secondo lei dispongono di informazioni chiare e corrette sui rischi?
R. – Io credo che il mondo sia stato nell’oscurità per quanto riguarda la realtà del programma nucleare dell’Iran. E’ stata l’opposizione iraniana che ha messo in luce tutti i più importanti siti nucleari dell’Iran, come Natanz, Arak, Isfahan, Karaj e altri siti. L’AIEA ha raccolto le informazioni dell’PMOI, si è recata in questi siti e ha svolto le sue ispezioni. Ma non tutti i siti nucleari iraniani sono stati ispezionati dall’AIEA, non tutti gli esperti nucleari sono stati interrogati dall’AIEA perchè il regime iraniano ha impedito il contatto con questi esperti. Dunque noi crediamo che la pressione della comunità internazionale debba crescere in modo significativo per pretendere la sospensione del programma di armamenti nucleari dell’Iran.
D. – Quanto è avanzato il programma nucleare iraniano? Che cosa esattamente possono realizzare al momento?
R. – Io credo che il regime iraniano disponga di un avanzatissimo programma nucleare e pensando che non verranno fermati per uno, due o tre anni, allora è sicuro che avranno tutto il necessario per mettere insieme la bomba nucleare. L’orologio sta per scoccare. Non abbiamo molto tempo. La comunità internazionale dovrebbe agire molto in fretta.
D. – Lei dice uno, due o tre anni. A volte si sente dire meno di due anni…
R. – Le cose si muovono molto in fretta. Esattamente nessuno può dirlo, ma anch’io confermo la possibilità di meno di due anni.
D. – I cinque anni di conflitto in Iraq, prima l’attacco e poi la guerra civile e poi l’attuale situazione di guerriglia, hanno aiutato il regime iraniano? Attualmente passa attraverso l’Iraq materiale utile per il regime in tema di nucleare?
R. – La situazione in Iraq aiuta il regime iraniano nel senso che il regime di Akmadinejad interferisce in Iraq. Il punto in questo caso non è il nucleare ma la rete terroristica che l’Iran riesce a supportare in Iraq. L’Iraq sta rendendo più potente il vicino Iran. Terroristi del regime iraniano già erano presenti in Iraq e sono stati il maggiore fattore di destabilizzazione dall’inizio della guerra in Iraq nel 2003. E’ necessario fermare tutto ciò.
D. – Parliamo di materiale importato da paesi occidentali, paesi europei in Iran: il Consiglio nazionale della Resistenza Iraniana ha denunciato diverse volte l’ingresso di materiale non lecito secondo le convenzioni internazionali e utile a scopi nucleari, è vero?
R. – E’ vero, l’anello di congiunzione in Iran è la Khatam ol-Anbia Construction Garrison, braccio economico del ministero della Difesa iraniano. Paesi occidentali hanno assicurato all’Iran materiali tecnologici e conoscenze utili ai fini nucleari insieme con altro materiale tecnologico. In alcuni casi lo hanno fatto con consapevolezza, in altri casi senza consapevolezza. E’ il motivo per cui noi crediamo che l’Iran, il regime, debba essere sottoposto a un embargo totale che blocchi l’accesso a qualunque forma di tecnologia. Non possiamo sapere cosa fanno con materiale che apparentemente è per computer o con altro materiale metallurgico. Finchè l’Iran ha un programma nucleare e sostiene il terrorismo, i paesi europei devono assicurargli l’embargo per il petrolio, per le armi e anche l’embargo a livello diplomatico.
D. – Ma è possibile oggi, nel mondo globalizzato, fermare completamente la tecnologia per un intero popolo, per un intero paese?
R. – Sì, se prendono una decisione in tal senso, è possibile.
D. – E’ quello che chiedete all’Unione Europea?
R. – L’Unione Europea ha bisogno di mettere sotto pressione il regime iraniano incrementando le sanzioni. Questo non significa colpire il popolo ma il regime. Il regime sta aumentando le entrate per il petrolio e tutti i soldi non vengono utilizzati per aiutare la popolazione ma piuttosto per sostenere la rete terroristica e per far avanzare i programmi nucleari. Ecco perchè è urgente decidere per l’embargo totale.
D. – Voi, opposizione all’estero, ricevete informazioni sui programmi nucleari del regime dall’opposizione interna. Ma quanto è difficile avere queste informazioni?
R. – E’ molto difficile. La situazione è molto difficile e rischiosa. Delle persone hanno perso la loro vita per questo. Ma la resistenza è talmente forte che il regime non riesce a stroncare questa e altre attività. L’informazione continua ad arrivare anno dopo anno.
D. – Ci sono persone che hanno perso la vita anche di recente?
R. – Non proprio di recente: alcuni due anni fa. La resistenza riesce sempre meglio ad avere informazioni.
D. – In definitiva qual è la vostra richiesta agli Stati Uniti e all’Europa?
R. – La politica delle concessioni, basata su interessi economici di vita breve, su contratti lucrativi con i mullah, ha avuto solo conseguenze negative. L’oppressione in Iran è cresciuta, Teheran si sta dotando di armi nucleari, sta esportando il fondamentalismo nel Medio Oriente e nel mondo. L’Europa stessa è sempre più colpita da tutto ciò. La principale richiesta del Consiglio Nazionale di Resistenza Iraniana all’Europa, dopo quella ottenuta oggi di cancellare dalla lista nera delle organizzazioni terroristiche i Mujahedin del Popolo Iraniano (PMOI), è di adottare le stesse sanzioni decise dagli Stati Uniti il 25 ottobre 2007. Gli Stati Uniti hanno adottato sanzioni nei confronti del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche (Irgc) e della sua unità extraterritoriale, conosciuta come Qods Force; di nove altre entità affiliate all’Irgc, con i loro capi; di tre importanti banche iraniane. E’ qualcosa di importante. Ma ripeto che l’embargo sulle tecnologie dovrebbe essere totale. Agli Stati Uniti, invece, chiediamo di cancellare il PMOI dalla lista nera dei terroristi e di escludere l’attacco armato contro il nostro Paese.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,398FollowersFollow