domenica, Dicembre 4, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIl congresso degli Stati Uniti sollecita la Clinton a procedere al...

Il congresso degli Stati Uniti sollecita la Clinton a procedere al depennamento della PMOI

Congress-PMOICNRI, 19 novembre –  In un briefing presso la Camera dei Rappresentanti americani, è stato annunciato che in un’ iniziativa bipartisan, articolato in H. Res 1431, 110 parlamentari avevano sollecitato l’amministrazione Obama a rimuovere il principale gruppo di opposizione iraniano, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI / MEK) dalla lista di organizzazioni terroristiche straniere.

Alti parlamentari cui Bob Filner (D-CA), il giudice Ted Poe (R-TX), Brad Sherman (D-CA), Dana Rohrabacher (R-CA), Joe Wilson (R-SC), Trent Franks (R-AZ ), Tom McClintock (R-CA), Mario Diaz-Balart (R-FL), e Sheila Jackson Lee (D-TX) hanno parlato al briefing. Hanno annunciato che in una lettera inviata al Segretario di Stato Hillary Rodham Clinton, oggi, i parlamentari hanno portato H.Res.1431 all’attenzione del Segretario invitandola a mettere la politica degli Stati Uniti sulla strada giusta da depennamento del gruppo.

La risoluzione bi-partisan chiede di porre fine alle violenze, agli arresti, alle torture e ai maltrattamenti di cittadini iraniani, nonché il rilascio incondizionato di tutti i prigionieri politici in Iran. Inoltre, la risoluzione:

• invita il governo degli Stati Uniti a condannare le violazioni dei diritti umani in Iran e a sostenere gli sforzi del popolo iraniano verso la democrazia;
• sollecita la rimozione dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano dalla lista del Dipartimento di Stato dalle organizzazioni terroristiche straniere;
• richiede l’imposizione di sanzioni e la costruzione di un consenso internazionale per affrontare il programma nucleare iraniano, e

– invita il Presidente Obama per convincere gli alleati degli Stati Uniti e di altri paesi ad adottare misure appropriate contro le banche iraniane e le istituzioni finanziarie coinvolte in attività nucleari e il sostegno dei gruppi terroristici.

In un discorso via satellite dal suo quartier generale nei pressi di Parigi, la signora Maryam Rajavi, Presidente eletto del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI), ha parlato alla manifestazione. Il CNRI è la coalizione democratica delle forze di opposizione iraniana, che comprende la PMOI.

Nel suo intervento, la signora Rajavi ha sottolineato che “la soluzione per la crisi iraniana è un cambiamento di regime da parte del popolo iraniano e della sua Resistenza. Qualsiasi politica che non tenga conto di questo fattore decisivo è destinata a fallire. La forza propulsiva per il cambiamento è la Resistenza Iraniana e la sua forza cardine della PMOI. Questo è il motivo percui demonizzare l’opposizione e spazzare via i suoi membri a Campo Ashraf è il primo obiettivo del regime e delle sue lobby. Ecco perché la richiesta principale del regime iraniano è mantenere il PMOI (MEK) nella lista del terrorismo del Dipartimento di Stato e di usarlo come giustificazione per le esecuzioni in Iran. La politica degli Stati Uniti finora ha agito come uno dei principali ostacoli al cambiamento in Iran. “

Brad Sherman (D-CA), presidente della Sotto-commissione per il Terrorismo e la Non – Proliferazione della Commissione della Camera per gli Affari Esteri, ha detto che “il MEK ha fatto di più per la non proliferazione che qualsiasi movimento che prende sovvenzioni dal Governo degli Stati Uniti”.
 
Il giudice Ted Poe (R-TX), membro della Commissione della Camera per gli Affari Esteri, ha dichiarato: “Il PMOI  deve essere tolto immediatamente dalla lista terrore, è atteso da tempo.”

Bob Filner (D-CA), Co-Presidente dell’Iran Human Rights del Congresso e del Democracy Caucus in qualità di sponsor principale della H.Res.1431 ha detto che nonostante la promessa di proteggere i residenti, il governo iracheno continua a violare i diritti umani dei membri della PMOI a Campo Ashraf.

Tom McClintock (R-CA) ha aggiunto: “Il MEK è una delle grandi agenzie della libertà che esiste nel mondo di oggi”.

Dana Rohrabacher (R-CA), membro anziano del Comitato della Camera per gli Affari Esteri e esponente della Sotto-commissione per i Diritti dell’Uomo e delle Organizzazioni Internazionali, ha dichiarato: “Ci sono milioni di persone in Iran che stanno aspettando il segnale, e l’ultima cosa che dobbiamo fare è mettere coloro che combattono il governo nella lista dei terroristi “.

Ci sono 12 presidenti di commissione e dei membri superiori tra i 110 co-sponsor della risoluzione.
In una sentenza unanime il 16 luglio 2010, la Corte d’Appello-DC Circuit, ha espresso insoddisfazione per la testimonianza del Dipartimento. Il giudice ha inoltre concluso che la decisione del Segretario Rice mantenere l’etichetta ha violato il diritto della PMOI al giusto processo e ha ordinato al Segretario di rivedere la decisione.

Il più alto tribunale in Europa ha annullato l’etichetta del PMOI, spingendo il Regno Unito e l’Unione Europea a rimuovere l’organizzazione dalle loro liste di controllo rispettivamente del 2008 e del 2009.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,416FollowersFollow