giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaI membri del congresso degli Stati Uniti appoggiano le proteste iraniane

I membri del congresso degli Stati Uniti appoggiano le proteste iraniane

Durante un evento al Congresso, una coalizione bipartisan si è unita agli irano-americani, per esprimere il suo supporto ai dimostranti iraniani, e sottolineare il ruolo pernicioso del regime iraniano nel mondo. All’evento, programmato per coincidere con l’anniversario delle proteste anti-regime di Dicembre 2017, i membri del congresso hanno annunciato un’iniziativa bipartisan per supportare i manifestanti ed il loro sogno di un Iran libero.

Tom McClintock (repubblicano, rappresentante della California) ha dichiarato: “Mano a mano che il percorso dei mullah si fa più estremo, la resistenza internazionale nei loro confronti diventa più risoluta. Lo abbiamo visto nella liberazione dei Mojahedin, combattenti per la libertà imprigionati in Iraq. Lo abbiamo anche visto con 105 dei miei colleghi, che hanno appoggiato la mia proposta di legge, la Risoluzione della Camera 1034, in cui abbiamo dichiarato il nostro convinto sostegno al desiderio del popolo iraniano di una repubblica democratica, secolare e non nucleare.”

Judy Chu (democratica, rappresentante della California) ha dichiarato di essere “orgogliosa” di copatrocinare la risoluzione che condanna il terrorismo sponsorizzato dallo stato, e che esprime supporto al popolo iraniano, in lotta per un “futuro libero, democratico e secolare”.
I rappresentanti hanno tenuto a sottolineare che le elezioni di metà mandato, ed il significativo spostamento di potere, non fermeranno gli Stati Uniti dal lottare per per il popolo iraniano. Sheila Jackson-Lee (democratica, rappresentante del Texas) ha dichiarato: “Il ricambio del Congresso non ci fermerà dal lottare per la vittoria, una nuova maggioranza è al potere [alla Camera]: vi prego di sapere che la democrazia non sarà lontana né dai nostri cuori, né dalle nostre menti, né dalle nostre labbra.” Steve Cohen (democratico, rappresentante del Tennessee), copresidente del Gruppo Parlamentare per i Diritti Umani e la Democrazia in Iran, ha comunicato che continuerà a condannare il regime iraniano per le violazioni dei diritti umani ed il sostegno al terrorismo.

Il repubblicano Mike Coffman (rappresentante del Colorado) ha affermato: “È molto importante che gli Stati Uniti non distolgano l’attenzione [dal regime iraniano].”
Oltre al disegno di legge, molti dei membri del congresso hanno impiegato il tempo a loro disposizione per parlare del terrore del regime iraniano di fronte alle proteste, che potrebbero presto estrometterlo dal potere.
Soona Samsami, rappresentante del Parlamento iraniano in esilio, il Consiglio Nazionale della Resistenza (CNRI), negli Stati Uniti, ha sottolineato la natura organizzata delle proteste, resa possibile dalla Resistenza, che ha permesso di lottare contro il regime con maggiore forza.
Ted Poe (repubblicano, rappresentante del Texas), rivolgendosi agli irano-americani tra il pubblico, si è congratulato con loro per fare la differenza per il popolo iraniano e “tenere i mullah svegli di notte”.

Nel frattempo, il probabile futuro presidente del Commissione della Camera per gli Affari Esteri Eliot Engel (democratico, rappresentante dello stato di New York), ha dichiarato la sua solidarietà al popolo iraniano, ed ha chiesto al regime perché abbia paura di lasciare decidere al popolo iraniano il proprio destino. Allo stesso tempo si è anche celebrato il ruolo della Resistenza Iraniana in tutto questo, con i complimenti di Brad Sherman al leader dell’opposizione iraniana, Maryam Rajavi, per il suo sostegno ai diritti delle donne e delle minoranze.
Dana Rohrabacher (repubblicana, rappresentante della California) ha detto alle Resistenza: “L’amore per la libertà brucia nei vostri cuori fin dai tempi di Camp Ashraf, quando persone innocenti, persone disarmate, venivano massacrate dal regime dei mullah…Ed oggi, tutte le persone amanti della libertà appoggiano coloro che sono ora nelle strade in Iran, a chiedere che i mullah se ne vadano.”

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,407FollowersFollow