mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieIran NewsIl Consiglio d’Europa preoccupato per i rifugiati di Campo Ashraf in Iraq

Il Consiglio d’Europa preoccupato per i rifugiati di Campo Ashraf in Iraq

STRASBURGO, 26 Gennaio (Reuters) – Il Comitato per gli Affari Politici dell’Assemblea Parlamentare del  Consiglio d’Europa, ha denunciato Mercoledi le condizioni detentive che il governo iracheno intende imporre ai dissidenti iraniani rifugiati nel suo territorio.
Camp Liberty, una ex-base militare americana vicina all’aeroporto di Baghdad, che ospiterà alcuni dei 3000 rifugiati iraniani di Campo Ashraf, sta per essere trasformato in una prigione, hanno detto in una dichiarazione adottata a Strasburgo. Il territorio originariamente destinato ai residenti “è stato ridotto di 80 volte” e circondato da muri di cemento armato, secondo il testo della dichiarazione.
“La polizia irachena sarà costantemente presente all’interno del campo e la libertà di movimento sarà proibita,” dice la dichiarazione.
Il Comitato per gli Affari Politici ha chiesto al governo iracheno di rispettare gli standard internazionali per i rifugiati e “si rivolge all’Alto Commissario per i Rifugiati delle Nazioni Unite affinché difenda i loro diritti.”
Campo Ashraf, che il governo iracheno sta cercando di evacuare, ospita da 25 anni più di 3000 oppositori appartenenti al Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (OMPI-PMOI), il quale è considerato dagli Stati Uniti e dall’Iran un gruppo terroristico.
La situazione di questi rifugiati, riconosciuti come tali dalle Nazioni Unite, è divenuta critica dal 2009 quando l’esercito degli Stati Uniti ha trasferito il controllo del campo alle autorità di Baghdad. Il PMOI teme che saranno loro a pagare il prezzo per il riavvicinamento a Tehran.
Diverse centinaia di questi rifugiati dovrebbero essere accolti in Occidente per la fine dell’anno.
(Gilbert Reilhac, a cura di Yves Clarisse)
(Tradotto dal French Reuters News)

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow