martedì, Dicembre 6, 2022
HomeNotizieIran NewsAnche Rudy Giuliani a proteste contro Iran davanti Palazzo di vetro

Anche Rudy Giuliani a proteste contro Iran davanti Palazzo di vetro

 Tiscali – New York (New York, Usa), 26 set. (LaPresse) – “Hanno invitato questo assassino, questo killer, questo animale di Ahmadinejad, che rappresenta tutto ciò che è in teoria contrario all’Onu, un uomo che non vuole la libertà di religione, la libertà per le donne, la libertà degli omosessuali. Quest’uomo vuole la libertà soltanto per se stesso e per una peculiare versione dell’Islam. Avrebbero dovuto invitare, come alternativa, Maryam Rajavi. Sarebbe positivo per la gente vedere che esiste una leader di un gruppo musulmani moderni, che esprime la volontà di rispettare le altre religioni, di non avere il nucleare, di rispettare gli omosessuali e le donne. Avrebbe mostrato che le Nazioni Unite sono giuste e non di parte. E poi farlo parlare nel giorno dello Yom Kippur è una disgrazia. L’Onu dovrebbe vergognarsi di permettere ad Ahmadinejad di parlare a New York in questa giornata sacra”. Lo ha detto l’ex sindaco di New York Rudy Giuliani in un’intervista subito dopo il suo intervento alla manifestazione di protesta contro il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad, organizzata in prossimità della sede delle Nazioni Unite.
Il discorso del presente iraniano Mahmoud Ahmadinejad all’Assemblea Generale è, infatti, stato accolto da una grande manifestazione di migliaia di persone, che hanno preso parte a una marcia e si sono riunite fuori all’hotel del leader e poi fuori alle Nazioni Unte per protestare contro la legittimità della posizione di Ahmadinejad come rappresentante dell’Iran. La maggior parte dei dimostranti era di origine iraniana, ma non mancavano gli americani a favore di un cambiamento di governo in Iran. “Non si può permettere – ha aggiunto Giuliani – che questo regime in Iran rimanga. Se vogliamo un cambio di regime in Egitto, Libia e Siria e siamo seri, e se il presidente Obama è serio, allora dovrebbe volere un cambio di regime anche in Iran. La debolezza di Obama su questo punto e’ quasi provocatoria: si rifiuta di dire che se necessario userà l’azione militare, si rifiuta di dire che bisogna cambiare regime. Sembra che voglia ancora negoziare con loro e, durante la presidenza di Obama, l’Iran ha arricchito l’uranio tre volte in piu’ rispetto a quando Obama è salito al potere. Quindi il presidente sta usando questo linguaggio debole, non sta facendo niente e loro stanno diventando più forti. Questo deve cambiare”.
“Da tempo – ha proseguito Giuliani – ho detto che il presidente Obama ha gettato Israele sotto alle bombe e che tratta i palestinesi come se fossero più importanti. Sembra avere un atteggiamento reverenziale nei confronti dell’Ayatollath e di Ahmadinejad. sembra che non voglia usare un linguaggio forte contro l’Iran”, ha continuato Giuliani, aggiungendo che Ronald Reagan non avrebbe avuto problemi a minacciare un intervento armato e che il fatto che Obama non sia propenso a farlo denota debolezza. “Penso – ha concluso – che siano sempre più capaci di produrre materiale nucleare e il mio timore è che lo diano ai terroristi che loro supportano. La nostra amministrazione non si sta minimamente occupando di ciò”.
26 settembre 2012

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,458FollowersFollow