domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIran: Con la futura caduta dei mullah, Mojahedin del Popolo vuole installare finalmente...

Iran: Con la futura caduta dei mullah, Mojahedin del Popolo vuole installare finalmente una democrazia

L. Todd Wood è stato in Albania di recente ad esplorare quelli che definisce i combattenti per la libertà iraniani. Le sue interessanti osservazioni interessanti sono informative. Quello che segue è il testo completo del suo primo articolo, in quanto intende scrivere di più sulle sue scoperte.

Incontro con il MEK: combattenti per la libertà iraniani che lavorano per favorire il cambio di regime
Durante un recente viaggio di lavoro in Albania, sono stato invitato a visitare il nuovo campo dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran, o Mojahedin-e Khalq (MEK), ancora in costruzione a circa 45 minuti da Tirana, sulla strada per la costa albanese. Ho accettato l’invito, anche se – devo ammettere – non avevo idea di cosa aspettarmi dopo aver raggiunto l’impianto tentacolare che è la nuova casa per circa 3.200 membri del movimento di resistenza iraniano, dopo che sono stati costretti ad abbandonare l’Iraq con la violenza da parte di quel governo sostenuto dall’Iran.
Intendo scrivere di più sul gruppo e la sua agenda nel prossimo futuro, ma oggi voglio solo esplorare quello che ho trovato su “Ashraf 3”, che è il nome che il MEK ha dato al nuovo campo, dopo il primo Ashraf sul confine iracheno, da dove il gruppo lanciò incursioni in Iran quasi due decenni fa.
Video: il direttore di “Tsarizm” visita la struttura del MEK
Con l’amministrazione Trump che ha abbandonato il cosiddetto accordo con l’Iran, al MEK è stata data una nuova speranza nella sua spinta per il cambio di regime nella Repubblica Islamica dell’Iran. Con le nuove sanzioni che mordono, in combinazione con le conseguenze della gestione incompetente del regime corrotto, i disordini civili dilagano in tutto il Paese. Il MEK vede una reale possibilità di forzare il cambio di regime dall’interno dell’Iran, senza bisogno dell’uso di forze militari americane costose e già sovraestese.
Quando saranno caduti i mullah, il MEK vuole finalmente installare una democrazia. È stato in questo contesto che ho visitato Ashraf 3 in Albania.
Il campo è stato piuttosto controverso, principalmente a causa della visione, da parte del regime, del MEK come una minaccia esistenziale – cosa che ha indotto i mullah ad agire in modo avventato per contrastare quella che vede come la sua vera opposizione, anche se è in Albania. Ciò ha provocato un tentativo di attacco con esplosivi al raduno “Iran libero 2018” a Parigi lo scorso giugno, per il quale è stato arrestato un diplomatico iraniano, e il recente arresto e di due spie iraniane a Washington, che tentavano di colpire esponenti della resistenza negli Stati Uniti.
Agenti dell’intelligence iraniana sono stati attivi in Albania, reclutando ex membri del MEK a scopo di propaganda e tentando di macchiare la reputazione del gruppo agli occhi del popolo albanese.
Un’auto è venuta a prendermi all’hotel di Tirana e abbiamo percorso il tragitto di 45 minuti verso il campo. La conversazione è stata piuttosto piacevole e ci siamo persino fermati per un po’ di frutta locale lungo la strada. Ma la sicurezza era molto stretta. Ho notato che c’erano due macchine sempre insieme ogni volta che lasciavamo il campo durante la visita di due giorni.
Una compagnia di sicurezza locale stava sorvegliando il luogo, con una difesa perimetrale e ispezioni delle auto mentre entravano attraverso i cancelli, dove i due leoni simbolo del MEK sorvegliano l’entrata.

Il campo è molto grande e in varie fasi di costruzione. Il gruppo ha operato straordinariamente bene in così poco tempo per ricreare ciò che avevano lasciato in Iraq. C’è tutto quello che ti aspetteresti in una piccola città – alloggi, servizi di ristorazione, sale riunioni, edifici amministrativi.
In un breve lasso di tempo sono stato presentato alla guida del gruppo in Albania e ci siamo seduti intorno a un tavolo in uno dei nuovi edifici per fare conoscenza. Quello che mi ha colpito inizialmente è stata l’apertura che ho incontrato. Tentativi multipli di pezzi di successo giornalistici sono culminati in un recente sorvolo di drone da parte di un gruppo giornalistico ostile del Regno Unito, probabilmente finanziato da qualcuno che non vuole che il MEK abbia successo nella sua missione.
Poiché i membri del campo sapevano che avevo promesso di mantenere una mente aperta, sono stato accolto con molta grazia. Ho fatto molte domande durante la mia visita di due giorni. A tutte le domande è stata data una risposta approfondita, talvolta con l’inserimento nella conversazione di altri membri del gruppo per fornire una risposta più dettagliata e completa. Non mi è stato impedito di vedere o chiedere nulla. Ho chiesto della vita nel campo, di coloro che avevano lasciato il movimento, persino del presunto coinvolgimento del MEK nella crisi degli ostaggi in Iran decenni prima. Tutte le domande sono state soddisfatte con risposte complete.
In effetti, mi è stato fatto fare un tour del campo. Le strutture sono molto funzionali, anche se un po’ spoglie. Dato che i bambini del MEK sono stati portati fuori dall’Iraq verso l’Europa e l’America nell’ultimo decennio, i restanti membri adulti sono per lo più anziani, anche se ne ho incontrati decine di una nuova generazione del MEK, maschi e femmine, alcuni dei quali erano nel gruppo di bambini che sono stati evacuati dall’Iraq nel 2009, solo per unirsi al MEK più tardi nella vita. Molti si sono iscritti sulle orme dei loro familiari, per mantenere viva la loro lotta contro il regime.
Con il tour ho potuto vedere le grandi cucine che sono state costruite. Ho visitato la struttura medica che ha una buona quantità di attrezzature e di personale, che cerca di fare del proprio meglio con risorse limitate. Molti pazienti erano in varie fasi del trattamento medico mentre camminavo da una stanza all’altra.
Oltre a vedere molti dei luoghi quotidiani che i membri frequentano, ho anche avuto l’opportunità di parlare e intervistare una cinquantina di membri di tutte le sfere della vita all’interno del movimento. Mi sono stati presentati alcuni dei membri più anziani e originali, così come i più giovani. Tutti avevano la loro storia unica su ciò che li ha portati a partecipare. Molti hanno riferito di violenze subite dai loro cari perpetrate dal regime. Molti avevano avuto membri della propria famiglia giustiziati. Molti avevano semplicemente abbandonato la speranza di una vita decente in Iran e si erano impegnati a portare il cambio di regime per le generazioni future.
Molti esperti hanno descritto il MEK come un culto. Lo descriverei come un gruppo di individui fanaticamente impegnati che hanno dedicato la vita a un’idea: un Iran libero. Ognuno di loro ha parlato della propria gente e di come voleva una vita migliore per la popolazione iraniana. Ciò era particolarmente diffuso tra i giovani uomini e donne che ho incontrato, molti che avevano cicatrici e ferite dalla violenza ad Ashraf, o persino all’interno dell’Iran stesso. Molti avevano un profondo senso di perdita e dolore per i loro rapporti con il regime – riferendo di omicidi, aggressioni, inganni, torture. Il loro principio fondamentale era quello di impedire alle future generazioni dell’Iran di dover affrontare le stesse orribili esperienze.
L’ideale della libertà è potente e permeato in tutto Ashraf 3. È nella mente di tutti in massimo grado. È qualcosa di più grande di loro. La maggior parte delle persone che ho incontrato erano intellettuali di successo nelle loro vite precedenti. Avrebbero potuto vivere ovunque in Occidente, ma hanno scelto, con sacrificio personale, di unirsi a questo movimento. I membri più giovani non conoscono altro che il regime e sono ansiosi di distruggerlo. Ho visto un notevole livello di concentrazione e determinazione. Tutti i membri del gruppo avevano un lavoro da fare ed erano singolarmente concentrati sul suo completamento.
Ogni persona con cui ho parlato sapeva esattamente perché e per cosa lottava e perché aveva abbandonato tanto della propria vita per combattere il regime.
L’Albania non ha nulla da temere da questo gruppo. Non ho visto alcuna arma o addestramento militare. Essi vogliono diventare buoni cittadini dell’Albania e costruire una vita nell’ex Paese comunista. In effetti, è il MEK che deve essere preoccupato per la violenza. Il regime ha dimostrato che non si fermerà davanti a nulla per distruggerli. Agenti del Ministero dell’Intelligence iraniano sono attivi in Albania. Sono loro quelli che il pubblico albanese deve temere, non le persone nel campo.
C’è stata molta disinformazione propagandata intenzionalmente sull’OMPI / MEK. Spero di affrontarne la maggior parte scrivendo per esperienza personale dalle mie interazioni con la resistenza iraniana. Questo è il primo di molti rapporti sull’argomento.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,370FollowersFollow