domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieIran NewsAppello europeo-americano a sostegno della soluzione europea per Ashraf

Appello europeo-americano a sostegno della soluzione europea per Ashraf

una tutela immediata e divieto di spostamento all’interno dell’Iraq

Comunicato Stampa 25 maggio 2011
 
Politici europei e americani in una conferenza a Parlamento europeo a Bruxelles hanno avvertito della presenza di una catastrofe umanitaria più grande del massacro dell’ 8 aprile contro Ashraf. Hanno esortato l’ONU, l’UE e gli USA ad intervenire con urgenza per ottenere una soluzione a lungo termine e pacifica al problema.
 
Questo incontro è stato sponsorizzato da un gruppo di Amici di un Iran libero all’interno del Parlamento europeo (FOFI) e il Comitato Internazionale in Cerca di Giustizia (ISJ) e presieduto dal Dott. Alejo Vidal-Quadras, vicepresidente del Parlamento europeo e in presenza della signora Rajavi presidente eletta della Resistenza Iraniana. In questa sessione Andrew Card, ex capo dello Staff del Presidente George W. Bush, Lord Paddy Ashdown, ex Alto Rappresentante dell’Unione Europea per la Bosnia-Erzegovina, Wesley Clark, ex comandante della NATO e dei candidati alla presidenza degli Stati Uniti, Bill Richardson, ex Segretario all’Energia e Ambasciatore degli Stati Uniti presso l’ONU nell’amministrazione Clinton, Philip D. Zelikow, ex Consigliere del Dipartimento di Stato nell’amministrazione Bush, l’ambasciatore Dell Dailey, ex coordinatore dell’antiterrorismo, il Dipartimento di Stato sotto Condoleezza Rice, Jim Higgins membro dell’Ufficio di Presidenza del Parlamento europeo, Struan Stevenson, Presidente della Delegazione del Parlamento europeo per le Relazioni con l’Iraq, Tunne Kelam e Edit Bauer, membri del Parlamento europeo, hanno parlato alla riunione.

La signora Rajavi, durante il suo intervento nel corso della riunione ha dichiarato: “Accolgo con favore la decisione del Consiglio dei Ministri lunedì che esige cooperazione con l’ONU e gli Stati Uniti per trovare una soluzione definitiva a questa tragedia umana. Accogliamo con favore i piani previsti dalla delegazione del Parlamento europeo per le relazioni con l’Iraq, presieduta dal signor Stevenson. Nell’iniziativa del Parlamento europeo la sicurezza immediata dei residenti al fine di fornire le condizioni per giungere a una soluzione sostenibile e pacifica” ha sottolineato. Ha aggiunto:” Come residenti di Ashraf hanno  avvertito, uno spostamento forzato è preludio ad un massacro dei residenti di Ashraf; e gli Stati Uniti e Unione Europea sarebbero responsabili di tale problema”.
 
Partecipanti americani ed europei sono stati uniti nel sostegno della soluzione europea per Ashraf e hanno insistito sulla necessità di porre fine alla repressione dei suo residenti, compreso il ritiro delle forze irachene, la cancellazione dell’assedio e l’inizio dell’ indagine internazionale sul massacro dell’8 aprile. Hanno aggiunto: “Lo spostamento dei residenti di Ashraf in un altro luogo in Iraq non è né logico, né pratica legale, ed è solo il preludio di un massacro a larga scala. I partecipanti hanno chiesto al governo degli Stati Uniti, all’Unione europea ed agli Stati membri delle Nazioni Unite di adottare le misure necessarie per assicurare la protezione di Ashraf e dei suoi residenti, tra cui l’istituzione di una squadra permanente di osservazione delle Nazioni Unite sul posto, impedendo il verificarsi di un altro massacro e di qualsiasi sfollamento forzato.
 
Alejo Vidal Quadras
Presidente, International
Comitato In Cerca  di Giustizia Bruxelles

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,369FollowersFollow