sabato, Dicembre 3, 2022
HomeNotizieIran NewsIran: 70 esecuzioni in 20 giorni

Iran: 70 esecuzioni in 20 giorni

Esecuzioni in crescita per impedire l’esplosione della rabbia popolare

Con una esecuzione di gruppo venerdì sera 9 Maggio il disumano regime iraniano ha impiccato 11 prigionieri, tra i quali vi era anche una donna, nella prigione di Ghezel Hessar. Nella stessa mattinata, questi detenuti si erano scontrati con i loro aguzzini che li stavano portando in isolamento  in vista della loro esecuzione. 

 

Così il numero delle esecuzioni negli ultimi 20 giorni è arrivato a 70.

L’8 Maggio, un detenuto è stato giustiziato in pubblico nella città di Saveh. Era accusato di aver ucciso un membro delle forze repressive di sicurezza.

Il 7 Maggio, tre prigionieri di Qom, un prigioniero curdo di Sanandaj e un altro prigioniero curdo di Urumiyeh, sono stati impiccati nella città di Hamadan.

Il 5 Maggio, sono stati giustiziati cinque prigionieri nella prigione centrale di Kerman e un altro nella prigione di Semnan.

Il 1° Maggio, Navid Firouzian, 25 anni, è stato giustiziato nella prigione di Zahedan e, la stessa settimana, Hamid Nouhtani nella prigione di Gonbad-e Kavous. Altri 34 prigionieri sono stati giustiziati dal 21 Aprile al 1° Maggio. (Comunicato del Consiglio Nazionale della Resistenza – 2 Maggio)

Il 20 Aprile, altri 11 detenuti sono stati giustiziati nella prigione di Ghezel Hessar a Karaj.

Il numero crescente delle esecuzioni in varie città della nazione, dimostrano il terrore del regime dei mullah di una protesta del popolo iraniano sottoposto ad enormi pressioni. Il presidente dei mullah, Hassan Rouhani, ha chiaramente espresso preoccupazione per “la bassa soglia di tolleranza del popolo”. (Agenzia di stampa FARS – 6 Maggio). Inoltre, i media di stato hanno messo in guardia contro “una sopportazione arrivata al colmo”. Il quotidiano “Ebtekar”, legato ai finti riformisti, il 10 Maggio ha scritto: “Tutti parlano della bassa soglia di tolleranza della società e avvertono dei pericoli di un tale stato…. ciò che accade quotidianamente attorno a noi ci conferma questo pericolo…. qualunque mossa sbagliata in queste circostanze avrebbe lo stesso effetto di una scintilla in una polveriera”.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

11 Maggio 2014

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,410FollowersFollow