sabato, Dicembre 10, 2022
HomeNotizieIran Newsil Passdaran iraniano che ordina i massacri di Aleppo da Fort Behuth, a...

il Passdaran iraniano che ordina i massacri di Aleppo da Fort Behuth, a sud-est della città

la presenza dell’IRGC, il traffico di armi con la Siria, sono palesi violazioni delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’ONU

Il principale centro di comando delle Guardie Rivoluzionarie (IRGC) si trova nella caserma di Fort Behuth, situata 30 kilometri a sud-est della città (5 km a sud della città di al-Safire). L’Iran ha ribattezzato questo sito Fort Hazrat Roqiye e si trova sotto il comando del brigadiere generale Seyed Javad Ghafari, che comanda anche tutte le truppe dell’IRGC ad Aleppo.

Ghafari, reduce della guerra Iran-Iraq degli anni ’80, negli ultimi tre anni ha comandato la campagna militare di Aleppo e il fronte settentrionale in Siria. Recentemente è stato nominato comandante sul campo di tutte le truppe dell’IRGC in Siria. Qualche mese fa si è unito al comandante della forza Quds dell’IRGC, Qassem Suleimani, in un incontro con Bashar Assad, nel corso del quale il dittatore siriano ha elogiato Ghafari. Inoltre si è unito a Suleimani per l’incontro con il leader degli Hezbollah libanesi Hassan Nassrollah.

Ci sono due centri di comando all’interno di questa base. Uno è legato alla struttura di comando dell’IRGC, mentre il secondo ospita gli alti comandanti di Hezbollah insieme a quelli dell’IRGC. Qui è dove vengono progettate le operazioni militari. In questa base sono presenti anche molti ufficiali dell’esercito siriano, impegnati a coordinare le loro operazioni con quelle dell’IRGC. Questa base è uno dei centri permanenti dei cosiddetti battaglioni Saberin (commando) dell’IRGC. Queste truppe sono dotate di veicoli blindati per trasporto personale e di mini-missili Katiusha da 107 mm.

Ciscun gruppo legato all’IRGC ha la sua sezione specifica nella base. Il comandante dei 

Fatemiyoun (mercenari afghani dell’IRGC) a Fort Behuth è il brigadiere comandante Amirpour. Queste truppe sono dislocate a 500 metri dall’IRGC.

Fort Behuth, situato nei pressi del lago salato di Jabul, in passato veniva considerato uno dei più importanti centri  di produzione di armi chimiche, munizioni e missili per le armi di distruzione di massa del regime di Assad. Situato nei pressi di una miniera di sale, questa base agevola la fornitura delle materie prime necessarie alla produzione di armi chimiche. L’esercito di Assad ha denominato questo sito 350.

Fort Behuth e i centri collegati situati a sud di al-Safire, includono un sito per la produzione di missili dell’IRGC.

“La Siria è arrivata ad un punto tale che negli ultimi anni l’Iran ha lanciato delle unità di produzione di missili ad Aleppo”, ha detto il 10 Novembre il generale Mohammad Bagheri, capo di stato maggiore congiunto delle forze armate iraniane.

L’ex-comandante dell’IRGC Rahim Safavi, attuale consigliere militare del leader del regime iraniano Ali Khamenei, ha detto in un’intervista del 22 Settembre rilasciata alla TV di stato iraniana, che il peso principale in questa guerra ricade sulle spalle delle forze di terra, formate dall’IRGC, dai soldati di fanteria della forza terroristica Quds, provenienti da diversi paesi, e dall’esercito siriano. L’IRGC e i suoi mercenari stanno coordinando i terribili bambardamenti di Aleppo, ha ammesso.

Come la Resistenza Iraniana ha annunciato più volte, il regime dei mullah e l’IRGC sono i principali elementi responsabili dei massacri del popolo siriano e del prolungarsi di questa crisi. Saccheggiando il denaro che appartiene al popolo iraniano per gettarlo nella guerra siriana, il regime iraniano ha portato tutta la regione alla devastazione. La scorsa settimana la Resistenza Iraniana ha reso pubblici i nomi di 39 brigadieri generali e di 30 colonnelli dell’IRGC uccisi nella guerra in Siria.

L’invio di di forze armate del regime iraniano e di armi in Siria rappresentano una palese violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e dei patti internazionali. Il primo passo necessario per risolvere questa crisi è la completa cacciata del regime dei mullah, dell’IRGC e dei gruppi loro affiliati dalla Siria. Altrimenti la pace non ritornerà mai nella regione, né il Daesh (ISIS/ISIL) verrà mai sradicato.

 Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

Commissione Sicurezza e Anti-Terrorismo

5 Dicembre 2016

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,489FollowersFollow