mercoledì, Febbraio 1, 2023
HomeNotizieIran NewsI Senatori degli Stati Uniti minacciano tagli agli aiuti all’Iraq sugli attacchi...

I Senatori degli Stati Uniti minacciano tagli agli aiuti all’Iraq sugli attacchi contro gli iraniani di Campo Ashraf

Di James Morrison

Fonte: Washington Times, Embassy Row

Due senatori, giovedì, hanno avvertito l’Iraq che si potrebbe affrontare un forte taglio degli aiuti se continua a fallire di proteggere i disarmati dissidenti iraniani dopo un mortale attacco in un campo di rifugiati a nord di Baghdad lo scorso mese.

Il Senatore Robert Menendez, Democratico del New Jersey e Presidente della Commissione del Senato sulle Relazioni Estere, e il Senatore John McCain, Repubblicano dell’Arizona, ha detto ad un alto funzionario del Dipartimento di Stato d’informare il governo iracheno che il Congresso sta diventando impaziente per il suo fallimento nel tenere al sicuro dagli assalti i dissidenti del Mujahedin-e-Khalq.

Il signor McCain ha osservato che gli Stati Uniti hanno protetto gli Iraniani, l’ex ala armata del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana con base a Parigi, dopo aver consegnato le loro armi alle truppe degli Stati Uniti nel 2003. Sei anni dopo, l’Iraq ha assunto l’amministrazione dei 3500 dissidenti situati a quel tempo a Campo Ashraf, a nord di Baghdad.

“Noi, sfortunatamente, non abbiamo mantenuto la nostra parola. Spero che questa questione verrà sollevata con il governo iracheno, e noi nel Congresso potremmo dover cercare il tipo di aiuto e come lo stiamo estendendo all’Iraq se questo tipo di cose sarà la continenza da parte del governo Iracheno,” ha detto il signor McCain.

Il signor Menendez ha aggiunto che il suo impegno è sfortunatamente quello di approvare ogni futura vendita di armi all’Iraq se i dissidenti soffriranno ulteriori attacchi.

Wendy Sherman, sottosegretario di stato per gli affari politici, ha riferito alla Commissione che il Dipartimento di Stato condivide “la vostra profonda preoccupazione” sull’attacco dell’1 Settembre che ha provocato 52 morti.

Sette dissidenti rimangono scomparsi, e i funzionari della resistenza hanno detto che sono tenuti dalle autorità irachene. La resistenza ha ritenuto responsabili dell’attacco le forze di sicurezza irachene che agiscono per conto dell’Iran.

Il signor Sherman ha osservato che il governo iracheno ha fornito 50000 sacchi di sabbia e barriere fisiche per proteggere i dissidenti, ora trasferiti a Campo Liberty a Baghdad.

Ma il signor Mendez ha detto bruscamente: “Non mi interessa quante tonnellate di sacchi di sabbia, ma quando elementi delle forze irachene in realtà possono benissimo essere complici di ciò che è avvenuto, i sacchi di sabbia non si prenderanno cura del problema.”

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow