sabato, Aprile 13, 2024
HomeNotizieIran NewsCresce la vergogna per gli enormi brogli dopo le elezioni-farsa in Iran 

Cresce la vergogna per gli enormi brogli dopo le elezioni-farsa in Iran 

Dopo che il ministro degli interni iraniano ha affermato che 41 milioni di aventi diritto al voto si sono recati ai seggi venerdì scorso per le elezioni presidenziali, il presidente Hassan Rouhani nella sua conferenza stampa del 22 Maggio, ha fatto un passo avanti affermando che 45 milioni di persone si sono recate a votare. Da quel momento, vari casi di frode, brogli elettorali e misure imbarazzanti per far vedere come se i seggi fossero molto affollati, hanno causato persino più imbarazzo di questo imbroglio.

In un video si vede uno studente universitario fuori da un seggio che dice: “Sono entrato 10 volte. Non ci hanno dato neanche una stanza… Hanno riempito 20-30 autobus e hanno portato tutta la gente qui… e li hanno portati dentro. Io personalmente non voglio votare. Sono venuto solo per la mia università. Hanno detto che il nostro documento di identità deve essere timbrato per poterci laureare. Ecco! Io non voglio votare per nessuno. Anche tutti i miei amici sono qui (per casi simili)”.

Tutti I giovani presenti al seggio hanno risposto: “Tutti noi qui vogliamo solo il timbro sui documenti di identità”, (https://www.youtube.com/watch?v=aQ2Vmbhatpg).

In un altro video ripreso a Shar Ghanj, un villaggio nei pressi della città di Birjand, Iran nord-orientale, si vedono molti abitanti che dicono alle autorità che hanno stampato 399 voti nel villaggio, su una popolazione di 30 persone, vale a dire 13,5 volte di più della popolazione del villaggio.

“Siamo andati al governatorato e abbiamo detto che hanno portato 399 persone da altri posti, cioè che questa è una frode. Ma ci hanno detto che non sono affari nostri”, uno degli abitanti ha detto: “Hanno presentato numeri contraffatti sul nostro villaggio. Se chiedete a chiunque, vi dirà che in questo villaggio vivono sette famiglie. Allora come possono aver votato 400 persone, se ci sono solo sette famiglie?”, ha chiesto un altro abitante.(link: https://www.youtube.com/watch?v=ylDqqUTCUqI)

La portata di questi brogli elettorali e dell’acquisto dei voti della gente, è arrivata ad un punto tale che il ministro degli interni del regime ha detto, con il massimo della sfrontatezza, che distribuire pranzi e cene alle elezioni è piuttosto tipico.

“Quando qualcuno fa un discorso, invita un certo numero di persone. Allora 100 persone vanno nella loro sede elettorale per cena. Questo significa che hanno venduto i loro voti? Tutti sanno che l’ospitalità li obbliga ad offrire la cena a quelle persone”, ha detto Rahmani Fazli.

Il baccano fatto dal regime iraniano nell’affermare che un grosso numero di iraniani all’estero ha preso parte a queste elezioni-farsa, è un altra misura ingannevole del regime che non è riuscito a far passare. Nonostante tutte le frodi e i brogli elettorali, solo il 6,5% degli aventi diritto al voto si è presentato, secondo le statistiche fornite dal ministero degli interni. Naturalmente il vero numero è persino più basso.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana 

24 Maggio 2017

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow