sabato, Novembre 26, 2022
HomeNotizieArticlesLe proteste in corso in Iran e la chirurgia economica di Raisi

Le proteste in corso in Iran e la chirurgia economica di Raisi

Il presidente del regime iraniano Ebrahim Raisi circondato dai suoi seguaci a Kermanshah

Le proteste in diverse città iraniane sono entrate martedì nel loro settimo giorno. Con slogan anti-regime, queste manifestazioni sono la più ampia dimostrazione di una società instabile. Ma quali sono le origini di queste proteste?
Dal 2017 l’Iran ha vissuto diverse proteste e almeno otto rivolte su larga scala. Quando è scoppiata la rivolta del novembre 2019, con oltre 1500 vittime, sia il regime che la popolazione sapevano che la situazione non sarebbe stata più la stessa.
Sebbene considerare le attuali proteste come il risultato della crisi economica dell’Iran sarebbe campanilistico, ignorare questi elementi non permette di apprezzare appieno che il Paese sta attraversando una transizione socio-economica critica.
La nuova serie di proteste è iniziata in Iran in seguito al rapido aumento dei beni di consumo, in particolare pane e pasta. Sebbene i prezzi abbiano registrato una tendenza all’aumento negli ultimi anni, sono saliti alle stelle subito dopo che il governo di Ebrahim Raisi ha rimosso il tasso di cambio preferenziale.
Il tasso di cambio preferenziale era il tasso di cambio ufficiale del Paese, pari a 42.000 rial per un dollaro dal 2018, da utilizzare apparentemente per importare materiali essenziali come grano e medicine. Ma gli insider del regime che hanno ricevuto la valuta hanno importato beni a un prezzo più basso, ma li hanno venduti al triplo sul mercato. I prezzi non diminuirono in modo significativo e, poiché il regime non aveva abbastanza valuta, iniziò a stampare banconote.
La stampa di banconote senza supporto ha creato una liquidità molto superiore al basso tasso di produzione iraniano del 3%. Il governo di Raisi ha rimosso il tasso di cambio ufficiale dopo una lunga serie di fanfare sulla “lotta alla corruzione”.
Poiché il tasso di liquidità dell’Iran era superiore al suo tasso di produzione e di occupazione, l’inflazione è diventata dilagante, causando un aumento costante dei prezzi.
Poiché i funzionari del regime sapevano che la rimozione del tasso di cambio ufficiale avrebbe potuto certamente far aumentare i prezzi, hanno fatto molti salti mortali per attuare la loro cosiddetta “operazione economica”.
Mentre molti economisti iraniani hanno avvertito che la rimozione del tasso preferenziale avrebbe portato a uno “shock valutario” e fatto impennare i prezzi, Raisi ha affermato l’8 aprile che il suo governo “non creerà uno shock valutario rimuovendo il tasso preferenziale”.
Ma i prezzi alle stelle parlano da soli. Da quando è stato rimosso il tasso preferenziale, il grano è aumentato del 100% rispetto a tre anni fa. Il prezzo della farina è passato da 25.000 rial a quasi 170.000 rial al chilo e il costo delle medicine è decuplicato.
“I sussidi occulti e palesi all’economia iraniana dovrebbero essere eliminati in linea con la produzione, gli investimenti e la crescita del reddito. La produzione è così dipendente dal mondo esterno che il tonno raddoppia di prezzo all’aumentare del tasso di cambio del dollaro”, ha scritto il 10 maggio il quotidiano statale Mostaghel.
Perché Raisi ha fatto questo?
Secondo il quotidiano statale Eghtesad-e Ayandeh del 14 maggio, il governo di Raisi guadagnerebbe circa 8 miliardi di dollari eliminando il tasso preferenziale e fissando un tasso di cambio molto più alto. La teocrazia al potere in Iran ha bisogno di ogni centesimo per alimentare la sua macchina guerrafondaia e terroristica e usarla come leva nei colloqui con le potenze mondiali.
Inoltre, il governo di Raisi guadagna miliardi di dollari mentre i prezzi dei beni di consumo continuano ad aumentare. “Raisi rimuove il tasso preferenziale semplicemente perché il suo governo vuole beneficiare di cinque quadrilioni di rial [quasi 17 miliardi di dollari] di differenza di prezzo dei beni di consumo. La pretesa di spendere soldi per la gente è un’amara presa in giro”, ha dichiarato il 10 maggio il quotidiano Mostaghel.
Secondo il quotidiano statale Jahan-e Sanat, il 14 maggio, in quattro giorni, il governo di Raisi “ha prelevato tre quadrilioni di rial dalle tasche dei cittadini”, causando un aumento dei prezzi senza precedenti.
L’improvviso aumento dei prezzi è stato seguito dalle recenti proteste. Il governo di Raisi ha promesso di dare quattro milioni di rial di sussidi agli iraniani per due mesi per calmare la società. Ma dato che i prezzi dei beni di consumo continuano a salire, questa somma di denaro non aiuterebbe in alcun modo gli iraniani a guadagnarsi da vivere.
Inoltre, anche se il regime desse quattro milioni di rial agli iraniani in termini di sussidi, l’inflazione aumenterebbe ulteriormente, lasciando gli iraniani senza nulla per acquistare i loro bisogni primari.
Raisi si rifiuta di dire che se il governo non ha abbastanza moneta, come potrebbe permettersi di pagare i sussidi se non continuando a stampare banconote, aumentando così l’inflazione?
“Secondo le ultime statistiche monetarie della Banca Centrale, il volume della liquidità, con una crescita del 39% alla fine dello scorso anno, ha raggiunto i 4,8 quadrilioni di rial. In altre parole, durante lo scorso anno sono stati creati 1,3 quadrilioni di rial di liquidità. Anche la base monetaria è cresciuta del 31,4% l’anno scorso”, ha reso noto il 10 maggio il quotidiano statale Jahan-e Sanat.
“L’aumento dei prezzi è così grande che i sussidi non saranno in grado di coprirli. La gente non ha usato questi soldi, ma vede i nuovi prezzi, che la costringono a comprare pollo, uova, olio e latticini a prezzi più alti”, ha dichiarato il quotidiano statale Jahan-e Sanat il 12 maggio.
Hossain Raghfar, uno degli economisti del regime, ha definito questo piano “un nuovo episodio di saccheggio dell’economia iraniana che il governo conduce per compensare il deficit di bilancio”.
Tuttavia, il governo di Raisi non è riuscito finora a ingannare il pubblico. Il 15 maggio, l’agenzia di stampa statale IMNA ha citato Hojjat Abdolmaleki, ministro del Lavoro di Raisi, che ha dichiarato: “Ci sono stati più di un milione di casi di proteste” in soli quattro giorni dall’attuazione del cosiddetto “piano di modifica dei sussidi”.
La “chirurgia economica” di Raisi “ucciderebbe l’economia malata dell’Iran”, secondo il deputato Moinoldin Saadi, citato dall’agenzia statale ILNA il 14 maggio.
Raisi è effettivamente privo di qualsiasi soluzione per le crisi finanziarie dell’Iran. L’unico compito del “giudice sospeso” è quello di controllare la società iraniana attraverso l’oppressione e di sperperare ulteriormente la ricchezza nazionale in progetti terroristici, missilistici e nucleari per preservare il regime moribondo. La sua recente “chirurgia economica” e la crescente oppressione lo dimostrano.
Ma le proteste in corso e in espansione lasciano una domanda: Queste manovre potrebbero salvare Raisi e la teocrazia al potere?

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,364FollowersFollow