domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieIran NewsGli U.S.A. segnalano all'Iraq che Maliki se ne deve andare

Gli U.S.A. segnalano all’Iraq che Maliki se ne deve andare

L’Amministrazione Obama sta indicando che vuole un nuovo governo in Iraq senza il Primo Ministro  Nouri al-Maliki, convinto che il leader sciita non sia in grado di riconciliarsi con la minoranza sunnita della nazione e di stabilizzare un panorama politico così esplosivo, riferisce il  Wall Street Journal.

 

L’Amministrazione U.S.A. indica di volere che i partiti politici iracheni formino un nuovo governo senza Maliki, mentre cerca di mettere insieme una coalizione di governo dopo le elezioni dello scorso Aprile, ha detto un funzionario U.S.A.

Questo nuovo governo, ha detto il funzionario americano, dovrà comprendere le comunità sunnita e curda del paese e potrà contribuire ad arginare il supporto sunnita per le propaggini di al-Qaeda, dello Stato Islamico dell’Iraq e al-Sham, o ISIS, che hanno presto il controllo delle città irachene nelle ultime due settimane. Questo, suggerisce, contribuirà ad unificare il paese e ad impedirgli di scivolare verso divisioni settarie.

Un numero sempre crescente di parlamentari statunitensi e di alleati arabi, in particolare l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, stanno facendo pressioni sulla Casa Bianca perché tolga il suo appoggio a Maliki. Alcuni di loro stanno spingendo per un cambiamento in cambio del loro aiuto a stabilizzare la situazione in Iraq, dicono diplomatici arabi e statunitensi.

La presidente del Comitato Senatoriale per l’Intelligence, Sen. Dianne Feinstein (D. Calif.) ha detto all’udienza del Congresso mercoledì: “Il governo di Maliki, francamente, se ne deve andare se si vuole una qualunque riconciliazione”.

Illusti esponenti dell’amministrazione sono divenuti sempre più critici nei confronti di Maliki nelle loro dichiarazioni pubbliche e si chiedono se sia pronto a riallacciare i rapporti con i sunniti.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,375FollowersFollow