martedì, Maggio 28, 2024
HomeNotizieArticlesChi è "Reza il bullo" e perché Reza Pahlavi cerca di ottenere...

Chi è “Reza il bullo” e perché Reza Pahlavi cerca di ottenere credibilità dalla sua figura?

reza pahlavi khan iran

Dal 1980, Reza Pahlavi, il figlio dell’ex dittatore iraniano destituito, gode di una vita lussuosa negli Stati Uniti grazie alle ricchezze che suo padre ha sottratto al popolo iraniano, e cerca di posizionarsi come legittimo erede e sovrano dell’Iran. Tuttavia, le sue affermazioni sono avvolte da bugie e inganni, mentre lotta per far passare suo nonno come un sovrano dall’animo benevolo, sebbene sia stato un dittatore che ha oppresso il popolo iraniano per decenni.
La realtà è che lo Scià era una figura famigerata, ampiamente criticata per il suo regime brutale e per le diffuse violazioni dei diritti umani. Nonostante i tentativi di Pahlavi di rivedere la storia, la verità è che lo Scià era un tiranno crudele che governava con il pugno di ferro. Soppresse il dissenso, censurò i media, impose la legge marziale e il suo regno portò a povertà, corruzione e analfabetismo diffusi.
Tuttavia, dal momento che alcuni media in lingua persiana riportano i falsi sentimenti di Pahlavi con un’agenda discutibile, potrebbe valere la pena di rivedere la figura di Reza Pahlavi e ciò che ha fatto per l’Iran, o meglio, all’Iran.
Reza Khan nacque nel 1878 nel villaggio di Alasht, nella provincia di Mazandaran. Trasferito a Teheran, si arruolò come giovane soldato nella Brigata cosacca. Nonostante fosse analfabeta, raggiunse il grado di generale di brigata grazie al suo comportamento ambizioso e spietato. Servì come guardia del console generale olandese a Teheran e fu noto per il suo ruolo di leader delle bande religiose e di guardiano della comunità nelle cerimonie religiose.

La Brigata cosacca fu creata da Naser al-Din Shah nel 1879 in segno di amicizia con lo zar russo. La Brigata era basata sul modello imperiale russo e i suoi ufficiali erano fedeli allo zar russo, che li usava per proteggere il trono Qajar e mantenere il controllo sull’Iran.
La Brigata ha interrotto il processo democratico e la rivoluzione costituzionale iraniana in atto nel 1906, sciogliendo il primo parlamento. Ciò provocò una crisi politica fino al 1921, quando Reza Khan, con il sostegno britannico, guidò un colpo di Stato contro il debole scià Qajar. La dinastia Qajar, influenzata da Russia e Gran Bretagna, aveva portato l’Iran alla rovina finanziaria e a una crisi politica. Debole nei confronti dell’influenza straniera e oppressiva nei confronti dei cittadini, la dinastia Qajar collaborò con la Russia e il clero reazionario per riconquistare il potere sul movimento democratico iraniano.
William Morgan Shuster, funzionario e banchiere statunitense, fu assunto come tesoriere generale dell’Iran nel 1911. Nel 1912 scrisse “The Strangling of Persia” (Lo strangolamento della Persia), condannando le interferenze straniere in Iran. Gli sforzi di Shuster furono di breve durata a causa delle minacce russe e dedicò il suo libro al popolo persiano. Nella prefazione, scrisse che il sacrificio dei costituzionalisti iraniani avrebbe dovuto sensibilizzare il mondo sulla rapina internazionale del 1911.
Nonostante l’approccio spietato e la censura di Pahlavi, l’Iran ha sperimentato l’evoluzione socio-politica che ha interessato il mondo del XX secolo. Le trasformazioni in atto nel Paese stavano prendendo forma per effetto della vivacità della stampa, della crescita della classe imprenditoriale e della frustrazione per lo sfruttamento della monarchia e per l’ingerenza delle potenze imperiali. Nonostante l’iniziale sostegno ai costituzionalisti iraniani, l’ordine imperiale britannico finì per lavorare contro i democratici iraniani a proprio vantaggio.
Le intenzioni della Gran Bretagna di controllare il petrolio iraniano e di assicurarsi l’India britannica non andavano a genio a un Iran emergente e indipendente. Pertanto, la decisione di Londra di sostituire l’influenza della Russia portò al sostegno di Reza Khan in un colpo di Stato. Come comandante della brigata cosacca, Pahlavi marciò su Teheran nel 1921, ponendo fine al movimento democratico iraniano. Dichiarò la legge marziale, si posizionò come uomo forte e salì al potere come primo ministro nel 1923. Il parlamento sottomesso lo elesse scià, instaurando la dinastia Pahlavi.
Dopo essere stato incoronato scià nel 1926, Reza Shah accentrò il suo potere in Iran e lasciò il suo segno nel Paese. Si impadronì di vaste proprietà, stimate in oltre 3 milioni di acri, e arricchì la sua famiglia con tutte le ricchezze del Paese. Si dice che Reza Shah abbia preso possesso con la forza di 44.000 proprietà, danneggiando la vita di molti. Si ritiene che avesse conti bancari che contenevano tra i 20 e i 300 milioni di dollari (Washington Post, 1° ottobre 1941). Si appropriò anche dei beni di valore della monarchia iraniana, tra cui smeraldi, rubini, diamanti, oro, argento e opere d’arte.
Nelle generazioni più anziane degli iraniani, Reza Shah è ricordato come “Reza, il bullo” per i suoi metodi repressivi, tra cui la soppressione delle minoranze e dei movimenti, l’intimidazione della stampa e degli intellettuali, l’inosservanza della Costituzione e del Parlamento del 1906 e l’obbligo per le donne delle comunità tradizionali di abbandonare il copricapo.
Fece uccidere giornalisti e politici che si erano espressi contro i suoi metodi brutali. Soppresse anche gli intellettuali e i liberi pensatori iraniani e limitò la crescita del libero mercato grazie ai suoi legami con ricchi proprietari terrieri e famiglie.
Nonostante il suo atteggiamento intimidatorio nei confronti degli iraniani, fu indulgente nei confronti di nazioni potenti come la Gran Bretagna. Nel 1933, con John Cadman, capo dell’APOC, e Reginald Hoare, ambasciatore britannico a Teheran, stipulò un accordo con gli inglesi per estendere la concessione D’Arcy alla Anglo-Persian Oil Company (APOC). Costrinse il Parlamento ad approvarla all’unanimità.
In base al trattato con l’APOC, la compagnia fu autorizzata a continuare le sue operazioni petrolifere in cambio del pagamento del 20% dei suoi profitti all’Iran, di cui lo Scià era il principale beneficiario. L’estensione delle operazioni dell’Imtiaz fu ridotta da 400.000 miglia (circa 643737,6 km) a 10.000 miglia (circa 16093,44 km). L’accordo estendeva la Concessione D’Arcy, che sarebbe scaduta nel 1962, per altri 32 anni.
Negli anni Trenta, Reza Shah espresse ammirazione per Hitler e per il regime nazista in Germania, invitando in Iran consiglieri militari nazisti. Egli vedeva la propria carriera come simile a quella di Hitler e mirava a stabilire un nuovo ordine mondiale a favore delle potenze dell’Asse.
Durante una visita in Germania, la moglie di Reza Shah, Tajol-Muluk, annotò nel suo diario i doni di tappeti persiani e pistacchi che la delegazione iraniana portò a Hitler. Hitler ricambiò elogiando Reza Shah e inviando un autoritratto, oggi conservato nella Collezione del Palazzo del Museo Niavaran nel Palazzo Saheb Quran.
Tuttavia, la posizione filo-nazista di Reza Shah si rivelò un errore costoso. Temendo la sua alleanza con Hitler, gli inglesi e i sovietici lo costrinsero ad abdicare nel 1941 e a cedere il potere al figlio. Morì in esilio sull’isola di Mauritius, vicino al Sudafrica, nel 1944.
Reza Khan, il bullo, fu portato al potere dagli inglesi, terrorizzò e saccheggiò l’intera nazione in 16 anni e fu rimosso dal potere da forze straniere.
Nonostante i tentativi di Pahlavi di prendere le distanze dalla dittatura clericale, è probabile che i suoi sforzi non vadano a buon fine, poiché il popolo iraniano nutre un profondo risentimento nei confronti del padre e del nonno e dei loro regimi brutali, che hanno portato alla rivoluzione antimonarchica del 1979 e al rovesciamento del regime dittatoriale di Pahlavi.
Inoltre, i suoi tentativi di presentarsi come un salvatore o un’alternativa all’attuale regime risultano inconsistenti, data la mancanza di un vero sostegno da parte del popolo iraniano e la sua stretta associazione con i funzionari e gli statisti dell’ex regime.
Il fatto di paragonare le atrocità dell’attuale regime a una “versione imbiancata” dell’eredità dei suoi avi è la prova che Reza Pahlavi II è consapevole della sua mancanza di appoggio socio-politico in Iran. La sua disponibilità a collaborare con le forze dell’IRGC di Khamenei per mantenere la legge e l’ordine in futuro dimostra anche la consapevolezza di non avere un sostegno organizzativo significativo all’interno del Paese.
L’idea di un “gruppo di opposizione” che enfatizza la collaborazione con l’IRGC (Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche) e il Basij del regime e scoraggia qualsiasi azione aggressiva contro il regime non fa altro che sostenere un sistema al potere che non ha alcun desiderio di abbandonare il dominio in modo pacifico. La dittatura clericale, che ha usato efficacemente tutti i mezzi per reprimere le proteste, sta promuovendo false alternative. Mentre la rivolta in Iran ha causato centinaia di vittime e implora l’unità, Reza Pahlavi è diventato un fattore di discordia che favorisce l’agenda di Khamenei di dividere e conquistare l’Iran. Tuttavia, l’approccio conflittuale visto nelle strade iraniane dimostra che il popolo capisce che il cambiamento può essere raggiunto solo attraverso il sacrificio.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow