mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIntervento dell'Ambasciatore Giulio Terzi al grande meeting del consiglio Nazionale della resistenza...

Intervento dell’Ambasciatore Giulio Terzi al grande meeting del consiglio Nazionale della resistenza iraniana

Signora Presidente, cari amici la partecipazione entusiasta di questa grande riunione di centinaia di associazioni iraniane provenienti da tutto il mondo, l’impegno dimostrato da migliaia di personalità politiche di spicco, il forte sostegno di tanti attivisti per i diritti umani, delle donne e le organizzazioni degli studenti, dimostrano la profondità e l’intensità di una lotta in cui tutti qui credono:

una lotta per la vera democrazia, contro la dittatura e l’oppressione; una lotta per l’umanità e la dignità, contro l’assolutismo e il disprezzo del proprio cittadino di Stato; una lotta per il pluralismo politico, diritti di minoranze e libertà religiosa, contro l’esclusione arbitraria, contro la discriminazione etnica e religiosa. 

La visione di un futuro Iran senza armi nucleari, basato sullo Stato di diritto, su giustizia e pluralismo, è la visione mirabilmente sancita nella Carta “Ten Point” lanciata lo scorso anno dal presidente Rajavi. Questa visione è da lodare e dovrebbe ottenere il sostegno incondizionato da tutta la comunità internazionale, e dobbiamo tutti lavorare in questa direzione. La continua, sistematica violazione dei diritti fondamentali in Iran, è fonte di grande preoccupazione, e non solo per il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. Lo scorso aprile il Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione che invita tutti i membri UE a dare rilevanza al tema dei diritti umani in ogni relazione intrattenuta con l’Iran. I negoziati sul programma nucleare iraniano non dovrebbero distogliere la nostra priorità dalla necessità di ripristinare la libertà e la democrazia. E’ stato infatti saggiamente proposto che le sanzioni esistenti debbano essere revocate solo quando anche il rispetto di trattati e obblighi internazionali in materia di diritti umani e libertà fondamentali siano pienamente attuati. Ulteriori violazioni dei diritti umani non possono essere condonate, in nessun modo. 

E’ estremamente preoccupante che – ormai al termine del proprio primo anno di presidenza – nulla nella condotta del Presidente Rouhani lasci intendere alcuna speranza di effettiva moderazione. Secondo l’ultimo rapporto del Segretario Generale delle Nazioni Unite al Consiglio dei Diritti Umani, presentato a marzo, le promesse fatte dalla nuova leadership sono state drammaticamente disattese. Oltre 700 detenuti sono stati giustiziati successivamente alle elezioni di Rouhani. La scioccante morte di Gholamreza Khosravi Savadjani, impiccato dal regime teocratico il 1 ° giugno, dopo dodici anni di torture ininterrotte, è un crimine orribile. Dobbiamo chiamarlo come tale: un “crimine orribile”, e come tale ogni esecuzione capitale per motivi politici dovrebbe essere considerata da governi, come quelli europei, che pongono i diritti umani al centro delle proprie relazioni con l’estero. 

Viva è la memoria e l’esempio di coloro che hanno dato la loro vita per la libertà, di coloro che hanno sofferto in carcere, di coloro che sono stati reclusi sotto costrizione e tortura; il loro esempio rafforza la nostra determinazione a raggiungere gli ideali di libertà, umanità e pace. Nella sua relazione al Consiglio dei Diritti Umani, il Segretario Generale Ban Ki Moon ha sottolineato la propria preoccupazione per le continue impressionanti violazioni iraniane a norme internazionali: amputazioni, frustate, detenzioni arbitrarie, processi iniqui, intimidazioni ai danni di attivisti politici, giornalisti e sindacalisti. 

La “Carta dei diritti”, presentata al pubblico “è lacunosa – nelle parole del Segretario Generale – rispetto agli standard internazionali sui diritti umani, e non risulta sufficiente nel rispondere alle preoccupazioni sollevate con insistenza dalle Nazioni Unite”. Il Rapporteur speciale delle Nazioni Unite è stato lasciato in attesa fuori dalle porte iraniane per più di 3 anni, senza nemmeno ottenere una risposta alle numerose richieste di approvazione di una visita in Iran. Dal 2005 nessun esperto è stato invitato a visitare il Paese per discutere le sparizioni, esecuzioni extragiudiziali, sommarie o arbitrarie, la libertà di religione o credo, le discriminazioni contro le donne ei membri di alcune minoranze. 

La libertà di religione e di credo deve essere indicata come un aspetto particolarmente preoccupante, nella più ampia situazione dei diritti umani in Iran. Severe restrizioni alla libertà di religione, attacchi contro membri di gruppi religiosi, incriminazioni politicamente motivate per reati “contro Dio”, sono alcuni dei tanti strumenti che il regime teocratico sempre più frequentemente usa per scoraggiare gli avversari, terrorizzare comuni cittadini, consolidando il proprio potere. La fede in Dio non può mai giustificare violenza o crimini commessi sotto la bandiera di una religione. Come ha recentemente ricordato un importante leader islamico: “La cura per una democrazia fallita è più democrazia. A dittatura ammantata di spirito religioso nella religione è il peggior tipo di dittatura. Gli islamici ora devono sviluppare un’idea di partnership nazionale con le altre forze”. Ciò che è successo e ancora sta in accadendo in Iran, Iraq e Siria è esattamente l’opposto. 

E ‘in questo contesto che la comunità internazionale è ancora incapace di trovare una soluzione per i rifugiati iraniani nel campo di Ashraf e a Camp Liberty, 11 anni dopo essere stati dichiarati “persone protette” da Nazioni Unite e USA. Un numero senza precedenti di esecuzioni e massacri, il più tragico lo scorso settembre, si sono verificati con la complicità evidente delle Autorità di controllo irachene; sette membri del PMOI, rapiti, mancano ancora all’appello. L’Iran ha chiesto l’estradizione di tutti i residenti di Camp Liberty, e il generale Jamil Shemmeri si distingue in attività di disinformazione e nell’ingannare ogni indagine indipendente. Gli sviluppi in Iraq hanno drammaticamente colpito l’intera regione, rendendo la necessità di proteggere e salvare i residenti di Camp Liberty ancora più evidente ed urgente che mai. Le Nazioni Unite, gli Stati Uniti e l’Unione Europea sono investiti della responsabilità legale e morale: 

1) Di completare il trasferimento di tutti coloro che hanno bisogno di assistenza medica, e ad accettare come rifugiati il maggior numero possibile dei residenti nei campi; 

2) Di stabilire una presenza permanente delle Nazioni Unite a Camp Liberty, e attivare tutte le misure di sicurezza necessarie; 

3) Di avviare un’inchiesta – da parte dell’ONU – sui massacri e i crimini commessi negli ultimi anni. 

E ‘molto deludente che la questione PMOI sembri essere ignorata in tutti i colloqui e negoziati che si stanno svolgendo in questi giorni per quanto riguarda la gestione del problema degli attacchi dell’ ISIS contro il Governo iracheno. Se i paesi occidentali sono davvero intenzionati ad aiutare il primo ministro al Maliki contro l’ISIS e gli altri ribelli sunniti, dovrebbero verificarne l’effettivo ordine di priorità: una seria predisposizione a risolvere la questione del PMOI dovrebbe essere il primo “test di credibilità”. Se il Primo Ministro Maliki è realmente impegnato nel costruire una società inclusiva, un Iraq democratico e rispettoso dei diritti umani, delle minoranze religiose e politiche, allora deve dimostrare la propria autonomia dall’influenza iraniana e dalle direttive di Teheran che a quanto pare sta ad oggi seguendo. Sappiamo tutti quanto ciò sia improbabile. Al Maliki non ha mai dedicato molte energie alla riconciliazione politica durante l’insurrezione militare del 2007. E non spende molte energie ora, per risolvere questioni fondamentali con i leader sunniti e curdi. 

Il Presidente degli Stati Uniti ha chiarito che gli Stati Uniti non avrebbe fornito appoggio militare a meno che Mr.Maliki non dimostri un drastico cambiamento di posizione, nell’impegnarsi a ricondurre sunniti e curdi in uno scenario di unità nazionale. E richiede inoltre una rinnovata dimostrazione di indipendenza dall’Iran, la cui politica espansionistica e interferenza militare, sia in Siria che in Iraq stanno ormai creando i presupposti di una guerra settaria generalizzata. I valori straordinari e l’enorme energia di questa riunione mostrano che le dure sfide che stiamo affrontando in Iraq e Iran possono essere soddisfatte con successo da parte del Consiglio nazionale della resistenza iraniana.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow