mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaAccogliere Rouhani incoraggia le fazioni più repressive del regime ad aumentare le...

Accogliere Rouhani incoraggia le fazioni più repressive del regime ad aumentare le esecuzioni e ad incrementare ulteriormente le attività guerrafondaie nella regione

Riguardo al viaggio in Italia e in Francia di Hassan Rouhani, presidente del regime teocratico, Maryam Rajavi, Presidente-eletta della Resistenza Iraniana, ha detto:

“Come mullah, Rouhani è un difensore della teocrazia al potere ed ha giurato fedeltà al velayat-e faqih (il potere assoluto del leader supremo). Rouhani è uno dei più alti esponenti del fascismo religioso al potere in Iran da 37 anni ed è coinvolto in tutte le sue atrocità. Rouhani deve essere processato per crimini contro l’umanità.

La sua presunta moderazione è una enorme bugia che mira ad attirare gli aiuti occidentali per assolvere al suo compito di salvare il regime invischiato nella crisi, che la stragrande maggioranza degli iraniani sta cercando di rovesciare. Ma egli non ha nessun interesse ed è incapace di prendere le distanze, a parole e con i fatti, dall’ondata di esecuzioni scatenata in Iran e dal massacro compiuto da Bashar al-Assad del popolo siriano. Ciò spiega perché Rouhani abbia espresso il suo esplicito ed inequivocabile appoggio alle esecuzioni e a Bashar al-Assad.

Questa realtà è comprovata dalla storia del suo mandato da presidente, che annovera circa 2200 esecuzioni (il numero più alto degli ultimi 25 anni), il totale appoggio alla dittatura di Assad e al massacro del popolo iraniano, gli attacchi missilistici contro i residenti di Camp Liberty e l’ordine ufficiale sull’espansione del programma sui missili balistici delle Guardie Rivoluzionarie (IRGC), che equivale ad una proliferazione di armi di distruzione di massa. Durante la sua presidenza, la repressione e l’esecuzione dei musulmani sunniti e dei cristiani è aumentata e, a dispetto di tutte le sue promesse, la situazione economica iraniana è peggiorata, dato che Rouhani si è impegnato a pagare le spese di guerra dell’IRGC e delle forze paramilitari del regime in Siria, Yemen e Iraq.

La sua storia dimostra la natura assurda e infondata del mito della “moderazione” nel regime teocratico.

Quando i governi europei stendono il tappeto rosso di fronte a Rouhani, danno il benvenuto al padrino del terrorismo e del fondamentalismo, rafforzano il regime nel suo complesso e le sue fazioni più repressive e tutto a danno dei diritti umani in Iran. Accogliere Rouhani non farà altro che incoraggiare questo regime a continuare a torturare e giustiziare il popolo iraniano, a proseguire le sue attività guerrafondaie nella regione, in particolare in Siria, e ad esportare l’estremismo islamico e il terrorismo.

Le relazioni con il regime iraniano devono essere condizionate alla fine delle esecuzioni e ad un miglioramento dei diritti umani in Iran. Questa è la volontà del popolo iraniano, una necessità per la pace e per la sconfitta del terrorismo nella regione e nel mondo.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,475FollowersFollow