lunedì, Aprile 15, 2024
HomeEventsMeetingIl senatore Robert Torricelli: Per risolvere il problema palestinese e ucraino, dobbiamo...

Il senatore Robert Torricelli: Per risolvere il problema palestinese e ucraino, dobbiamo affrontare Tehran

Robert_Torricelli_Iran_Conference_terrorism_europe_22102020

Parlando a una riunione del Parlamento britannico il 28 novembre, l’ex senatore americano Robert Torricelli ha sottolineato la necessità di una risposta unitaria alle azioni di Teheran, in particolare nel recente tentativo di assassinio dell’ex vicepresidente del Parlamento europeo Prof. Alejo Vidal Quadras.

Il senatore Torricelli ha sostenuto che l’impasse decennale del problema palestinese, la guerra in Ucraina e altri conflitti regionali richiedono un confronto diretto con il regime iraniano. Ha chiesto una maggiore determinazione, una rigorosa applicazione delle sanzioni e il sostegno al movimento di resistenza iraniano come misure essenziali per affrontare Teheran.

Segue il testo integrale dell’intervento del Senatore Torricelli:

Grazie mille. Buongiorno all’ambasciatore Bloomfield, e buon pomeriggio ai membri del comitato e parlamentari, membri della Camera dei Lord.

Sono onorato di essere incluso oggi, e vi ringrazio per il vostro tempo. Vorrei innanzitutto ricordare il dottor Quadras, che ha subito un brutale attacco personale, presumibilmente per mano del regime.

È un promemoria per tutti noi che parlare per la libertà e difendere gli interessi dei nostri paesi, non importa dove siamo su questo globo, incontra qualche rischio.

E spero che nel nostro Dipartimento di Stato e a Whitehall, non importa quanto possiamo differire sulla strategia nei confronti dell’Iran, il tentato assassinio di parlamentari o diplomatici europei o americani, anche sulle nostre coste, dovrebbe unirci. È un crimine in Europa come se accadesse qui, che non può rimanere senza risposta.

Quindi, per coloro che potrebbero non essere d’accordo o fare oggi, spero che ci porterebbe una causa comune e il vostro governo avrebbe una risposta forte, come mi aspetterei dal mio.

Nel frattempo, auguro al dottor Quadros una pronta e completa guarigione. E so che nonostante questo attacco brutale, lui, come noi, non sarà messo a tacere.

Penso anche che sia impossibile riunirsi in questi giorni in qualsiasi parte del mondo senza ricordare gli ostaggi detenuti ora a Gaza, quelli brutalmente uccisi il 7 ottobre e le straordinarie sofferenze della popolazione di Gaza durante queste ultime settimane. Tutti sono perdenti. Il mondo è il meno per questo. E i nostri pensieri e le nostre preghiere sono con tutti quelli di tutte le parti.

C’è una tendenza, lo so, a pensare che ora il mondo abbia un altro problema in competizione. I combattimenti a Gaza, seguita dalla guerra in Ucraina, le difficoltà con l’armamento della Corea del Nord, e la guerra civile in Yemen. Ma oggi, almeno in questa stanza e tra noi, possiamo vedere che c’è un filo conduttore.

Non c’è soluzione al problema della Palestina. Non esiste uno scenario probabile per una soluzione a due stati che possa porre fine a questa lunga impasse e a questa terribile lotta pluridecennale, più di quanto non sia probabile una risoluzione in Ucraina senza affrontare il problema del regime di Teheran.

In effetti, direi che è probabile che non ci troveremmo mai in questa situazione in Medio Oriente. Gli accordi di Oslo avrebbero avuto successo. Potremmo aver raggiunto una soluzione a due stati. Se non un singolo attore internazionale ha visto l’interesse che il conflitto continua e ha usato i suoi proxy in Hezbollah e in seguito in Hamas per prolungare il conflitto. E, naturalmente, questo è esattamente ciò che sta accadendo ora in Ucraina con l’Iran che diventa il principale fornitore di armi mentre le scorte russe sono state esaurite.

E così per coloro che hanno sostenuto, nel nostro Dipartimento di Stato, come direi a Whitehall, la convinzione che il tempo curerà il problema iraniano, in qualche modo arriveranno, in qualche modo il regime si evolverà, In qualche modo tutto questo finirà,

Forse ora vedendo questa moltitudine di problemi e questo filo conduttore proveniente dal regime di Teheran sta riconoscendo che non c’è soluzione. Non troveremo un percorso facile per risolvere nessuno di questi problemi fino a quando non affronteremo onestamente il problema di Teheran.

E questo significa rafforzare, non diminuire la nostra determinazione. Significa che le sanzioni non solo vengono applicate, ma vengono pienamente applicate. Significa la designazione delle organizzazioni terroristiche onestamente e pienamente con tutte le conseguenze. E soprattutto significa abbracciare un’opposizione iraniana.

Questo regime non si evolverà. C’è opposizione ogni giorno per le strade dell’Iran. Se li abbracciamo e li sosteniamo nei quartieri politici di tutto il mondo. So che è comune e facile da dire, beh, può essere, ma i bambini delle scuole, i lavoratori e altri malcontenti in Iran non sostituiranno il governo iraniano.

Forse non solo, ma c’è un’opposizione. Il MEK è un’opposizione. La signora Rajavi guida un’opposizione. Il Piano in dieci punti è un’opposizione. Non ha centinaia ma migliaia di sostenitori, non solo nel Regno Unito o in America, ma in tutto il mondo.

Ma hanno bisogno di essere abbracciati e sostenuti. Hanno la volontà, hanno l’organizzazione, hanno le risorse, e hanno dimostrato la loro volontà e la capacità di combattere.

Qual è l’alternativa? Che questo vada avanti per un’altra generazione? Altri omicidi, non solo per le strade della Spagna, ma a Londra o Washington o Berlino? Un altro tentativo sull’Accordo di Oslo solo per far sì che i burattinai di Teheran attivino Hezbollah o Hamas per minare un accordo di pace? Questi problemi sono durati così a lungo e sono così pericolosi che questo non può continuare.

Sono onorato di essere incluso oggi e saluto tutto ciò che stai facendo. Mi fa sentire molto meglio sapere che abbiamo in comune. Spero solo che alla fine, quelli della nostra amministrazione, lascerò che tu parli per la tua, riconoscano la mancanza di un’alternativa.

Questo potrebbe non essere facile, potrebbe non essere il percorso migliore, è l’unico percorso. Porre fine al regime, abbracciare l’opposizione come parte non semplicemente di una strategia in Iran, ma come strategia per affrontare finalmente il problema della Palestina, la guerra in Ucraina, porre fine alla guerra in Yemen, e trattare con questi stati fuorilegge che stanno punteggiando il mondo e causando la nostra generazione a perdere così tanto potenziale per un tempo di pace e prosperità.

Quindi, caro membro della commissione, grazie per avermi invitato, e grazie per aver continuato a portare l’attenzione sulla necessità di un’opposizione unita al regime.

Grazie mille.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow