lunedì, Novembre 28, 2022
HomeNotizieIran NewsIran: il regime non riesce ad eludere le sanzioni degli Stati Uniti...

Iran: il regime non riesce ad eludere le sanzioni degli Stati Uniti vendendo petrolio agli acquirenti privati

Di Mahmoud Hakamian

All’inizio di quest’anno, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato che gli Stati Uniti sarebbero usciti dal nuclear deal del 2015. Ha spiegato che la minaccia nucleare esiste ancora nonostante l’accordo nucleare e ha detto di ritenere che abbia persino garantito una corsa agli armamenti nucleari nella regione.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato che si aspetta che tutti i paesi stranieri riducano le importazioni di petrolio iraniano a zero entro novembre. L’amministrazione del Presidente Trump ha represso il regime iraniano, applicando la massima pressione economica per azzerrare i fondi che utilizza per diffondere il terrorismo in tutta la regione e oltre. Il regime iraniano ha cercato di contrastare le sanzioni statunitensi sul commercio di petrolio. Ha offerto un milione di barili di petrolio ad un prezzo base di soli 79,16 dollari al barile per gli acquirenti privati sull’indice energetico iraniano IRENEX. L’Iran alla fine ha ulteriormente ribassato l’offerta a $ 74,85 al barile per i 280.000 barili su un milione che erano in vendita. L’identità dell’acquirente è sconosciuta e dagli unici dati forniti pare che si tratti di un gruppo di società private che effettuavano l’offerta tramite diversi intermediari. Il completo fallimento per conto dell’Iran è stato un tentativo disperato di eludere le sanzioni petrolifere che il presidente Trump ha riconfermato. Queste sanzioni particolari entreranno in vigore il 4 novembre e non c’è dubbio che il regime iraniano ne subirà le conseguenze. All’inizio di quest’anno, il vicepresidente del regime iraniano, Eshaq Jahangiri, ha suggerito che vendere una volta alla settimana il petrolio sullo scambio di energia sarebbe una buona tattica per contrastare gli sforzi degli Stati Uniti per porre fine alle esportazioni petrolifere iraniane. Il regime iraniano crede che vendere il suo petrolio agli acquirenti privati renderebbe più difficile agli Stati Uniti monitorare le vendite di petrolio dell’Iran, e quindi impedirebbe agli Stati Uniti di boicottare le vendite. Il regime iraniano crede di potersi difendere dall’estrema pressione economica che sta subendo, ma è chiaro a tutti che non è possibile. L’economia è già in uno stato disastroso e il Rial, la valuta nazionale del paese, ha perso sempre più valore. Il popolo iraniano è quello che sta soffrendo di più a causa della cattiva gestione e della corruzione del regime e sono coloro I quali ne pagano le conseguenze. I loro risparmi valgono sempre meno e stanno pagando sempre di più per le materie prime più elementari. Non c’è da meravigliarsi se le persone hanno manifestato e protestato dalla fine dell’anno scorso. Sono forti e chiari nelle loro richieste di cambiamento di regime ed è certo che il regime collasserà presto. Invece di concentrarsi sul miglioramento dell’economia del paese e migliorare la situazione, il regime iraniano sta nascondendo la testa sotto la sabbia e concentrandosi su ciò che è irrilevante. Ad esempio, il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei ha svelato un piano ridicolo e risibile affinché l’Iran diventi un leader mondiale nel campo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione entro il 2065.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,398FollowersFollow